laRegione
la-terza-corsia-sull-a2-un-progetto-inutile
'Meglio favorire il trasporto pubblico'
I dibattiti
20.11.20 - 18:540
Aggiornamento : 19:46

La terza corsia sull'A2? Un progetto inutile

Al potenziamento dell'autostrada tra Lugano e Mendrisio meglio preferire una visione lungimirante della mobilità

Il progetto Potenziamento della A2, PoLuMe, prevede l’attivazione di una corsia dinamica per senso di marcia, lo scavo di nuove gallerie, l’ampliamento delle esistenti e la realizzazione di uno svincolo a Melano. Ustra dà per scontato che il traffico crescerà nei prossimi anni, malgrado la popolazione del Ticino, non solo non aumenta ma diminuisce (meno di 2'000 unità nel 2019). Anche il numero dei posti di lavoro (230'800), già molto alto rispetto al numero degli abitanti (351'491), è poco probabile che cresca ancora.

Nutriamo dubbi anche sui dati presentati da Ustra in merito alla ripartizione delle tipologie di traffico sulla A2 sezione di Maroggia, secondo cui la maggior parte degli spostamenti originerebbe dal comparto stesso. Ciò che invece tutti possono notare è la bassa - media 1.05 passeggeri - occupazione delle auto; se l’occupazione salisse a 2 persone, il traffico sarebbe quasi dimezzato.

Ammesso che il progetto presentato alla popolazione porti, a Bissone e Maroggia, miglioramenti alla qualità del territorio e del paesaggio, Melano, oltre a continuare a essere attraversato da autostrada e cantonale, dovrà sacrificare una porzione di prezioso terreno verde al nuovo svincolo. Peggio, il progetto renderebbe la cantonale - passante in tunnel autostradale dietro Maroggia - più attrattiva e non basterebbero certo le misure di compensazione previste, a ripagare Melano per le ripercussioni del nuovo svincolo, del grande cantiere che si protrarrà per anni e del mantenimento di una cantonale molto trafficata da Mendrisio a Melano. Crediamo che questo progetto, dal costo esorbitante di oltre un miliardo di franchi, porterebbe a un miglioramento solo transitorio del problema delle colonne sull’autostrada tra Mendrisio e Lugano nelle ore di punta.

Visto che l’intasamento della A2 è causato soprattutto dai lavoratori pendolari che si spostano dal Mendrisiotto e dalla Lombardia al Luganese la mattina e al rientro la sera, occorre insistere con politiche incisive volte a favorire l’utilizzo del trasporto pubblico, la condivisione dell’auto, realizzando posteggi alla frontiera e l’attivazione della tassa di collegamento in tempi ragionevoli, come previsto dal Dt.

La pandemia potrebbe portare qualche cambiamento positivo, e contribuire a ridurre il numero di veicoli sulla A2, rispetto alle proiezioni che indicavano, per il 2030, un ulteriore importante aumento del traffico. Numerose ditte e amministrazioni pubbliche, avendo sperimentato il telelavoro, prevedono di continuare a proporre ai propri dipendenti la possibilità di lavorare almeno parzialmente da casa. In conclusione, una visione lungimirante della mobilità e della risposta ai cambiamenti climatici non deve facilitare gli spostamenti di persone e merci su strada bensì ridurli al minimo indispensabile. Invece di nuove strade, si dovrebbe accelerare il prolungamento di Alp Transit a sud di Lugano e reintrodurre gli Intercity dal Mendrisiotto.

ULTIME NOTIZIE I dibattiti
I dibattiti
3 gior
A cento anni dalla morte di Emilio Bossi (Milesbo)
Avvocato, politico e giornalista, questa figura ha lasciato una traccia profonda nel 'suo' Mendrisiotto e in Ticino
I dibattiti
6 gior
Mendrisio investe nei suoi quartieri. Eccome
L'elenco degli interventi messi in campo dal Municipio della Città è lungo. Ad Arzo solo di recente si sono spesi diversi milioni
I dibattiti
6 gior
Finanze comunali di Bellinzona, il tempo presenta il conto
Preventivo 2021 in cifre rosse: l'autofinanziamento dei 13 ex Comuni, pari a 18 milioni, si è volatilizzato
I dibattiti
1 sett
Una zona a 30 orari ingiustificata a Balerna
Moderare il traffico nel quartiere Caslaccio non serve. E alcuni residenti si sono già fatti sentire
I dibattiti
1 sett
Giù le mani da Bellinzona (e attenti al referendum)
Nuovo Quartiere Officine tra ‘bulimia progettuale e delirio d'onnipotenza’
I dibattiti
1 sett
'Sto con chi vuole un comparto Valera agricolo'
Per centrare l'obiettivo tra pochi anni, però, occorre cercare il compromesso; anche dialogando con i proprietari privati
Il dibattito
2 sett
Al massimo in cinque a teatro, tale misura si giustifica?
'Alla parola 'cultura' molti politici che vanno per la maggiore son pronti a metter mano alla pistola'
I dibattiti
2 sett
Più lavoro e meno alloggi superflui
Quartiere Officine a Bellinzona: 'Oltre agli aspetti architettonici, che dovrebbero integrarsi meglio nel tessuto urbano, ci aspettiamo che si rivedano i contenuti'
I dibattiti
2 sett
Un’iniziativa per il rispetto dei diritti umani
L’iniziativa per multinazionali responsabili vuole regole vincolanti che impegnino le aziende svizzere a rispettare ovunque i diritti umani e le norme ambientali
I dibattiti
3 sett
Il Quartiere Officine non considera la Bellinzona esistente
‘Le scelta fatta non tiene conto di quanto ci sta attorno e di quanto si è già deciso di costruire attorno’
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile