laRegione
bosco-gurin-156-stagionali-ai-patrizi-uno-sproposito
29.04.21 - 16:44
Aggiornamento : 18:11

Bosco Gurin, '156 stagionali ai patrizi, uno sproposito'

Giovanni Frapolli replica al Patriziato e contesta i contenuti di una precedente convenzione fra le parti, scaduta con il fallimento della Grossalp SA

Non si sono fatte attendere, da Bosco Gurin, le puntualizzazioni del proprietario degli impianti, Giovanni Frapolli, alle affermazioni del locale Patriziato. Nello scambio di accuse a distanza, l'imprenditore e gestore della stazione turistica ricorda che la convenzione alla quale fa riferimento, nell'articolo, l'ente pubblico walser risale a prima che l'allora Grossalp SA fallisse. Motivo per cui quell'accordo, superato dagli eventi, non ha alcuna valenza giuridica. Con l'acquisto degli impianti, le carte in tavola sono cambiate. In pratica per il proprietario “diritti e doveri” contenuti nella vecchia convenzione sono venuti a cadere.

Quegli sconti (in numero crescente) che fanno gola

Tuttavia, si legge nella precisazione,“si è continuato a concedere i tanto agognati sconti, considerati i buoni rapporti con l'allora Amministrazione patriziale (una decina le tessere stagionali previste)”. Quello che però il patron degli impianti non digerisce affatto è che il numero di patrizi che ha richiesto, col passare del tempo, questa agevolazione, è salito vertiginosamente: “ben 156. Il tutto per la modica somma di 90mila franchi totalmente regalati! Non si contestano i 4mila franchi di tasse versati all'ente, quanto piuttosto l'incremento esponenziale, anno dopo anno, delle stagionali omaggio emesse a patrizi che le pretendono e che vengono da tutto il cantone per sciare gratuitamente. Quelle persone che spesso sono in prima fila a contestare gli impianti e ostacolare i progetti legati al futuro di Bosco Gurin. Coerenza?”.
Non da ultimo il titolare degli impianti di risalita ricorda che, “al di là della cifra finanziata dallo Stato, il Cantone sosteneva questi progetti al 50% tramite sussidi e prestiti a fondo perso. L’altro 50% (varie decine di milioni, mica caramelle) è stato assicurato da privati come banche e apporti privati, fra cui diversi milioni portati dal sottoscritto, in seguito poi persi (documenti ufficiali del fallimento lo dimostrano chiaramente!). Diamo dunque le informazioni corrette per favore".

Leggi anche:

Bosco Gurin, 'il monopolio crea una situazione malsana'

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
agevolazioni bosco gurin convenzione giovanni frapolli patrizi stagionali
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
1 ora
Edilizia, gli aumenti delle materie prime offuscano l’orizzonte
Gli impresari costruttori in assemblea a Mendrisio hanno toccato anche il tema delle infiltrazioni mafiose in Svizzera
Luganese
2 ore
Rovio, verranno sostituiti i tre ippocastani abbattuti
Ha suscitato qualche polemica il taglio degli alberi in piazza. La decisione era stata presa dall’esecutivo in carica fino all’aggregazione
Ticino
2 ore
Imposte di circolazione, i dubbi di Plr e Ps restano
Le due iniziative popolari del Ppd continuano a non convincere del tutto. Speziali: ‘È finanziariamente sostenibile?’. Passalia: ‘Basta, si vada al voto’
Luganese
2 ore
Costi, qualità di vita, moltiplicatore: perché si lascia Lugano
Sebbene il trend demografico si sia invertito, uno studio evidenzia che il saldo migratorio nei confronti dei comuni ticinesi è ancora negativo
Luganese
2 ore
Lugano, arriva la prima scuola estiva di criptovalute
Primo passo concreto per il ‘Lugano’s Plan B’. 50 studenti lavoreranno a stretto contatto con esperti e leader del settore a livello mondiale
Ticino
2 ore
‘Le proposte sulla gestione Covid di Ostinelli non ci competono’
La Commissione sanità e sicurezza sociale si esprime sulla petizione del medico che chiedeva un cambio di strategia secondo i suoi suggerimenti
Ticino
3 ore
Altro incidente sull’A2, traffico in tilt verso sud
Pomeriggio nerissimo per la circolazione in Ticino. Disagi anche sulla cantonale nella zona di Manno
Locarnese
3 ore
‘Spazio Elle, Locarno rinnovi il contratto d’affitto’
Tredici consiglieri comunali mettono le mani avanti e chiedono al Municipio anche la valutazione di un eventuale acquisto del comparto
Locarnese
4 ore
Abbattimento del lupo: ‘Decisione necessaria ma tardiva’
L’Associazione per la protezione del territorio dai grandi predatori commenta il nullaosta del governo all’uccisione del canide
Ticino
4 ore
Argor-Heraeus ha acquisito la Erbas di Mendrisio
L’azienda attiva nella lavorazione dei metalli preziosi con l’acquisizione entra anche nel settore dell’orologeria di lusso
© Regiopress, All rights reserved