laRegione
12.02.21 - 15:36
Aggiornamento: 18:01

Terza corsia sull'A2: "Come Davide contro Golia, ma..."

Il comitato che ha lanciato la petizione online per il no, spiega le criticità di un progetto "anche interessante" che non manca di problematiche aperte

terza-corsia-sull-a2-come-davide-contro-golia-ma
La terza corsia? Anche no (Ti-Press)

Un invito «alle persone sensibili al problema». Riassume in queste poche e semplici parole, ma che potrebbero avere un forte impatto su tutta la comunità fra Mendrisiotto e Luganese, Marzio Proietti il lancio della petizione online 'No alla terza corsia dell'A2'. «Purtroppo se il progetto può anche essere definito interessante – rimarca il portavoce – molte sono le criticità che vanno individuate e risolte. A cominciare dalla mancanza di un dibattito e di un coordinamento con altri progetti fondamentali per la regione, pensiamo al prolungamento di AlpTransit a sud di Lugano e agli sforzi che potrebbero essere vanificati relativi al trasporto pubblico».

E in molti hanno già risposto 'presente', tanto che sul sito sono quasi 2'700 le firme depositate: «Il nostro obiettivo è quello di arrivare alle cinquemila, accogliendo naturalmente con soddisfazione anche quelle che arriveranno oltre a questa soglia. Potremmo sembrare come Davide contro Golia, ma noi ci crediamo!» avverte Proietti. Chiara... la strada intrapresa: chiedere al Consiglio federale di abbandonare il progetto dell’Ufficio federale delle strade (Ustra) relativo al potenziamento dell’A2 tra Lugano e Mendrisio. Tra le richieste anche quella di progettare in modo coordinato – da Chiasso a Lugano – una circonvallazione in galleria e/o una copertura dell’autostrada nei centri abitati, in modo da contribuire al miglioramento ambientale e paesaggistico della regione. 

'Già 120mila metri quadrati di autostrada'

«Il comitato promotore – evidenzia il nostro interlocutore – ha voluto formulare soprattutto tre richieste, rivolte alla consigliera federale Simonetta Sommaruga, direttrice del Dipartimento federale dell’ambiente e dei trasporti. Innanzitutto respingere la cosiddetta "terza corsia  dinamica", in quanto non risolve il problema attuale del traffico e avrà un forte impatto sul territorio, sia durante la realizzazione (cantieri) sia a opera conclusa. In secondo luogo, chiediamo di iniziare a pianificare e realizzare in modo coordinato a livello regionale la circonvallazione in galleria e/o la copertura dell’A2 nei centri abitati del Mendrisiotto e Basso Ceresio. Infine, vorremmo si pianificassero e realizzassero in modo coordinato i grandi progetti sulle vie di transito nazionali a sud di Lugano, AlpTransit, come detto, e i futuri interventi sull’A2, ciò per un utilizzo efficace delle risorse finanziarie e del territorio». 

Secondo il comitato, dunque, il progetto di potenziamento dell’A2 tra Lugano e Mendrisio (PoLuMe) «è costoso e inefficace: la costruzione della terza corsia dinamica (prevista per il 2040) porterebbe a un aumento del traffico, e, soprattutto, non risolverebbe i problemi delle code alle entrate e uscite nei centri urbani durante le ore di punta. Con il risultato che i cittadini della regione subiranno le conseguenze negative dell’aggravio del traffico in termini di inquinamento fonico e ambientale». Inoltre, il progetto PoLuMe «non migliorerà né la qualità di vita né quella paesaggistica in gran parte della regione compresa tra Lugano e Mendrisio. Infatti, secondo i piani dell’Ustra, solo brevi tratti autostradali tra Grancia e Melide e tra Bissone e Maroggia saranno riprogettati in galleria. Questo è inaccettabile, soprattutto considerando che la popolazione residente dovrà convivere per circa quindici anni con dei cantieri che occuperanno aree molto estese, soprattutto nel territorio di Melano. L’autostrada, che occupa già 120'000 metri quadrati del territorio di Melano, è la causa principale di degrado ambientale della regione e un miglioramento paesaggistico può essere ottenuto solo attraverso una pianificazione coordinata a livello regionale, con la messa in galleria o una copertura dell’A2 nei centri abitati del Mendrisiotto e Basso Ceresio. In quest’ottica la petizione chiede anche un coordinamento tra i progetti autostradali e quelli ferroviari, in modo da ridurre costi e impatto ambientale».

Leggi anche:

Una petizione per salvare la regione dalla terza corsia A2

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
7 min
Giudice supplente, proposta l’elezione di Federica Dell’Oro
Così la commissione Giustizia e diritti. La parola al plenum del Gran Consiglio
Gallery
Mendrisiotto
30 min
Mendrisio fa un passo avanti sul sentiero del Laveggio
Il Consiglio comunale vota all’unanimità i fondi per completare i camminamenti lungo il fiume, nel solco di un parco intercomunale
Mendrisiotto
2 ore
Coldrerio, un 18enne aggredito e picchiato da due persone
Funziona il dispositivo di ricerca della polizia: fermati gli autori del tentativo di rapina. La loro posizione è al vaglio degli inquirenti
Luganese
2 ore
La Città lancia un percorso formativo rivolto ai commercianti
Lugano Living Lab promuove un incontro all’ex asilo Ciani per far conoscere le ‘opportunità’ e favorire una digitalizzazione alla portata di tutti
Ticino
2 ore
Superamento dei livelli, un accordo che sembra avere i numeri
Firmato a maggioranza il rapporto commissionale che propone una sperimentazione su base volontaria con vari modelli di codocenza. In parlamento a febbraio
Ticino
4 ore
Al via il programma cantonale di screening colorettale
Il Dipartimento sanità e socialità offre, da febbraio, un test gratuito e volontario per una patologia dove la prevenzione è fondamentale
Ticino
4 ore
Raccolte firme sui costi della salute, allarme rosso in casa Ps
Riget e Sirica agli iscritti: rischiamo di fallire su referendum contro la deduzione per i premi dei figli e iniziativa per i premi al 10% del reddito
Ticino
5 ore
Dalla Vpod oltre 7’700 firme per cure sociosanitarie di qualità
Consegnate oggi le sottoscrizioni che chiedono anche più attenzione alle prestazioni socioeducative. Ghisletta: ‘Cautamente ottimista, serve migliorare’
Luganese
5 ore
Tentata rapina al chiosco in stazione a Ponte Tresa, due fermi
Un uomo, insieme a una complice, ha minacciato la commessa con un’arma da taglio chiedendo l’incasso. I due hanno poi desistito e sono fuggiti a piedi
Luganese
5 ore
In manette per 12 kg di canapa destinati al Ticino
In prigione al Bassone da giovedì per tentata estorsione, il 30enne albanese si rifiuta di rispondere agli inquirenti
© Regiopress, All rights reserved