laRegione
25.05.21 - 11:01
Aggiornamento: 17:01

'Pena troppo mite', la Corte rinvia il caso in Procura

Ritenuta inadeguata la condanna di soli 6 mesi da espiare per un traffico di 1 chilo di cocaina ammesso da un dominicano. Il rito abbreviato s'allunga

pena-troppo-mite-la-corte-rinvia-il-caso-in-procura
TI-PRESS
L'aula penale

Doveva essere un processo con rito abbreviato. Ma i tempi si allungheranno. La Corte delle assise criminali di Lugano stamane ha infatti rispedito in Procura alla pp Petra Canonica Alexakis per una nuova istruzione l'atto d'accusa che contemplava una proposta di pena di 3 anni di detenzione, dei quali solo 6 mesi da espiare e la rimanenza posta al beneficio della sospensione condizionale per un traffico di quasi 1 chilo di cocaina (966 grammi, per la precisione) compiuto a Lugano e ammesso da un cittadino dominicano di 35 anni.

Una proposta di pena da rivedere

Il giudice Amos Pagnamenta, presidente della Corte, ha spiegato che secondo la giurisprudenza il caso prevede condanne oscillanti dai 3 ai 3 anni e mezzo di detenzione da espiare. Pertanto la pena proposta dal magistrato è stata ritenuta inadeguata, perché «troppo mite». Non solo. L'imputato ha ammesso di aver spedito parte del provento della vendita della droga - elevato il guadagno illecito: «quasi 15 mila franchi», ha indicato l'imputato in aula - ma nell'atto d'accusa non è stato contemplato il reato di riciclaggio di denaro. 

Imputato, un 35enne dominicano domiciliato a Cantù ed estradato in Ticino lo scorso gennaio, dopo che per tre anni, dal 2016 al 2019, in correità con altri connazionali già tutti condannati, aveva trafficato complessivamente quasi un chilo di cocaina. «La droga? La compravo in Ticino e la vendevo qui, e una parte dei soldi l'ho spedita all'estero. Venivo due o tre volte al mese in Svizzera per trovare i miei parenti e poi spacciavo» - ha dichiarato il 35enne, interrogato dal giudice Pagnamenta. Che ha rinviato il fascicolo al Ministero pubblico. Il caso tornerà dunque in aula, dopo che il magistrato avrà istruito nuovamente il caso o proporrà un rito abbreviato con una pena adeguata - ha disposto il giudice. 

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
13 ore
Arogno, il sentiero resta: respinto il ricorso di Franco Masoni
L’ex consigliere agli Stati riteneva illegittimo il ‘declassamento’ di una strada sterrata per raggiungere la sua proprietà
Luganese
13 ore
Origlio, l’avventura di un negozietto di paese
Peter Murer per 22 anni lo ha gestito guadagnandosi l’affetto della gente. Ora lascia ma ‘Bondì’ resterà
Luganese
1 gior
Direttore arrestato, ‘bisogna cogliere i segnali d’allarme’
Secondo il criminologo Franco Posa allievi, docenti e genitori devono poter far affidamento su una rete esterna per evitare situazioni spiacevoli
Ticino
1 gior
‘Cdm, competenze da ampliare o meccanismi da rivedere’
Consiglio della magistratura, lettera del governo alla commissione parlamentare Giustizia e diritti. Nicola Corti: spunti di riflessione interessanti
Ticino
1 gior
Rincari: ‘Non si scarichino le responsabilità su chi è malato’
A fronte di un aumento dei premi di cassa malati che si prospetta vertiginoso, per Acsi, cliniche private, Eoc, medici e farmacisti serve cambiare sistema
Luganese
1 gior
Lugano prevede di adeguare il rincaro del 3%
Lo annuncia il Municipio nella risposta all’interrogazione presentata dalla sinistra. La decisione definitiva verrà presa il prossimo dicembre
gallery
Bellinzonese
1 gior
Morobbia: dopo 20 anni e 22 milioni, inaugurato l’acquedotto
Entrato in funzione questa estate, in passato era stato contestato dalla Città e oggi produce anche elettricità per oltre mille abitanti
Ticino
1 gior
Le settimane passano, ma non i radar, ed è ottobre
Comune per comune i punti ‘osservati speciali’ dell’azione di controllo della velocità in un’ottica di prevenzione
Bellinzonese
1 gior
Stazione di Biasca senza biglietteria, per il CdS va bene così
Sportelli fisici usati solo dal 5% dei viaggiatori: il governo non entra nel merito della decisione adottata dalle Ffs
Bellinzonese
1 gior
Nuove scuole a Lodrino entro il 2028
Il progetto Meta si è aggiudicato il concorso per la progettazione del comparto scolastico. Investimento complessivo di 38 milioni di franchi
© Regiopress, All rights reserved