laRegione
11.12.20 - 17:30
Aggiornamento: 18:21

'Con 'ste chiusure non ci bloccano ma ci sparano ai piedi’

Il presidente di Gastroticino sbotta contro le decisioni del Consiglio federale. Gli aiuti? 'Se son questi meglio non averli, sono subdoli, hanno un prezzo'

con-ste-chiusure-non-ci-bloccano-ma-ci-sparano-ai-piedi
Ti-Press

Il presidente di GastroTicino Massimo Suter, interpellato dalla ‘Regione’ dopo le comunicazioni giunte dal Consiglio federale in merito alle chiusure per bar e ristoranti, esplode: «Non entro nelle decisioni che si fondano su una evidente crisi sanitaria, va bene. Ma non si mette a posto una crisi sanitaria creando un disastro economico che si somma a un disastro mentale, perché la gente e anche gli esercenti non ne possono più».

La sintesi delle comunicazioni da Berna per Suter è semplice: «Non hanno bloccato un settore economico, gli hanno sparato ai piedi dicendogli che se vuole può ancora camminare sulle mani. Per giunta, sorridendo davanti a stampa e telecamere». A questo punto, «una chiusura sarebbe meno grave e più sopportabile: questa situazione in essere non mette in condizione di lavorare in maniera ottimale e neanche di chiudere, perché si viene indennizzati solo in minima parte. Un’autentica presa in giro». Ne ha anche per gli aiuti, Suter.

Perché a suo avviso nemmeno sarebbero tali: «Il discorso è che con questo miraggio la gente pensa che è tutto risolto, non è vero. Questi aiuti per certi versi è meglio non averli, perché il loro prezzo è talmente subdolo e scritto in piccolo nei contratti che alla fine lo Stato ci prende in giro e dovremmo pure ringraziare».

Leggi anche:

Bar e ristoranti chiusi alle 19. Negozi, no aperture domenicali

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Locarnese
1 ora
Acqua potabile per tutti: Locarno, Losone e Muralto solidali
Raccolti e devoluti a favore delle popolazioni dell’Africa occidentale oltre 28mila franchi. Serviranno alla realizzazione d’infrastrutture idriche
Luganese
2 ore
Lugano, incendio boschivo sul monte Brè
Il rogo è stato segnalato all’altezza di via Pineta a Brè sopra Lugano verso mezzogiorno
Locarnese
5 ore
Tre milioni di franchi per combattere le neofite invasive
È la richiesta di credito formulata, attraverso il relativo messaggio, dal Municipio di Locarno, per una vera a propria strategia sull’arco di 10 anni
Locarnese
5 ore
Più passeggeri nel 2022 sul trenino bianco-azzurro e i bus
Le Fart hanno conosciuto un incremento dei viaggiatori su gomma e rotaia grazie anche al notevole potenziamento del trasporto pubblico regionale
Luganese
5 ore
A Monteceneri scatta il referendum sull’acquedotto
Partita la raccolta firme contro il credito da 2 milioni per rinnovare ed estendere le condotte sotto alla Cantonale: ‘Non prioritario né necessario’
Locarnese
5 ore
Troppo traffico e troppo rumore in alcune vie di Locarno
Lo sostengono alcuni cittadini che hanno lanciato una petizione per far abbassare la velocità a 30 km/h in via Franzoni, via Varenna e via Vallemaggia
Bellinzonese
5 ore
Si progetta il nuovo ospedale di Bellinzona da 380 milioni
L’Eoc indica una prima fase realizzativa alla Saleggina entro il 2030, seguita da ulteriori sviluppi nel 2050. Cinque piani e, come oggi, 240 posti letto
Ticino
6 ore
Piove troppo poco: scatta il divieto di fuochi all’aperto
La misura, decisa in considerazione dell’elevato rischio di incendio di boschi, concerne Ticino, Moesano, Val Bregaglia e Val Poschiavo
Bellinzonese
7 ore
‘Malumore e perplessità in comitato’ sull’agire di Martinoli
Associazione ospedali di valle, poco gradita la lettera del primo firmatario sul ritiro dell’iniziativa. Attesa la risposta del Dss alle nuove richieste
Mendrisiotto
9 ore
Pizzicato al confine con 750mila franchi non dichiarati
Controllato dalla Guardia di finanza al valico di Chiasso, l’uomo viaggiava a bordo di un Eurocity proveniente dalla Svizzera
© Regiopress, All rights reserved