laRegione
BENCIC B. (SUI)
2
PEGULA J. (USA)
0
fine
(6-3 : 6-3)
pandemia-il-prezzo-della-scuola-in-presenza
Archivio Ti-Press
Le quarantene di classe sono state circa 200
Ticino
15.06.21 - 16:400
Aggiornamento : 18:02

Pandemia, il prezzo della scuola ‘in presenza’

I docenti sottolineano le difficoltà incontrate in un anno per nulla ‘normale’ e chiedono un sostegno per gli allievi lasciati indietro

Per ricordare simbolicamente la fine di un anno scolastico svolto quasi integralmente in presenza – un unicum a livello europeo – ma condizionato comunque dalla pandemia di coronavirus, il corpo docente delle scuole ticinesi, di ogni ordine e grado, è invitato giovedì a sospendere le lezioni per due minuti. Avverrà, ricorda Fabio Camponovo, presidente del Movimento della scuola che raggruppa varie organizzazioni magistrali, «per ricordare l’impegno profuso da tutte le componenti scolastiche nella gestione di un anno particolarmente impegnativo». L’invito è rivolto oltre che agli insegnanti e a tutto il personale della scuola, anche agli allievi e alle loro famiglie.

Giovedì 17 giugno, nel corso della mattinata, negli istituti scolastici ticinesi ci si fermerà per un paio di minuti: “due minuti di riflessione, due minuti per la scuola”, si legge in una nota. 

«È un modo per sottolineare l’obiettivo raggiunto di un anno scolastico comunque molto particolare e anche come spunto rivendicativo nei confronti delle istituzioni e del dipartimento responsabile della scuola», ha affermato ancora Fabio Camponovo. «Il mondo della scuola è giustamente orgoglioso di essere riusciti a rimanere ‘in presenza’. In altri Paesi non si è riusciti, quindi ci fa piacere che in Ticino e in Svizzera, in generale, si sia sottolineata l’importanza educativa e sociale oltre che civile della scuola in presenza», ha continuato Camponovo nelle cui parole c’è un enorme ‘tuttavia’, neanche troppo sottinteso. «Non è stato però un anno ‘normale’ come si vuole fare intendere, né per gli allievi, né per le famiglie, né per gli insegnanti e tutto il personale scolastico», ha precisato. A proposito delle quarantene di classe Camponovo ha fatto notare come ce ne siano stato quasi duecento, coinvolgendo oltre 4mila allievi e famiglie e quattro quarantene di istituto. «Ciò ha significato un doppio lavoro per centinaia di docenti e difficoltà didattiche per tanti allievi. A queste si sono aggiunte le quarantene individuali. Celare allievi e insegnanti dietro una mascherina non ha, infine, agevolato la didattica». Tutto questo è stato possibile grazie a «imposizioni che hanno limitato l’autonomia dei docenti; a forme didattiche digitali che hanno inibito il rapporto con gli allievi, soprattutto quelli più fragili». Da qui la richiesta - sottoscritta anche da altre associazioni della scuola (Vpod-Docenti, Ocst-Docenti; i docenti di educazione fisica, i docenti delle scuole medie superiori, Sisa - valorizzare ancora di più l’educazione intesa come «risorsa per affrontare consapevolmente le incognite che ci aspettano nel prossimo futuro». 

Uno degli aspetti che è emerso nel corso di questa emergenza sanitaria è la fragilità psicologica e pedagogica dei giovani. «Pure nel lodevolissimo intento di portare avanti un insegnamento di qualità il più possibile attento all’equità e all’inclusione, gli allievi più fragili pagano un prezzo di deficit di apprendimento e di difficoltà scolastiche», ha spiegato Camponovo chiedendo al Dipartimento dell’educazione di varare un ‘piano pandemico’ che tenga conto dello stato psicofisico degli allievi. Magari prevedendo corsi di recupero. Infine, l’appello a un maggior coinvolgimento dei Collegi docenti e degli insegnanti nella progettazione della scuola di domani, superando «l’eccezionalità pandemica».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Locarnese
24 min
Lite tra ragazze provoca il danneggiamento di una vetrina
L'episodio, avvenuto questa notte nella Città Vecchia, vedrebbe coinvolte quattro giovani
Bellinzonese
7 ore
Ice fishing, valutazioni in corso per Carì e il Tremorgio
Dopo la proposta della ‘Locarnese’, un gruppo di lavoro ha individuato i due laghi alpini leventinesi come potenziali luoghi ideali per la pesca sul ghiaccio
Ticino
7 ore
Vaccini, test, cartelle cliniche online, la svolta sanitaria
Dopo vari ritardi, accelera ora la sanità digitale. La storia clinica di ogni paziente ticinese accessibile con un clic, ma c'è chi fa resistenza
Ticino
16 ore
Un ‘certificato parziale’ per chi vuole andare in Italia
Il documento, con codice QR, viene rilasciato da oggi in Ticino dopo la prima dose a chi ne fa richiesta. Si spera in un riconoscimento entro il 6 agosto.
Luganese
17 ore
Arogno, cade nella benna per un malore
Sul posto sono intervenuti i soccorritori del SAM ed un elicottero della REGA. Le condizioni sarebbero serie
Bellinzonese
18 ore
'Temperature in sella', quarta tappa verso Losanna con sorpresa
I 50 ciclisti hanno percorso una ventina di chilometri su un battello sul lago Lemano, evitando così le strade trafficate della Riviera del Lavaux
Ticino
19 ore
Ecco i radar di fine luglio
Il distretto più coinvolto dai controlli elettronici della velocità la prossima settimana sarà quello di Locarno con 8 località
Ticino
19 ore
Visite e accessi, nuovi allentamenti nelle strutture sociosanitarie
Il Dss: 'La situazione epidemiologica e il buon grado di copertura vaccinale permettono di rivedere le direttive'. Le novità da lunedì.
Gallery
Mezzovico
20 ore
San Mamete torna a risplendere a Mezzovico
Completato dopo nove anni dall'inizio dell'iter il restauro della chiesa monumento storico e d'importanza cantonale e federale
Ticino
1 gior
Sono 32 i nuovi casi di coronavirus in Ticino nelle ultime 24 ore
Si contano inoltre 11 persone ricoverate, due nei reparti di terapia intensiva
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile