laRegione
tra-riaperture-e-chiusure-c-e-il-sussulto-della-politica
Ti-Press
12.02.21 - 12:33

Tra riaperture e chiusure c'è il sussulto della politica

In vista delle decisioni del Consiglio federale i partiti finalmente tornano a dibattere ribadendo la loro importanza. Il governo ne faccia tesoro

La preoccupazione e la stanchezza con cui la popolazione vive il protrarsi dell’emergenza sanitaria ed economica dovuta alla pandemia, sentimenti che sfociano sempre più spesso nell’ansia e nella paura per il proprio avvenire, sono evidenti. L’attesa per le decisioni in merito al prolungamento o meno delle chiusure oltre la data del 28 febbraio, previste verosimilmente per mercoledì prossimo, è snervante e non fa che aumentare il senso di spaesamento davanti a serrande abbassate, teatri chiusi e una vita che sembra sospesa.

Recentemente si è registrato però un sussulto dalla politica, benvenuto quanto necessario. Un sussulto di cui Consiglio federale e Consiglio di Stato devono fare tesoro. La scorsa primavera le forze politiche sono state compatte nel sostenere l’agire dei governi perché la questione degli aiuti è stata gestita bene, tenendo conto dello scenario inedito che si andava ad affrontare. La lunga, estenuante seconda ondata pandemica, per contro, ha lentamente fatto crescere una tensione politica che occorre mettere a frutto. Direttamente dalla voce dei presidenti in Ticino dei partiti rappresentati in Consiglio federale, nell’ultima settimana abbiamo raccolto critiche, suggerimenti, rivendicazioni in merito all’operato del governo a Berna.

Un partito non è un’entità astratta che a ogni tornata elettorale occupa per diletto un certo numero di posti nei Legislativi. Un partito, qualsiasi partito, è un fondamentale elemento di trasmissione degli umori della fetta di comunità che rappresenta. È portavoce di istanze, esigenze, bisogni, problemi. In questi mesi si sono aggiunti senso di precarietà, paura per il proprio reddito e per il proprio posto di lavoro, timore che l’azienda dove si lavora fallisca o che gli aiuti promessi siano insufficienti. Così come ci sono cittadini che chiedono tutela per la salute pubblica, rigore nell’osservare le misure, attenzione nell’approcciarsi alla pandemia.

La richiesta di riaperture avanzata dal liberale radicale Speziali e dal democentrista Marchesi, la cautela predicata dalla socialista Riget e dal popolare democratico Dadò non sono solo le opinioni di quattro persone elette alla presidenza di un partito politico. Sono la traduzione di sentimenti, valori, ideali e visione del mondo che hanno donne e uomini confrontati con una situazione che fino a poco più di un anno fa non avrebbero mai immaginato di vivere. Chi è al governo deve sfruttare queste rivendicazioni, i rimproveri più severi così come le lodi. La politica con il suo contatto diretto con popolazione, associazioni, mondo economico, attività è testimone di quella che è la vita vissuta fuori dal Palazzo. Se i messaggi che porta sono di critica e disagio, è lecito aspettarsi che un governo ne tenga conto. Chi prende le decisioni deve avere davanti a sé uno scenario quanto più preciso possibile prima di decretare ulteriori chiusure alle attività o decidere degli allentamenti.

Uno scenario che non è composto solo da contagi, varianti e scienza epidemiologica ma anche dalla quotidianità delle persone, ognuno con i propri timori. Il dibattito animato e forte, con prese di posizioni anche veementi, ha il compito di rimettere al centro la politica. Che è proposta e azione, segno di vitalità e voglia di partecipare alle decisioni. Ma soprattutto è rappresentare la cittadinanza e fare sentire le sue voci quando vengono prese scelte importanti e dirimenti.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
chiusure consiglio federale economia gran consiglio
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
il commento
13 ore
Putin e l’arma della grande fame
Bloccare il grano e le navi che lo trasportano, affamando l’Ucraina e le nazioni sottosviluppate. Così Mosca prova a far svoltare la guerra in suo favore
Commento
2 gior
Viaggio nell’arena (flatulente) della Rai
La decisione del direttore generale della tv di Stato italiana di separare i talk show dall’informazione ha sollevato una mezza rivolta
L’ANALISI
2 gior
Non è la panacea, ma proviamoci
La Sfl ha approvato il nuovo format della Super League: 12 squadre e playoff
Commento
3 gior
Il disagio psichico e il circo Barnum dei social
Un tempo erano donne barbute e nani ad attrarre la gente nei circhi, oggi il disagio psichico esposto impietosamente attira i click degli utenti del web
Commento
3 gior
Schröder, poltrone come matrioske
I tedeschi gli chiedono di mollare i suoi incarichi russi e lui ne fa spuntare altri. Il vizio tropical-mediterraneo della sedia incollata non ha confini
Commento
4 gior
L’eterno declino degli Usa
La strage razzista di Buffalo è l’ennesimo, tragico sintomo di un Paese diviso, le cui fratture interne sono speculari alla potenza militare
Commento
5 gior
Il Vescovo di Lugano e il vasetto (vuoto) di marmellata
Il prete del Mendrisiotto, fermato ubriaco e con precedenti accuse di molestie, ci porta a riflettere sul binomio superato di misericordia e giustizia
Commento
5 gior
TiSin, la Lega e l’arte della fuga
I granconsiglieri Aldi e Bignasca abbandonano il sindacato giallo che ha cercato di aggirare la legge sul salario minimo. Eppure molti minimizzavano
Commento
6 gior
Matignon: trent’anni dopo, una donna
Donna, autorevole, di sinistra e di sensibilità ambientale: Élisabeth Borne è la nuova prima ministra francese
Commento
1 sett
Lo Stato e la diligenza del buon padre di famiglia
La retorica della destra è riuscita a fare breccia: il pareggio nei conti pubblici andrà raggiunto entro la fine del 2025
© Regiopress, All rights reserved