laRegione
spaccio-oltre-200-grammi-di-cocaina-pena-di-13-mesi-sospesi
Ti-Press
Trafficava e consumava
17.01.22 - 16:50
Aggiornamento : 17:39

Spacciò oltre 200 grammi di cocaina: pena di 13 mesi sospesi

L’imputato, un 34enne, non si presenta in aula perché ricoverato all’ospedale a causa di un incidente. Ha ammesso ogni responsabilità

È incorso in un incidente stradale nel giorno del processo. Ricoverato all’ospedale, al suo avvocato non è rimasto altro che comunicarlo al giudice e presentare un’istanza di dispensa. L’insolita ‘impasse’ è avvenuta nel pomeriggio di oggi alle Assise correzionali di Mendrisio, riunite a Lugano. Il giudice Amos Pagnamenta ha accolto l’eccezione del legale, l’avvocato Mattia Pontarolo, e ha così dato seguito al dibattimento pubblico per il quale era già programmato un rito abbreviato. Il caso è quello di un 34enne che nell’arco di soli tre mesi, tra il febbraio e l’aprile dello scorso anno, ha trafficato oltre 200 grammi di cocaina (grado di purezza stimato attorno al 57%), insomma un quantitativo elevato che ha delineato senza l’ombra di un dubbio l’infrazione aggravata alla legge federale sugli stupefacenti.

Quattro consegne di droga in meno di tre mesi

L’imputato, a sua volta un consumatore di cocaina, ha consegnato l’intero quantitativo di droga in quattro occasioni a due cittadine albanesi. Una volta ancora anche questa inchiesta – titolare la procuratrice pubblica, Margherita Lanzillo – ha confermato quanto a detenere il traffico di cocaina siano cittadini albanesi. Il 34enne, in cambio delle consegne, ha ricevuto un compenso di 200 franchi per ogni viaggio. Nascondeva la droga su di sé, finché gli inquirenti non sono riusciti a finire sulle sue tracce, fermandolo lo scorso 28 aprile. L’imputato ha ammesso ogni responsabilità sin dal primo giorno, ha evidenziato in aula il suo avvocato difensore. Come ‘premio’ di totale collaborazione alle indagini, ha ottenuto il processo con rito abbreviato e una pena sospesa. Salvo poi non potersi presentare per forze maggiori, per un incidente al quale la Corte ha comunque creduto sulla parola al legale, che ha riportato i dettagli della disavventura. Il 34enne è stato riconosciuto colpevole anche di infrazione alla legge federale sulle armi per avere acquistato senza diritto una pistola calibro 22, arma sequestratagli al proprio domicilio dagli agenti di polizia nel corso dell’inchiesta. Il giudice Amos Pagnamenta, al termine di una breve camera di consiglio, ha confermato la pena di 13 mesi sospesi per un periodo di due anni proposta nell’atto d’accusa dalla procuratrice pubblica, Margherita Lanzillo. L’avvocato di difesa, dal canto suo, ha già preannunciato alla Corte che non interporrà alcun ricorso in Appello, cosicché la condanna è definitiva.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
cocaina correzionali processo
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
2 ore
Incidente con un ferito a Bioggio
Stando alle prime informazioni il conducente di una Range Rover immatricolata in Ticino, per cause da stabilire, è rimasto ferito in modo, pare, non grave
Luganese
2 ore
In sella, un anno dopo: il Molino torna in strada a Lugano
Una ‘critical mass’ in bicicletta ha preso il via oggi pomeriggio percorrendo le strade della città per concludersi nel prato dietro l’ex Macello
Mendrisiotto
8 ore
Assolti i due assistenti di cura della casa anziani di Balerna
I due ex assistenti di cura, secondo la Corte d’appello, non hanno maltrattato gli anziani ospiti. Saranno indennizzati per il torto morale subìto
Ticino
8 ore
Targhe, Dadò: ‘O con il nostro rapporto, o pronti alle urne’
La proposta del Plr sulle imposte di circolazione non scalfisce il Ppd. Intanto l’Udc è pronta all’iniziativa per abolire la tassa di collegamento
Luganese
13 ore
Autogestione, un quarto di secolo finito in ‘Macerie’
La storia dell’esperienza raccontata dai protagonisti nel podcast coordinato da Olmo Cerri: ‘Uno spazio di libertà che si è rivelato fondamentale’
Luganese
13 ore
Il ‘risarcimento? Quegli oggetti non avrebbero dovuto esserci’
Il sindaco Michele Foletti non si scompone in attesa della decisione della Crp e riprenderebbe le stesse decisioni adottate nel maggio scorso
Locarnese
14 ore
Tegna, ladri s’intrufolano nelle case
Sottratto denaro ma nessun oggetto di valore. Alcuni tentativi sarebbero andati a vuoto. La polizia conferma l’accaduto
Ticino
14 ore
Imposte di circolazione, il Plr svela le carte e il suo rapporto
Speziali: ‘Abbassiamole, ma come dice il governo nella sua risposta a 96 milioni e con una formula diversa’. E su riforma fiscale e settimana a 32 ore...
Luganese
14 ore
Ex Macello, un anno fa la notte più lunga di Lugano
Cade domani l’anniversario della demolizione del centro sociale. Tra ruspe, glitter e scontri, l’ironico ricordo dell’evento che ha segnato la città
Luganese
22 ore
Collina d’Oro, ‘l’acqua vogliamo gestirla noi’: è referendum
Lanciata la raccolta delle firme contro il messaggio municipale sulla cessione alle Aziende industriali di Lugano della gestione globale dell’acquedotto
© Regiopress, All rights reserved