laRegione
17.08.21 - 11:17
Aggiornamento: 03.11.21 - 15:41

Si torna a scuola con le mascherine (solo per due settimane)

Il Decs presenta le misure di protezione per il nuovo anno scolastico. Dal 13 settembre mascherine facoltative per tutti gli allievi e per i docenti immunizzati

si-torna-a-scuola-con-le-mascherine-solo-per-due-settimane
Il nuovo anno scolastico è sempre più vicino (Ti-Press)

Si avvicina l’inizio del nuovo anno scolastico ed è tempo per il Decs di presentare alle organizzazioni sindacali e magistrali i progetti di nuove indicazioni sulle misure di protezione dal Covid-19 in vista dell’apertura della scuola, prevista il 30 agosto, che averrà in maniera ordinaria. Stando a quanto comunicato dal Dipartimento l’anno scolastico inizierà con l’uso obbligatorio della mascherina per le prime due settimane (sino al 10 settembre 2021), sia per gli allievi a partire dalla scuola media, sia per tutti i docenti di ogni ordine e grado. Questo – scrive il Decs – “per tenere conto dei numerosi rientri dall’estero e dal “rimescolamento” di popolazione tipico dell’inizio della scuola”.

Dal 13 settembre invece le regole saranno allentate: è previsto che la mascherina per gli allievi delle scuole medie divenga facoltativa, mentre per insegnanti di ogni ordine e grado e per allievi del settore postobbligatorio, previa presentazione di un’autocertificazione relativa al vaccino o all’immunizzazione dopo guarigione, l’uso della mascherina sarà facoltativo nelle aule e nei laboratori, mentre resterà invece obbligatorio nei corridoi, negli spazi comuni, in aula docenti, all’entrata e uscita della scuola e negli spazi esterni. Saranno inoltre nuovamente possibili in presenza i collegi docenti, i consigli di classe e le riunioni con i genitori, nel rispetto delle misure di base dei piani di protezione, e per le uscite con pernottamento sarà raccomandato un autotest preventivo per tutti i partecipanti.

Le misure varate dal Decs saranno, appunto, discusse con le organizzazioni sindacali e magistrali il prossimo giovedì 19 agosto. Dopo aver raccolto le diverse osservazioni le misure saranno definitivamente decise e comunicate entro l’inizio della prossima settimana.

La scuola riprende: attenzione anche sulla strada

La polizia cantonale chiede ai conducenti, in vista della riapertura delle scuole, massima attenzione e ancora maggiore prudenza, in particolare sui tragitti casa-scuola percorsi quotidianamente da numerose bambine e bambini. Per questo motivo con il progetto di prevenzione ‘Strade sicure’, la polizia cantonale e le polizie comunali tornano a sensibilizzare gli utenti della strada con consigli di prevenzione della circolazione stradale a tutela dei più piccoli.

  • Per coloro che si spostano a piedi il consiglio è di rendersi visibili, grazie ad esempio a indumenti fluorescenti, e di procedere in fila indiana, con il bambino più grande dietro e il più piccolo davanti, allo scopo di garantire a tutti una ancor maggiore visibilità. Le fondamentali regole da applicare in caso di attraversamento della strada sulle strisce pedonali sono sempre le seguenti: mi fermo e aspetto, guardo e ascolto, attraverso.
  • Per i genitori o i conoscenti che accompagnano i bambini a scuola in auto ricordiamo di non fermarsi vicino al perimetro scolastico ma nei parcheggi ufficiali. Particolare attenzione va inoltre posta nel corso delle manovre in retromarcia, poiché vi è sempre il rischio di non avere il controllo totale delle aree adiacenti, soprattutto quando vi sono dei bimbi. Inoltre occorre porre attenzione nell’assicurare correttamente i bambini con gli appositi sistemi di sicurezza all’interno dell’abitacolo.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
50 min
‘Appalti internazionali, si chieda il certificato anti-mafia’
Con una mozione Ermotti-Lepori e altri deputati invitano il Consiglio di Stato a modificare il regolamento della legge sulle commesse pubbliche
Luganese
52 min
Lugano, crisi in vista: nel 2023 -20% di reddito disponibile
Un rapporto della Statistica urbana prevede tempi duri per i cittadini di Lugano qualora l’attuale crisi perdurasse con la stessa intensità
Luganese
1 ora
Manno, datore di lavoro a processo per omicidio colposo
I fatti riguardano la morte di un suo dipendente nel 2017, caduto da circa 6 metri di altezza mentre lavorava. Secondo la difesa è colpa della vittima
Ticino
1 ora
Ffs, aumentano i passeggeri e i treni in transito in Ticino
Roberta Cattaneo: ‘Alle 70mila persone sui Tilo dobbiamo aggiungere le molte che usano Ir e Ic’. Zali: ‘Traffico passeggeri incrementato del 15%’
Ticino
2 ore
‘È una risposta concreta ai bisogni degli anziani’
La commissione parlamentare Sanità e sicurezza sociale firma il rapporto di Lorenzo Jelmini favorevole alla Pianificazione integrata
Ticino
2 ore
Malattie trasmissibili: esclusione da centri diurni e colonie
La nuova direttiva del medico cantonale estende il campo di applicazione. Giorgio Merlani: ‘Chiediamo il massimo scrupolo’
Mendrisiotto
3 ore
Oggi il punto di riferimento è l’Ente regionale per lo sport
A un anno dal varo si è già risposto ai bisogni del territorio. A cominciare dalla logistica. Lurati: ‘Il 2023 sarà il vero Anno zero’
Mendrisiotto
3 ore
Con ‘Gnammaggio e l’ApeRitivo’ alla scoperta della Val di Spinee
Pubblicato il quinto racconto per bambini scritto da Moreno Colombo. L’opera contiene anche dei disegni da colorare
Locarnese
4 ore
Locarnese: ‘Periferie e agglomerato, parti dello stesso albero’
Presentati i risultati di uno studio sulla demografia e il parco immobiliare di Onsernone, Verzasca, Vallemaggia e Centovalli. Con proposte di rilancio
Ticino
6 ore
I formaggi ticinesi premiati in Svizzera e nel mondo
Il ‘Merlottino’ della Lati ha ottenuto la medaglia di bronzo ai ‘World Cheese Awards’. Diversi premi anche a livello nazionale
© Regiopress, All rights reserved