laRegione
17.04.21 - 11:21
Aggiornamento: 18.04.21 - 15:10

Niente ripensamenti, 'chiudo gli impianti di Bosco Gurin'

Stessa sorte per l'albergo e l'Ostello. Lo ha annunciato Giovanni Frapolli: "hanno sottovalutato la mia precedente comunicazione, ora si arrangino"

niente-ripensamenti-chiudo-gli-impianti-di-bosco-gurin
Ti Press

A Bosco Gurin è il momento di tirarsi gli stracci in faccia. Tra Giovanni Frapolli, proprietario degli impianti di risalita della località turistica e il locale Patriziato, proprietario dei fondi, è ormai guerra aperta. La seduta di venerdì dell'ente, prova d'appello per vedere di salvare il salvabile, si è trasformata in una sorta di "crucifige" per l'imprenditore bellinzonese, che al termine della seduta ha deciso di passare dalle minacce ai fatti. “L'assemblea del Patriziato di con le sue decisioni, ha confermato e sancito la chiusura degli impianti, come pure dell'albergo e della casa di vacanza Giovanibosco. Inutile entrare nei temi da loro discussi, peccato che sia mancata una regia per evitare questo dramma per la valle” , prosegue Frapolli in una nota.
“Il primo tema adesso è capire se esiste un posto dove posare la Slittovia di Bosco Gurin in valle, in caso contrario darò l'incarico a una ditta specializzata di spostarla nel territorio ticinese e, sempre nel caso contrario, fuori cantone. Informerò il Dfe di tutta la situazione. L'aiuto agli impianti per Bosco andrà a cadere in quanto smantellati in modo sistematico”. Per quanto riguarda il progetto Metrò alpino con la Formazza, “lunedì avviserò le ditte che stanno facendo lo studio come pure il comune ossolano”.
Da noi raggiunto telefonicamente, l'imprenditore bellinzonese si è limitatoad aggiungere: «Ho fatto il mio dovere, il Patriziato ha sottovalutato la mia decisione. Il voto è chiaro, ora si dovranno arrangiare. Il sottoscritto andrà avanti per la sua strada. Entro fine mese chiuderò Albergo, impianti e Ostello. Mi dispiace anche per il personale impiegato. Il paese resterà così privo di strutture ricettive. Questi signori (i membri dell'amministrazione patriziale, ndr) stanno da tempo remando, indisturbati, contro quella che è la politica di aiuto del Cantone alle zone economicamente deboli. Forse è giunto il momento che le autorità politiche vallerane e cantonali facciano sentire la loro voce».

Pure la zipline finisce nel tritacarte

Segnaliamo, per dovere di cronaca, che nel corso dei lavori assembleari, anche la concessione del diritto di superficie per la costruzione della zipline, ulteriore tassello per arricchire l'offerta di svago durante tutto l'anno, è stata bocciata.
Da parte sua il Patriziato, per il momento, ha deciso di non replicare alle affermazioni del gestore degli impianti. Non si esclude che nei prossimi giorni prenda posizione sulla vicenda.
Frapolli, a onor del vero, non è nuovo a minacce del genere. Già in passato, proprio a causa dei continui attriti con il Patriziato, aveva ventilato l'ipotesi di gettare la spugna e andarsene. Ma stavolta sembra essere ben più determinato. Tuttavia si dice disposto a tornare sui suoi passi, ma solo se i comuni della Vallemaggia e la politica regionale si muoveranno in suo aiuto. Mentre c'è chi ipotizza che potrebbe essere addirittura chiesto l'annullamento della seduta patriziale. Su che base, non è dato sapere.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
1 ora
Formazione bilingue, studenti friburghesi nei licei ticinesi
Dopo i cantoni di Berna e Vaud, un nuovo progetto per rafforzare il plurilinguismo
Ticino
2 ore
Si torna a fare il pieno in Ticino
Prezzi benzina: dopo il taglio delle accise in Italia, i frontalieri, e non solo loro, riappaiono nei distributori al di qua del confine
Luganese
2 ore
Bioggio, scontro tra due auto alla rotonda
Un ferito leggero e ingenti danni materiali ai due veicoli coinvolti il bilancio del sinistro tra via Strada Regina e via Longa
Luganese
2 ore
Ricerca di persona sopra Caslano, operazione conclusa
Nelle ricognizioni era stata impegnata la Rega, intervenuta anche con un elicottero con termocamera e visore notturno
Grigioni
3 ore
Il Parco Val Calanca è realtà
Le assemblee comunali di Rossa, Calanca, Buseno e Santa Maria hanno detto di sì con rispettivamente il 100%, il 76%, il 90% e il 100% dei voti
Bellinzonese
4 ore
‘L’unico neo di una tre-giorni riuscita’
L’alterco della serata d’apertura non rovina i bagordi carnascialeschi di Cadenazzo. Bottinelli: ‘Pienone nella ‘replica’, andata liscia come l’olio’
Luganese
7 ore
Persona dispersa sul Monte Sassalto, sopra Caslano
Le operazioni di ricerca sono scattate nella serata di ieri. Impegnata la Rega, prima con il visore notturno e poi in volo a vista
Ticino
23 ore
‘Dovete osare, la possibilità di fare bene è concreta’
Le elezioni cantonali e il Congresso del Centro, il presidente Dadò sprona candidati e candidate a scendere in campo. Ovvero, a fare campagna
Ticino
1 gior
‘Approfondiremo il tema, ma così su due piedi sono scettico’
Speziali dice la sua sulla congiunzione delle liste con l’Udc per le ‘federali’. Per il presidente Plr: ‘Differenze piuttosto evidenti tra i due partiti’
Bellinzonese
1 gior
‘Fin lì era filato tutto liscio, poi la bottigliata in testa’
Per il sindaco di Cadenazzo Marco Bertoli, il battibecco di Carnevale sarebbe nato da una sigaretta accesa all’interno del capannone
© Regiopress, All rights reserved