laRegione
21.12.21 - 18:54

Livelli alle Medie: ‘Sì alla revoca, ma la proposta è carente’

Il Movimento della scuola propone delle modifiche al progetto di riforma del Decs. Chieste condizioni adeguate per docenti e allievi

livelli-alle-medie-si-alla-revoca-ma-la-proposta-e-carente
Ti-Press
Il superamento dei livelli non è ostacolato, ma...

“La fretta con cui si intende realizzare questo progetto lascia irrisolte numerose questioni”, scrive così il Movimento della scuola in merito alla proposta del Dipartimento educazione, cultura e sport (Decs) per il superamento dei livelli in terza media. L’associazione di insegnanti è d’accordo con l’eliminazione dei corsi attitudinali e base nel secondo biennio, ma chiede una “riforma convincente, capace di ponderare tutti gli aspetti della questione”. Pertanto propone alcune modifiche, tra cui elementi per migliorare le condizioni di lavoro per docenti e allievi. Su questo punto si chiede di reperire “le risorse aggiuntive necessarie” e di “definire i contenuti disciplinari e le competenze da raggiungere attraverso le nuove modalità didattiche”. Questo andrebbe fatto “con il contributo dei docenti e degli esperti delle due materie coinvolte”. Il Movimento tematizza anche “la difficoltà nel reperire docenti di materia – principalmente di matematica e tedesco – con le competenze necessarie all’insegnamento” e chiede al Decs di affrontarla.

“La riflessione attorno al futuro dei corsi A e B non può essere scissa da un profondo ripensamento dei criteri di accesso alle scuole post-obbligatorie e dell’offerta di posti di apprendistato”, scrive il Movimento. Infatti per alcuni istituti come il liceo vi sono attualmente dei criteri d’entrata basati sulla partecipazione ai livelli attitudinali. Per l’associazione è necessario “avviare fin da subito una seria riflessione atta a garantire a queste scuole nuove condizioni ideali – in termini di risorse e di mezzi a disposizione – per affrontare, in particolare nel primo biennio, eventuali nuovi scenari”. In caso contrario “i problemi principali che la riforma si propone di risolvere rimarrebbero comunque insoluti, spostando semplicemente la questione alla classe quarta”.

Si sa che ogni allievo ha capacità diverse. Per rispondere ai vari bisogni è necessario proporre ad allievi e docenti “condizioni adeguate”, sostiene il Movimento. Il Decs “si limita a proporre la sostituzione dei corsi A e B con delle ore settimanali di laboratorio a metà classe” e per l’associazione non approfondirebbe in maniera adeguata i benefici che espone. “Il solo inserimento in un gruppo a ranghi ridotti non è condizione sufficiente a garantire una maggiore efficacia nell’apprendimento. Fondamentale è la pertinenza del progetto pedagogico”. Dal punto di vista degli insegnanti “il numero di allievi in un gruppo-classe è solamente uno dei parametri utili a stabilire il carico di lavoro”. In merito a ciò viene ricordato che con la proposta del Dipartimento gli insegnanti “dovranno introdurre da 2 a 3 ore settimanali di attività di laboratorio”. Inoltre “preparare e portare avanti un corso differenziato unificato costerà ai docenti notevoli risorse in più rispetto agli attuali corsi separati”.

“Nessuno mette in dubbio le potenzialità dello strumento laboratoriale, ma ci pare poco sensato prendere posizione sull’idea generale di allargare ulteriormente l’uso del contenitore ‘laboratorio didattico’ senza poter discutere dei ‘contenuti’, cioè delle finalità a cui tale strumento dovrebbe mirare”, scrive ancora il Movimento della scuola.

In ogni caso si ritiene fondamentale che, “nel caso si vada nella direzione di un superamento dei corsi A e B anche in quarta media, si valutino con particolare attenzione le ripercussioni di un più libero passaggio verso percorsi scolasticamente impegnativi come quelli offerti dal settore medio superiore”.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
5 ore
‘I detenuti con misure terapeutiche vanno adeguatamente seguiti’
La richiesta al governo delle commissioni ‘Giustizia’ e ‘Carceri’ è ora nero su bianco. La mozione firmata da tutti i gruppi parlamentari
Ticino
6 ore
‘Avanti’, la porta è aperta a tutti
Presentato il nuovo movimento fondato da Mirante e Roncelli dopo le dimissioni dal Partito socialista. ‘Una forza di centro sinistra, moderna e aperta’
Luganese
7 ore
Pura, condannata a 4 anni la donna che accoltellò l’ex marito
La Corte ha accolto integralmente le richieste di pubblica accusa e accusatore privato, sostenendo che l’imputato abbia mentito per costruirsi un alibi
Ticino
7 ore
Primo incontro fra partiti sul dopo Carobbio agli Stati
Domani rendez-vous tra i vertici cantonali delle forze politiche rappresentate a Berna. Per scongiurare un ‘bel pasticcio’, Farinelli dixit
Grigioni
8 ore
Val Calanca, strada forse riaperta prima del weekend
Nella migliore delle ipotesi i lavori di sgombero inizieranno domani. Anche oggi il meteo ha ostacolato la valutazione dei rischi di nuovi scoscendimenti
Luganese
8 ore
Sottrasse mezzo milione a un conoscente, ma non fu riciclaggio
Appropriazione indebita: inflitti 15 mesi di carcere, sospesi con la condizionale, a un 39enne comparso di fronte alle Assise criminali di Lugano
Bellinzonese
9 ore
Ultima tappa per completare la fibra ottica nel Bellinzonese
Amb e Swisscom comunicano che l’anno prossimo saranno connessi anche a Pianezzo, Paudo, Claro, Gudo, Moleno e Preonzo
Bellinzonese
9 ore
‘Via Roggia dei Mulini rimarrà sicura anche con le palazzine’
Il Municipio di Bellinzona risponde all’interpellanza di Boscolo e Sansossio, confermando che il comparto rientra nella mobilità sostenibile
Ticino
10 ore
‘Il nuovo accordo fiscale è molto favorevole per i frontalieri’
Lo scrive in una lettera ai giornali lombardi il ministro dell’Economia italiano Giorgetti, che fa il punto della situazione sull’annoso dossier
Luganese
10 ore
Lugano-Montarina, Villa Ganser e Casa Walty salvate dalla Stan
Il Tribunale amministrativo cantonale accoglie il ricorso presentato contro la licenza concessa dal Municipio per un progetto edilizio
© Regiopress, All rights reserved