laRegione
un-audit-esterno-per-fare-chiarezza-sull-ex-macello
L'ex... ex macello (Ti-Press)
10.06.21 - 15:55
Aggiornamento: 16:19

Un audit esterno per fare chiarezza sull'ex Macello

La richiesta al Municipio di Lugano avanzata da un'interpellanza sottoscritta da un gruppo di consiglieri Ps e Pc, Movimento Ticino&Lavoro e Verdi

Un audit esterno sullo sgombero e soprattutto sulla demolizione dell’ex Macello. A richiederlo a gran voce al Municipio di Lugano, in forma di interpellanza, un gruppo di consiglieri Ps e Pc, Movimento Ticino&Lavoro e Verdi. "Non si tratta soltanto d’impegnare l'esecutivo a una maggiore presa di responsabilità nel chiarimento della controversia – scrivono – ma anche di un esercizio che potrebbe eventualmente servire a identificare e a correggere quelle disfunzioni amministrative, istituzionali e politiche di fondo che potrebbero avere contribuito a determinarla; ciò, ad esempio, per quanto concerne anche il fondamento e la portata delle deleghe decisionali accordate dal Municipio all’amministrazione comunale, compresa la Polizia comunale". 

Lo sgombero e la demolizione parziale dell’ex Macello avvenuti nella notte tra il 29 e il 30 maggio stanno, infatti, continuando a tenere banco non solo sulla scena politica luganese: "Questi avvenimenti, oltre ad avere avuto un notevole impatto sulle prospettive future dell’autogestione, sono stati accompagnati da una serie di gravose incognite circa l’agire delle autorità. Non a caso, la vicenda si vede già al momento oggetto di una querela penale, di un’istanza d’intervento alla Sezione degli enti locali e di svariati atti parlamentari" non mancano di ricordare i consiglieri comunali. A suscitare seri interrogativi, soprattutto, "il fatto che, stando a quanto emerso dalla stampa, uno scenario di tale portata fosse già stato previsto in precedenza dalla Polizia comunale, senza tuttavia che il Municipio nella sua interezza e in qualità di organo collegiale fosse mai stato effettivamente coinvolto. Altrettanto problematica è inoltre la constatazione secondo la quale, come confermato anche da alcuni municipali, la stessa decisione di demolire l’ex Macello sarebbe stata presa soltanto all’ultimo momento e consultando unicamente una parte dell’Esecutivo. Non da ultimo, sono numerose le preoccupazioni che sorgono in relazione all’intervento effettivo di demolizione, a partire dall’assenza di un accertamento relativo alla presenza di sostanze nocive, dall’esistenza o meno di un caso d’urgenza e dal mancato coinvolgimento del Dicastero immobili della Città". 

Da qui la richiesta di un audit esterno. Per quale scopo in particolare? "Allo scopo di meglio accertare anche quegli aspetti e quelle problematiche che – non assumendo necessariamente un rilievo specifico ai fini del perseguimento penale e della vigilanza amministrativa esercitata dalla Sel – interessano nella fattispecie i processi decisionali e di controllo interni al Comune, indipendentemente dall'esito delle inchieste in corso riteniamo necessario aprire a tempo debito", è la spiegazione degli interpellanti che ricordano come "il Regolamento comunale istituisce un Servizio di revisione interna, finalizzato anche a valutare e migliorare i processi di controllo, di gestione dei rischi e di corporate governance".

 

Leggi anche:

Le ruspe hanno demolito il Molino

Il Ministero pubblico sequestra l'ex Macello di Lugano

Demolizione ex Macello, Ghisletta (Ps) invia un'istanza d'intervento

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
audit ex macello interpellanza lugano molino
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
17 min
‘Serve un maggiore accumulo idrico nei grandi laghi’
È quanto emerge dall’incontro tra un gruppo del Gran Consiglio e i Consigli regionali di Lombardia e Piemonte
Ticino
51 min
Il Cantone apre ai bitcoin: ‘Pagamenti limitati, per ora’
Sarà possibile pagare alcune tasse amministrative online. ‘Si tratta di un progetto pilota, per ora gli importi sono limitati e non toccano le imposte’
Luganese
1 ora
Campione d’Italia, il sindaco si autosospende. Padula ad interim
Motivi di salute all’origine della decisione del primo cittadino dell’enclave. Dovrebbe rientrare in carica per fine settembre
Bellinzonese
2 ore
È giunta l’ora delle ruspe per la vecchia Valascia
Lunedì 11 luglio l’avvio della demolizione. Appuntamento sul posto per chi vorrà salutarla un’ultima volta
Bellinzonese
2 ore
Abuso sessuale alla Fabrique, imputato di nuovo in aula
Processo bis nei confronti dell’uomo condannato in prima istanza per aver approfittato di una ragazza ubriaca. La difesa chiede l’assoluzione
Grigioni
3 ore
È deceduto il bagnante rinvenuto sabato nel Lago di Poschiavo
Il 54enne italiano si era immerso ma non era più tornato in superficie. Ritrovato ad alcuni metri di profondità, era stato elitrasportato in ospedale.
Locarnese
4 ore
Tampona con lo scooter una macchina, gravi ferite per un 55enne
Lo scontro è avvenuto verso le 13.30 poco prima della rotonda dell’aeroporto di Locarno.
Locarnese
9 ore
Aumenta la popolazione scolastica in Bassa Vallemaggia
Ai Ronchini una sezione in più delle Elementari; arriva una nuova docente e viene istituita la figura del vicedirettore
Mendrisiotto
12 ore
Pannelli fotovoltaici per tutti a Mendrisio
In una mozione interpartitica un gruppo di consiglieri comunali propone di lanciare una raccolta fondi per estendere gli aiuti anche agli inquilini
Ticino
12 ore
‘Nessuno sta sotto i ponti. Malessere giovanile, non economico’
Presentati gli aggiornamenti del Morisoli Welfare Index. Pamini: ‘Lo Stato sociale è da riformare integralmente ripensando l’uso delle attuali risorse’
© Regiopress, All rights reserved