laRegione
25.05.21 - 11:01
Aggiornamento: 17:01

'Pena troppo mite', la Corte rinvia il caso in Procura

Ritenuta inadeguata la condanna di soli 6 mesi da espiare per un traffico di 1 chilo di cocaina ammesso da un dominicano. Il rito abbreviato s'allunga

di Guido Grilli
pena-troppo-mite-la-corte-rinvia-il-caso-in-procura
TI-PRESS
L'aula penale

Doveva essere un processo con rito abbreviato. Ma i tempi si allungheranno. La Corte delle assise criminali di Lugano stamane ha infatti rispedito in Procura alla pp Petra Canonica Alexakis per una nuova istruzione l'atto d'accusa che contemplava una proposta di pena di 3 anni di detenzione, dei quali solo 6 mesi da espiare e la rimanenza posta al beneficio della sospensione condizionale per un traffico di quasi 1 chilo di cocaina (966 grammi, per la precisione) compiuto a Lugano e ammesso da un cittadino dominicano di 35 anni.

Una proposta di pena da rivedere

Il giudice Amos Pagnamenta, presidente della Corte, ha spiegato che secondo la giurisprudenza il caso prevede condanne oscillanti dai 3 ai 3 anni e mezzo di detenzione da espiare. Pertanto la pena proposta dal magistrato è stata ritenuta inadeguata, perché «troppo mite». Non solo. L'imputato ha ammesso di aver spedito parte del provento della vendita della droga - elevato il guadagno illecito: «quasi 15 mila franchi», ha indicato l'imputato in aula - ma nell'atto d'accusa non è stato contemplato il reato di riciclaggio di denaro. 

Imputato, un 35enne dominicano domiciliato a Cantù ed estradato in Ticino lo scorso gennaio, dopo che per tre anni, dal 2016 al 2019, in correità con altri connazionali già tutti condannati, aveva trafficato complessivamente quasi un chilo di cocaina. «La droga? La compravo in Ticino e la vendevo qui, e una parte dei soldi l'ho spedita all'estero. Venivo due o tre volte al mese in Svizzera per trovare i miei parenti e poi spacciavo» - ha dichiarato il 35enne, interrogato dal giudice Pagnamenta. Che ha rinviato il fascicolo al Ministero pubblico. Il caso tornerà dunque in aula, dopo che il magistrato avrà istruito nuovamente il caso o proporrà un rito abbreviato con una pena adeguata - ha disposto il giudice. 

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
42 min
Piove troppo poco: scatta il divieto di fuochi all’aperto
La misura, decisa in considerazione dell’elevato rischio di incendio di boschi, concerne Ticino, Moesano, Val Bregaglia e Val Poschiavo
Bellinzonese
1 ora
‘Malumore e perplessità in comitato’ sull’agire di Martinoli
Associazione ospedali di valle, poco gradita la lettera del primo firmatario sul ritiro dell’iniziativa. Attesa la risposta del Dss alle nuove richieste
Mendrisiotto
3 ore
Pizzicato al confine con 750 mila euro non dichiarati
Controllato dalla Guardia di finanza al valico di Chiasso, l’uomo viaggiava a bordo di un Eurocity proveniente dalla Svizzera
Ticino
5 ore
La sinistra si spacca sulle armi svizzere all’Ucraina
Il permesso alla riesportazione, sostenuto dal Ps svizzero, non piace a quello ticinese. Carobbio: ‘Intensificare la diplomazia’
Ticino
5 ore
Aumentano i controlli radar? ‘Flasha’ l’interpellanza del Centro
Marco Passalia e Fiorenzo Dadò passano dalle parole ai fatti e chiedono al governo se ‘non si stia esagerando’ e se ‘l’intenzione sia far cassetta’
Luganese
12 ore
Scontro tra un’auto e un centauro a Vezia
Ferite non gravi per il motociclista scaraventato a terra dall’impatto. Il traffico in via San Gottardo è rimasto perturbato per circa un’ora
Mendrisiotto
12 ore
‘Il ‘caso Cerutti’? Per la Sezione Plr la crisi è superata’
Il gruppo di Mendrisio incassa la ‘piena fiducia’ dei vertici cantonali. Alla Direttiva il municipale non c’era. ‘Non ritenevo fosse necessario’
Ticino
15 ore
‘Il nostro sistema democratico sta vivendo un momento di crisi’
La capacità di affrontare i cambiamenti e coinvolgere la popolazione è stato il tema del quarto Simposio tra Cantone e comuni
Bellinzonese
15 ore
La valorizzazione della Sponda Sinistra si fa professionale
La Fondazione Valle Morobbia ha assunto Sabrina Bornatico per stimolare e coordinare progetti e iniziative della zona collinare del Comune di Bellinzona
Locarnese
16 ore
‘Sfruttare la luce per illuminare anche le zone d’ombra’
È l’obiettivo che la Città di Locarno vuole raggiungere grazie alle indicazioni evidenziate nel rapporto della speciale Commissione municipale economia
© Regiopress, All rights reserved