laRegione
bosco-gurin-una-destination-governance-come-modello
05.05.21 - 17:430
Aggiornamento : 19:24

Bosco Gurin, una 'destination governance' come modello

La proposta del sindaco di Maggia, Andrea Sartori, per appianare le divergenze tra Frapolli e il Patriziato e salvare il futuro della stazione turistica

Istituire, sulla falsariga di quanto fatto in passato, una ‘Destination Governance’ in grado di traghettare la stazione turistica di Bosco Gurin in acque più tranquille, verso un futuro roseo. La proposta arriva – a titolo personale, è opportuno precisarlo – dal neo sindaco di Maggia, Andrea Sartori, che sulla nota vertenza che vede opposti il patron degli impianti, Giovanni Frapolli e il Patriziato walser, interviene con un suo tentativo di “conciliazione”.

“Un concetto, questo – rileva Sartori nella sua presa di posizione – che era già stato sperimentato a Bosco nel biennio 2009-2011 e che aveva dato frutti positivi. Una piattaforma di dialogo e condivisione (lasciando invariati i rapporti di proprietà), in cui far confluire tutti gli attori locali e regionali per definire le strategie della destinazione e la comunicazione. Nel 2009 erano coinvolti i rappresentanti di Municipio, Patriziato, il gestore degli impianti e i sostenitori dei progetti privati, le associazioni locali, gli agricoltori boschesi e l’Ascovam. Ci si parlava e si comunicava regolarmente. Tutti potevano dire la loro. E ci si rispettava. Per il bene collettivo”. Perché, quindi, non riprovarci?

Riconoscere i meriti della controparte quale presupposto iniziale

“Occorre dapprima ritrovare una piattaforma che riporti la comunicazione a un livello (perlomeno) civile e un riconoscimento del ruolo di ciascun interlocutore, elemento imprescindibile per poter affrontare strategie, visioni e progetti. In caso contrario si rimane al palo, ci si avvicina il temuto punto ‘di non ritorno’ (la chiusura) e si corre il rischio di perdere – per sempre – il treno degli interessanti progetti in corso”. Secondo Sartori, prima di sedersi al tavolo delle discussioni ognuna delle parti dovrà però riconoscere due verità di fatto: la proprietà degli impianti e delle strutture ricettive dell'imprenditore bellinzonese e la legittimità dell'Ufficio patriziale in carica. Fatto questo passo, dialogando anche con gli altri partner (come Municipio e Ascovam), sarà possibile salvare, nel corto termine, la continuità operativa della destinazione e tutti i progetti appena lanciati, che hanno già ricevuto l’avvallo cantonale. E un minimo di armonia. Quest’apertura è fondamentale, perché ‘l’one-man-show’ assoluto (che può essere efficace quando si lanciano i progetti, meno nella gestione) non sarà più possibile né tantomeno auspicabile”.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Bellinzonese
2 ore
Chiesta più sicurezza per i pedoni a Bellinzona
In particolare nei pressi delle scuole e in alcune zone con il limite di 30 km/h. Antoine Ndombele rivolge un’interpellanza al Municipio
Mendrisiotto
3 ore
Quattro deputati si mobilitano a favore di India
In una risoluzione urgente si chiede di aprire un dibattito parlamentare e si sollecita il governo affinché sia concesso un permesso di dimora
Locarnese
3 ore
Fondazione paesaggio: oltre un milione per progetti in montagna
Da Berna aiuti ai progetti di Comologno (risanamento muri a secco) e Brione Verzasca (conservazione culturale del territorio)
Ticino
4 ore
Calano i nuovi contagi in Ticino. Ma altri quattro decessi
Nelle ultime 24 ore segnalate 1’004 persone positive. Diminuiscono pure le persone ricoverate in ospedale (-8)
Ticino
5 ore
Procuratori pubblici, non è solo una questione di numeri
‘Limitarsi ad aggiungere forze non è la soluzione. Qualche proposta: un‘età minima per diventare magistrati e audizioni pubbliche dei candidati’
Mendrisiotto
9 ore
A caccia di Pfos nella falda idrica. Fuori norma? Il Prà Tiro
Tracce dei composti della famiglia delle sostanze perfluoroalchiliche emerse nel 19% dei campioni nel cantone. A Chiasso si continua a investigare
Ticino
9 ore
Scuola, superamento dei livelli: l’emendamento domani in governo
Giorni cruciali per il destino della sperimentazione proposta dal Decs dopo il rapporto sulla consultazione. La politica discute. Il Ppd apre la porta
Locarnese
9 ore
Il (nuovo) Fevi pubblico-privato e l’ente autonomo Eventi
Grandi manovre attorno alla futura struttura, che sarà ricostruita e gestita in rete assieme agli altri spazi per il segmento congressuale (e non solo)
Bellinzonese
16 ore
Antenna 5G nel camping? A Gudo opposizione collettiva e firme
I vicini chiedono alla Città di Bellinzona e al Cantone di evitare lo ‘sfregio’. Intanto le tre compagnie hanno impugnato la variante di Pr con un ricorso
Locarnese
18 ore
Locarno, ‘non vedevo mia figlia da mesi’
Un papà in attesa di un appuntamento a Casa Santa Elisabetta. ‘Tantissime richieste in tutto il cantone. Ci siamo adoperati per migliorare il servizio’
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile