laRegione
13.07.22 - 13:31
Aggiornamento: 15:52

Pestaggio in Rotonda, fu aggressione: 2 anni e mezzo di carcere

Il giudice delle Assise criminali di Locarno scarta tentato omicidio intenzionale o lesioni semplici. I due fratelli dovranno scontare la pena

pestaggio-in-rotonda-fu-aggressione-2-anni-e-mezzo-di-carcere

Non fu tentato omicidio intenzionale, come ipotizzato dalla procuratrice pubblica Valentina Tuoni. Ma non sono neppure considerabili "lesioni semplici", come richiesto dagli avvocati difensori Roberto Rulli e Andrea Ronchetti.

Il pestaggio alla Rotonda di Locarno dello scorso 4 dicembre fu un’aggressione. Per il giudice della Corte delle Assise criminali di Locarno, Siro Quadri, i due fratelli iracheni, alla sbarra da lunedì, vanno condannati per questo reato. Le pene: due anni e sei mesi per il 19 enne e due anni e due mesi per il 20enne (che dovrà scontare altri quattro mesi per una precedente condanna del Tribunale dei minorenni, sempre per aggressione).

Entrambi resteranno in carcere per il periodo della pena, con la deduzione dei mesi già trascorsi dietro le sbarre. Dovranno seguire un trattamento psicoterapeutico e in seguito saranno espulsi dalla Svizzera per 10 anni.

Quadri ha escluso il tentato omicidio intenzionale: «Non regge dal punto di vista giuridico per la lievità dei danni subiti, combinata all’assenza di prove certe sui colpi potenzialmente letali».

L’aggressione, invece, ci sta tutta, e si riferisce al pestaggio del 18enne e pure alle botte inferte in precedenza a un suo amico: «In quel momento c’era la volontà degli imputati di mettere in pericolo le vittime».

Quadri (affiancato dai giudici a latere Monica Sartori-Lombardi ed Emilie Mordasini) ha introdotto la sentenza riprendendo alcune parole di uno dei due imputati, che aveva affermato: "Siamo adolescenti. C’è chi esce per divertirsi e altri per fare a botte. Non sono un santo. Si fa a gara per chi conduce l’esistenza più malavitosa. Per essere considerato devi dimostrare di aver rotto la faccia a qualcuno. Lo si fa per noia e per la visibilità".
Un clima pesante, lo ha definito il giudice, «purtroppo sempre più diffuso. I due imputati, giovani, nel corso dell’istruttoria hanno dimostrato che vivono distaccati dalla realtà. Banalizzano inconvenienti. Non dimostrano pentimento né dispiacere, ma solo desideri, voglia di divertirsi, di emergere, di farsi notare. Con completa assenza di altruismo e di senso di colpa. Si partecipa a bagarre e poi si torna a casa, con un sottofondo di noia. Senza obiettivi e con ideali sbagliati. Si picchia per rabbia, senza motivo particolare».

Le versioni alla prima giornata di processo

Nel corso della prima giornata di processo i due imputati avevano ammesso solo alcuni dei reati che gli venivano contestati dall’accusa. In particolare, il 19enne aveva raccontato di aver mollato uno schiaffo a un ragazzo e di aver strattonato il 18enne, vittima poi del pestaggio, che era intervenuto per cercare di sedare gli animi. Ma poi si sarebbe allontanato. Quindi ha osservato da lontano il resto della lite.

Il 20enne, invece, ha spiegato di aver assestato un primo pugno al 18enne per difendere il fratello minore. Il ragazzino era caduto a terra e lì lo ha colpito con altri due cazzotti al volto. In seguito una ragazza, della quale non è riuscito a fornire le generalità, lo avrebbe allontanato, trascinandolo quasi di forza e invitandolo a desistere.

Insomma, tre pugni e poco più. I due fratelli hanno affermato di non aver commesso altri reati. E sulla stessa linea i loro avvocati difensori, che al termine delle loro arringhe avevano chiesto di promuovere unicamente l’accusa di lesioni semplici e di assegnare ai loro assistiti pene di 8 e 7 mesi di carcere, senza decretare l’espulsione dal suolo elvetico.

La procuratrice pubblica, dal canto suo, aveva puntato tutto sull’accusa più grave: l’omicidio intenzionale tentato. A suo dire – e appoggiandosi alle testimonianze raccolte durante l’inchiesta –, quella sera entrambi gli accusati, assieme a un’altra decina di giovani (alcuni dei quali incappucciati), avevano circondato la vittima, pestandola con pugni, pedate e calci in testa. Non solo un’aggressione. Infatti a un certo momento dal gruppo si è alzato un coro: "Ammazzalo, ammazzalo". Il 18enne ha raccontato di aver temuto per la sua vita, anche se poi, come gli avvocati difensori hanno fatto notare, ha riportato solo ferite lievi (due ematomi al volto e un taglio sulla testa).

Per Tuoni il reato è stato commesso in gruppo e nessuno, a quel momento, si è tirato indietro. Ma solo i due fratelli sono stati identificati con certezza dai testimoni: gli altri membri del branco non sono stati identificati.

Per il giudice Quadri il pestaggio c’è stato e giuridicamente va considerato un’aggressione a tutti gli effetti.

Leggi anche:

Locarno, ‘papà mi hanno picchiato di brutto’

Pestaggio in Rotonda, chiesti quasi 5 anni per i due imputati

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
1 ora
Cadono le foglie, a Novaggio e Airolo cresce il Pedibus
Nate due nuove linee dell’iniziativa che incentiva la trasferta casa-scuola a piedi di bambini accompagnati e in compagnia
Locarnese
4 ore
Pila: ‘Niente funivia, niente tasse d’uso e consumo’
A chiederlo al Municipio è una raccolta firme sottoscritta da 90 proprietari di abitazioni e frequentatori della frazione centovallina. L’impianto è fermo
Bellinzonese
4 ore
Dalla paura nei rifugi alla motivazione negli spogliatoi dei Gdt
L’impegno della società turrita ha portato a offrire a giovani hockeisti ucraini l’opportunità di venire in Svizzera e giocare a Bellinzona
Luganese
4 ore
Caslano, centinaia di lettere per il voto non recapitate
Il Municipio ha chiesto spiegazioni alla Posta, incaricata della distribuzione. Il Servizio diritti politici: ‘Non una violazione del diritto di voto’
Ticino
11 ore
Chiesa: ‘Poco sociali? Le nostre iniziative aiutano i cittadini’
Il presidente nazionale dell’Udc risponde alle critiche mosse da Claudio Zali, che ritiene Piero Marchesi e l’Udc interessati al suo seggio
Mendrisiotto
11 ore
Monte, inaugurati gli interventi del progetto intergenerazionale
Tre anni di lavoro e mezzo milione di franchi per la realizzazione di opere architettoniche volte a migliorare la qualità di vita delle persone anziane
Ticino
14 ore
Il 30% degli anziani ticinesi fa fatica ad arrivare a fine mese
È quanto emerge da uno studio di Pro Senectute, che riconosce quello a Sud delle Alpi come il dato più alto in Svizzera. E scatta subito l’interpellanza
Locarnese
15 ore
‘A stanare prede nella notte’, gruppo di bracconieri nei guai
Alcuni cacciatori della regione sono finiti sotto inchiesta per illeciti venatori. Sequestrate armi modificate e un consistente bottino di catture
Luganese
18 ore
La Peonia del Generoso per lo stemma di Val Mara
Presentato il simbolo del nuovo Comune, nato dalla fusione di Maroggia, Melano e Rovio. Il Consiglio comunale approva i nuovi regolamenti comunali
Bellinzonese
23 ore
Camorino, auto in fiamme sullo svincolo della A2
Il fatto è avvenuto ieri sera poco prima delle 23. Non si registrano feriti o intossicati
© Regiopress, All rights reserved