laRegione
commerci-e-ristoranti-aiuti-rapidi-per-non-fallire
Ti-Press
Ticino
13.01.21 - 21:170
Aggiornamento : 21:33

Commerci e ristoranti: ‘Aiuti rapidi per non fallire’

Il mondo del lavoro e le organizzazioni economiche auspicano procedure di evasione snelle

Le chiusure che entreranno in vigore lunedì prossimo hanno un sapore amaro per le aziende coinvolte. Il Consiglio federale, durante la conferenza stampa di oggi, ha annunciato anche gli aiuti alle imprese e da queste ultime si leva un coro unanime: ‘Aiuti immediati’.

«Fino alla fine speravamo di poter tenere aperto», ammette Lorenza Sommaruga, presidente di Federcommercio. «Comunque accogliamo queste manovre con tranquillità perché sappiamo che saremo aiutati in maniera mirata e rafforzata e ho già compreso che la tempistica è ottimale». 

Soddisfatta a metà invece è GastroTicino, contenta da una parte per i casi di rigore ma meno per gli aiuti alle aziende che non rientrano nella lista, come quelle del settore alberghiero. Secondo il presidente Massimo Suter dimostrare il 40 percento di guadagni in meno rispetto ai dodici mesi precedenti per ricevere gli aiuti è una soglia molto penalizzante: «Una perdita di questo tipo significa nella maggior parte dei casi essere in fallimento». Suter chiede inoltre sostegno alle aziende che hanno iniziato la propria attività nel 2020: «Sono persone che hanno aperto quest’estate con intraprendenza e con la voglia di tornare alla normalità. Si sono assunte il rischio imprenditoriale e adesso si trovano praticamente senza nessuna speranza perché non rientrano in nessun caso previsto di sostegno. Quindi spero che se non Berna, almeno il Cantone possa prevedere un sostegno e un aiuto a queste realtà ticinesi».

A preoccupare la Camera di commercio del cantone Ticino sono principalmente i settori che non sono stati costretti a chiudere ma che forniscono prodotti o servizi a chi invece ha dovuto abbassare le serrande. Secondo Michele Rossi, delegato delle relazioni esterne, queste aziende subiscono un forte rallentamento e necessitano dunque di essere aiutate: «Bisogna pensare all’economia in termini di sistemi, di filiere. Se noi la fermiamo sarà poi difficile farla ripartire, ci vorrà tempo».

Meno toccate sono le industrie per le quali «lo strumento più importante rimane quello dell’orario ridotto», spiega Stefano Modenini direttore dell’Associazione industrie ticinesi (Aiti). Riguardo alle imprese che sono costrette a rimanere chiuse Modenini auspica indennizzi rapidi altrimenti si rischierebbe «fallimenti a catena, trattandosi di attività che spesso non hanno de grandi margini di liquidità».

Anche i sindacati accolgono positivamente gli indennizzi alle aziende, a condizione che siano «importanti e immediati», afferma Giangiorgio Gargantini, segretario di Unia, secondo il quale la Svizzera ha abbastanza riserve per mettere sul tavolo gli aiuti necessari: «La Banca nazionale ha 800 miliardi di franchi in riserve monetarie, più dell’intero Pil del 2020. Per fare il paragone, la Banca mondiale ne ha quasi 900 di miliardi». Per il sindacato Ocst gli aiuti sono una buona notizia, a patto che le aziende indennizzate mostrino un comportamento responsabile nei confronti dei propri dipendenti evitando di licenziare. In secondo luogo, «chiediamo un’applicazione seria da parte dei datori di lavoro dei piani di protezione, nonché che vengano effettuati controlli in tal senso da parte degli organi preposti», spiega il segretario Renato Ricciardi.

TOP NEWS Cantone
Bellinzonese
2 ore
Cadenazzo, intossicati tre dipendenti del centro della Posta
In corso le verifiche per accertare la cause dei malori accusati da tre persone nel frattempo trasportate all'ospedale. Lo stabile è stato evacuato.
Bellinzonese
2 ore
A Bellinzona due ore in più il sabato per tagliare l'erba
In pubblicazione, con alcune modifiche, la nuova Ordinanza comunale sulla repressione dei rumori molesti: cosa cambia dal giardinaggio ai cantieri edili
Ticino
5 ore
Altre dieci persone perdono la vita per il Covid
Sono 108 i nuovi casi nelle ultime 24 ore, mentre altri 14 pazienti sono stati ricoverati, per un totale di 291 degenti
Ticino
9 ore
Come sardine sui mezzi pubblici
Ogni mattina su alcune linee di bus e treni le persone viaggiano ammassate. Autopostale: ‘Non ci risulta’
Bellinzonese
9 ore
Trattative avviate per una piscina pubblica ad Acquarossa
Il sindaco Odis De Leoni: ‘Sarebbe sufficiente dai tre Comuni di valle un contributo totale di 1,5 milioni’. Serravalle e Blenio chiedono però dettagli
Luganese
17 ore
Lugano, Berna promuove il Polo sociale
Molino Nuovo, la Fondazione Vanoni ridimensiona il progetto del 2012: il costo stimato cala da 64 a 53 milioni. Atteso il messaggio governativo
Ticino
18 ore
Quadranti (Plr): 'Divisione giustizia, perché questo concorso?'
Viene contestato il bando apparso sul Foglio ufficiale, a un anno di distanza da una procedura tortuosa per un altro posto. Ma il discorso è molto più ampio
Ticino
19 ore
Magistratura, corsa a tre per il dopo Siro Quadri
Pretura di Vallemaggia, tre i candidati: Manuel Bergamelli, Brenno Martignoni Polti e Petra Vanoni. La 'Giustizia e diritti' li ha sentiti di recente
Bellinzonese
19 ore
L'azzardo si sposta online, sempre più giovani
L’allarme dal gruppo di prevenzione con sede a Bellinzona. Scende l’età dei giocatori.
Mendrisiotto
20 ore
Riva San Vitale, un altro anno all'insegna della stabilità
Il Municipio presenta il preventivo con un disavanzo contenuto e propone di confermare, per il 23esimo anno, il moltiplicatore all'85 per cento
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile