laRegione
01.02.21 - 05:55
Aggiornamento: 15:59

Una petizione per salvare la regione dalla terza corsia A2

Un gruppo di cittadini di Melano lancia una raccolta firme indirizzata a Simonetta Sommaruga. L'appello: prima dell'autostrada, viene il territorio

una-petizione-per-salvare-la-regione-dalla-terza-corsia-a2
Potenziamento controverso (Ti-Press)

Agli abitanti del Mendrisiotto e Basso Ceresio non nominate le strade. A gran parte di loro si rizzerebbero i capelli in testa. Da alcuni anni ormai da quelle parti c'è un rapporto di amore-odio con le arterie che attraversano una regione pur sempre sulla 'via delle genti'. Così quando all'orizzonte è comparso il progetto di potenziare l'autostrada fra Lugano e Mendrisio - si legga la terza corsia dinamica -, la preoccupazione di istituzioni e popolazione è cresciuta ancora di più. Il compromesso raggiunto nel settembre scorso sembrava aver placato gli animi, ma non è così. Non a tutti i cittadini che vivono nei Comuni sulle rive del Ceresio la variante scelta dall'Ustra, l'Ufficio federale delle strade - la cosiddetta 4/2 -, è piaciuta. Evocata dalla Commissione regionale dei trasporti - a nome degli enti locali - come unica soluzione possibile, la via imboccata non presta sufficiente attenzione al territorio. Insomma, per molti le criticità di questa proposta, ribattezzata PoLuMe, non sono trascurabili. E ciò sebbene comprenda la costruzione di nuovi svincoli e il passaggio in galleria per alcuni brevi tratti tra Grancia e Melide e fra Bissone e Maroggia; orizzonte temporale il 2040. Una prospettiva considerata, comunque, "costosa e inefficace".

Un gruppo di cittadini di Melano, quindi, ha deciso di non accontentarsi di quanto è stato servito sul piatto a livello federale e di dare forma e sostanza alla protesta. Da adesso si fa sul serio. La stessa determinazione che ha convinto oltre 700 persone a sottoscrivere la petizione lanciata sabato sera, destinataria la Consigliera federale Simonetta Sommaruga. E non si è che all'inizio. Anche perché, si reclama, Melano al pari di Bissone - su cui si è avuto un occhio di riguardo - è iscritto all'Isos, l'Inventario federale degli insediamenti svizzeri da proteggere d'importanza nazionale.

Obiettivo: più firme possibili

A dirla lunga sulla volontà di farsi ascoltare è il tam-tam veicolato, oltre che dalla raccolta firme - online e cartacea -, dal sito web e dalla pagina facebook aperti nelle ultime ore. I promotori, che hanno le radici in particolare a Melano, non lo nascondono: «Intendiamo raccogliere il maggior numero di adesioni possibile», conferma a 'laRegione' Marzio Proietti. Un obiettivo ambizioso ma non così arduo in una realtà assai sensibile a traffico e inquinamento. La speranza, si dice sottovoce nel gruppo - che conta sulla presenza anche di consiglieri comunali del Comune rivierasco -, è toccare quota 5mila sottoscrizioni. Del resto, se può essere presa per buona la reazione dei cittadini che hanno partecipato alle due serate informative organizzate nel paese nei mesi scorsi - con tutte le cautele dettate dal Covid-19 -, il tema è di quelli che infiammano gli animi.

Primo: niente variante 4/2

Ecco perché i fautori della petizione puntano soprattutto su tre punti, che valgono altrettante richieste puntuali. Sollecitazioni che chiudono la porta alla variante indicata, ma non sbarrano la strada del tutto alla terza corsia, come vorrebbero, invece, fare le associazioni ambientaliste. Chi ha fatto propria l'azione del gruppo locale dei cittadini crede nel miglioramento del trasporto pubblico, ma altresì nella difficoltà di spostare tanti automobilisti verso il treno.

L'istanza rivolta alla responsabile del Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni chiede così, innanzitutto, di "respingere il progetto dell’Ustra per il potenziamento dell’A2 tra Lugano e Mendrisio (terza corsia dinamica), perché non risolve il problema attuale del traffico e avrà un forte impatto sul territorio, sia durante la realizzazione sia a opera conclusa".

Secondo: occhio al territorio e salute

In Proietti e negli abitanti si è fatta strada, infatti, una domanda: «Ci si è chiesti come è possibile spendere tutti quei soldi - che pare siano lievitati da oltre un miliardo a 1,8 miliardi - per realizzare questo potenziamento e una terza corsia che verrà aperta solo nelle ore di punta del traffico. Possiamo ben dire che il rapporto costi-benefici risulta essere sproporzionato». E questo con il rischio di attirare più traffico e moltiplicatore le colonne; timore espresso dagli ambientalisti. Tutto ciò si verificherà, si paventa, trascurando le ricadute sul territorio. Un aspetto che i promotori della raccolta firme ritengono, invece, prioritario. Occorre, rilanciano, "iniziare a pianificare in modo coordinato a livello regionale la circonvallazione in galleria e/o la copertura dell’A2 nei centri abitati del Mendrisiotto e Basso Ceresio. Solo in questo modo è possibile ottenere un reale miglioramento paesaggistico e ambientale nella regione".

E qui sarà importante (se non cruciale) il parere dei Comuni, chiamati a dire la loro al Cantone - che a sua volta dovrà rispondere alla consultazione federale - sull'ampliamento dell'autostrada entro il 15 marzo prossimo. Farsi sentire diventa quindi importante. «A 65 anni circa dall'aperturadell'A2, prima d'intervenire - esorta Proietti - è bene ragionarci su». Una riflessione urbanistica, si fa capire, per salvare la quotidianità di Mendrisiotto e Basso Ceresio, ma al contempo la salute dei cittadini. Tanto più che a primavera tornerà a riunirsi pure la Commissione di accompagnamento politico al progetto.

Terzo: coordinare le opere

Simona Fumagalli che a inizio settembre era fuori dalla Casa comunale di Melano, dove all'interno Crtm, Comuni rivieraschi e responsabili dell'Ustra sedevano allo stesso tavolo, ha fatto un calcolo. «Ho calcolato - ci spiega - gli anni di cantiere: ebbene se sommiamo quelli del progetto autostradale con Alptransit e altre opere arriviamo a 30 anni. Dovremmo convivere con due enormi cantieri in una zona, quella dei prati del Tannino, sensibile». Una ragione sufficiente per domandare al Consiglio federale di "pianificare e realizzare in modo coordinato i grandi progetti sulle vie di transito nazionali a sud di Lugano (AlpTransit e futuri interventi sull’A2), per un utilizzo efficace delle risorse finanziarie e del territorio. La qualità di vita della popolazione può essere tutelata solo coordinando queste grandi infrastrutture". E questo soprattutto se si sogna un parco a lago sui terreni oggi attraversati dall'A2. Non a caso da Melano a giugno si era già levato un appello al Gran consiglio da parte di consiglieri e municipali.

Un progetto che guarda al futuro con 'vecchi parametri'

Detto fuori dai denti, per i fautori della petizione non basta risolvere il problema dei colli di bottiglia lungo l'A2 per uscire dalla situazione viaria attuale. Oggi, ribadiscono, non bisogna ripetere gli errori del passato. In effetti, sottolineano "questo progetto guarda al futuro con vecchi parametri, senza tenere conto delle alternative di trasporto né delle nuove tecnologie (mezzi pubblici, mobilità lenta, telelavoro) che potrebbero di fatto contribuire a una diminuzione del traffico e a gestire flussi di veicoli più regolari". Senza trascurare, insistono, che "l’aumento della capacità dell’A2 è inoltre in contrasto con i principi dell’articolo 84 sulla protezione delle Alpi della Costituzione Svizzera (trasferimento dalla strada alla ferrovia del traffico merci e ampliamento delle strade)". Ce n'è abbastanza, chiosano, per evitare di stravolgere il territorio, ancora una volta.

Leggi anche:

Terza corsia tra Lugano e Mendrisio, il progetto è pronto

'La terza corsia sull'A2? Noi non la vogliamo'

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Grigioni
4 ore
Parco Calanca avanti tutta: il sì dell’associazione alla Charta
L’assemblea dei delegati ha votato all’unanimità lo strumento pianificatorio. Il 29 gennaio parola alla popolazione. Se avallato, il dossier andrà a Coira
Luganese
4 ore
Massagno, si è spento Paolo Grandi
Aveva 82 anni. Promotore e presidente dell’associazione Carlo Cattaneo, fondò la delegazione ticinese dell’Accademia italiana della cucina
Mendrisiotto
6 ore
Per l’ente turistico un ‘Preventivo 2023 prudente’
Molte incertezze date dalla situazione internazionale. Previsto un disavanzo di oltre 60mila franchi. Circa i pernottamenti il 2022 si prospetta positivo.
Grigioni
6 ore
Grono mira a rendere meno cara la vita ai suoi cittadini
Popolazione preoccupata in particolare dall’aumento della bolletta elettrica. Moltiplicatore: il Municipio propone di ridurlo al 90%
Luganese
7 ore
Lugano, carovita al 2,5% per i dipendenti della Città
Il Municipio adegua le scale salariali del personale e il presidente della Commissione Fabio Schnellmann esprime soddisfazione
Bellinzonese
7 ore
Esplode la spesa ‘perché il Municipio non ha fatto i compiti’
Preventivo ’23 di Bellinzona: la maggioranza Plr, Sinistra e Centro della Gestione giudica troppo blanda la spending review e teme misure drastiche
Locarnese
7 ore
Il Museo di Val Verzasca nominato all’EMYA 2023
Tra i sette istituti culturali svizzeri iscritti per il prestigioso riconoscimento europeo vi è anche la struttura con sede a Sonogno
Ticino
11 ore
Un appello per l’Ucraina (e contro Putin)
È quello reso pubblico da Verdi, Ps, Mps e altre formazioni progressiste in previsione della Giornata mondiale dei diritti umani
Locarnese
11 ore
Hangar 1, il Cantone risponde alle Città
Sul futuro dell’aviorimessa all’Aeroporto di Locarno, il CdS ha raggiunto un’intesa con la Aelo Maintenance, che si occuperà della ricostruzione
Bellinzonese
1 gior
Ad Airolo-Pesciüm l’inverno scatta il 16 dicembre
Una nuova stagione invernale ricca di interessanti proposte e attività per tutti gli amanti della neve scalpita
© Regiopress, All rights reserved