laRegione
24.05.22 - 19:02

Pestaggio in rotonda, ‘tentato omicidio intenzionale’

Promossa l’accusa per i due fratelli, in carcere da cinque mesi, che lo scorso dicembre a Locarno picchiarono un 18enne

pestaggio-in-rotonda-tentato-omicidio-intenzionale
archivio Ti-Press
Calci alla testa quando la vittima era a terra

L’accusa principale è omicidio intenzionale, tentato. In subordine: lesioni gravi, tentate. Poi c’è un secondo reato, quello di aggressione (in alternativa lesioni semplici, vie di fatto). Si fa pesante la situazione per i due fratelli, uno di 20 e l’altro di 19 anni, che lo scorso 4 dicembre – assieme ad altri giovani, mai identificati – avevano pestato con violenza un 18enne nella rotonda di Piazza Castello a Locarno. La vittima era finita al Pronto soccorso con ferite diverse, soprattutto alla testa. La vicenda era rimbalzata sui quotidiani, che avevano riportato il racconto dei genitori del 18enne.

I due aggressori erano poi stati acciuffati e arrestati una quindicina di giorni dopo, il 20 dicembre. Da allora sono in carcere e presto finiranno alla sbarra. Dovranno rispondere del loro agire di fronte alle Assise criminali: la Procuratrice pubblica Valentina Tuoni ha concluso l’inchiesta e nei giorni scorsi ha promosso l’accusa.

Qualcuno urlava ‘ammazzalo’

L’Atto d’accusa ripercorre quanto avvenuto quella sera, quando molti giovani (come spesso accade il sabato nella città sul Verbano) centinaia di giovani si sono ritrovati in zona rotonda, a due passi da Piazza Grande. I due fratelli – stando all’atto d’accusa – hanno "intenzionalmente, per dolo eventuale, tentato di uccidere" il 18enne. In subordine, hanno "intenzionalmente tentato di ferirlo, mettendone in pericolo la vita, rispettivamente tentato di cagionare un grave danno al corpo e alla salute fisica di quest’ultimo".

Stando a quanto appurato dalla procuratrice pubblica, il maggiore dei due fratelli ha afferrato il 18enne per le gambe, facendolo cadere. In seguito si è messo sopra di lui e, dopo averlo afferrato per la giacca, gli ha sferrato numerosi pugni al volto. L’altro fratello, con almeno altre due o tre persone non ancora identificate, che facevano parte dello stesso gruppo, gli ha inferto calci in testa. Anche gli altri membri del branco, contemporaneamente, hanno iniziato a colpire con pedate il ragazzo a terra, sia con la punta del piede, sia schiacciandogli la faccia e la testa con la suola delle scarpe. Hanno continuato a pestarlo e si sono accaniti per almeno 30 secondi. Nel mentre – precisa Tuoni – veniva urlato "ammazzalo", "ammazzalo". Un altro ragazzo pure 18enne, ha cercato invano d’intervenire, venendo pure lui colpito con pugni alla testa e alla schiena. Infine il fratello 19enne, messosi in piedi sopra il giovane ancora a terra, lo ha colpito al capo con una bottiglia di vetro vuota.

Solo con il provvidenziale arrivo di un altro ragazzo il 18enne è riuscito a fuggire e ad arrivare nella zona della stazione ferroviaria a Muralto. Lì, attorno alle 23, ha chiamato il padre: "Mi hanno picchiato di brutto, devo andare in ospedale". Il genitore lo aveva quindi accompagnato al Pronto soccorso e, in seguito, è scattata la denuncia.

Sempre stando all’atto d’accusa, questo episodio di violenza, era stato preceduto da un’altra aggressione. Protagonisti sempre i due fratelli. In rotonda il più giovane, assieme al suo gruppo, ha attaccato briga con un ragazzo (che pure si è costituito parte civile nel procedimento penale), con spintoni, pugni in faccia e, quando la vittima di turno è cascata a terra, con calci in pancia. È a quel momento che, a difesa del malcapitato, è intervenuto il 18enne, sul quale poi si è concentrata l’attenzione dei due fratelli, ora agli arresti.

Infine, per il maggiore dei due aggressori c’è l’accusa di ripetuta contravvenzione alla legge federale sugli stupefacenti per consumo di marijuana.

Va detto che nel corso degli interrogatori i due fratelli, difesi dagli avvocati Andrea Ronchetti e Roberto Rulli, avevano negato parzialmente gli addebiti e in particolare i calci in testa al 18enne mentre era a terra. Più avanti, però, anche questi fatti sono stati in parte ammessi.

Una lunga scia di aggressività

Ripercorrendo la cronaca degli ultimi dodici mesi, diversi sono stati gli episodi di espressione di aggressività da parte di giovani nel Locarnese. Ecco un elenco parziale.

  • 3 luglio 2021: in città rissa fra due 24enni, arrestati il 23 luglio per accertamenti. Le ipotesi di reato: lesioni gravi, subordinatamente semplici, aggressione, rissa e vie di fatto.
  • 20 novembre 2021: un gruppo di minorenni ha aggredito due ragazzi senza motivo durante la serata, in Piazza Grande. Aperta l’inchiesta condotta dalla Magistratura dei minorenni.
  • 4 dicembre 2021: un diciottenne in rotonda è assalito e picchiato da un gruppo di ragazzi, è preso a pugni e calci. Sporta la denuncia, due gli arrestati.
  • 5/6 gennaio 2022: "scazzottamento" fra più persone, con due feriti lievi in zona Piazza Castello. L’ipotesi di reato è quella di rissa.
  • 13 maggio 2022: un docente del Centro professionale commerciale riceve un pugno in faccia da un ex alunno entrato in aula per colpirlo.
  • 14 maggio 2022: al Bagno pubblico si svolge la festa di fine anno dei liceali, il Liloball, durante la quale un 18enne viene picchiato da un gruppetto di ragazzi "venuti da fuori".
  • 20 maggio 2022: un ragazzo insieme a due suoi amici è aggredito nei pressi della stazione Ffs di Muralto nel tardo pomeriggio. Le vittime non conoscevano gli autori dell’aggressione.
Leggi anche:

Locarno, ‘papà mi hanno picchiato di brutto’

Pestaggio in piazza Castello a Locarno, arrestati due giovani

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
30 min
Attività invernali e fauna selvatica: prove di... convivenza
Quattro regole per non violare le ‘zone di tranquillità’: con ‘Rispetto è protezione – Sport sulla neve e rispetto’ Nature-Loisirs sbarca in Ticino
Mendrisiotto
30 min
Ecco i pasti pronti che scaldano il cuore
L’associazione Lì&Là si occupa di fornire pranzi e cene alle famiglie con figli ospedalizzati. Un’idea nata dall’esperienza personale di Sveva
Bellinzonese
30 min
A Bellinzona un centinaio di abitanti in più dal Luganese
Considerando arrivi e partenze, dai dati sulla popolazione emerge un saldo positivo (di circa 50 unità) pure da Locarnese, Tre Valli e Mendrisiotto
Gallery
Locarnese
3 ore
In Parlamento per promuovere il diritto all’accessibilità
Marco Altomare, 29enne di Losone, soffre di una malattia genetica rara. Ma questo non gli impedisce di tentare la carta del Gran Consiglio
Mendrisiotto
3 ore
La politica momò, tra municipali che vanno e che vengono
A Morbio Inferiore Fabio Agustoni lascia il gruppo Morbio 2030, ma resta come indipendente. Altra novità a Mendrisio, stavolta nel Centro
Bellinzonese
3 ore
Ronco Bedretto: prima del verde 10 anni di deposito Ustra
L’area della cava Leonardi sarà trasformata in zona agricola con il materiale di scavo proveniente dal secondo tubo autostradale del San Gottardo
Luganese
10 ore
Lugano agevola l’accesso alla cultura ai 18enni
Il pass per i giovani è stato accolto dal Consiglio comunale che ha dato luce verde al concorso per il piazzale ex Scuole (senza mercato)
Luganese
12 ore
In Appello i tre ventenni accusati di stupro di una coetanea
Sono comparsi alla sbarra i due fratelli e l’amico, tutti già condannati, che nel 2021 hanno approfittato di una ragazza: secondo loro era consenziente
Ticino
13 ore
La fiducia dei consumatori è bassa, ma gli acquisti non calano
È il dato, per certi versi sorprendente, che emerge dai dati della Seco. Stephani (Ustat): ‘Più preoccupazione per i rincari che per la disoccupazione’
Bellinzonese
14 ore
Raccolta di beni di prima necessità per la Turchia
La merce si potrà portare all’ingresso dell’Espocentro da domani a mezzogiorno. I primi furgoni partiranno già giovedì
© Regiopress, All rights reserved