laRegione
21.01.22 - 14:15
Aggiornamento: 15:28

Bosco Gurin, una lingua di neve e una slittovia

Impianti parzialmente aperti nel fine settimana per consentire attività all’aria aperta. La destagionalizzazione salverà il futuro delle stazioni

bosco-gurin-una-lingua-di-neve-e-una-slittovia
(Centri Montani)

«Il clima sta cambiando. Non occorre essere esperti di meteorologia per rendersene conto. Questo imporrà alla nostra società dei cambiamenti radicali. Se non arriviamo a capire la necessità imperativa di destagionalizzare, le stazioni turistiche invernali potranno chiudere i battenti nel giro di pochi anni». Parole di Giovanni Frapolli, gestore degli impianti di Bosco Gurin, stazione turistica improntata sulle quattro stagioni che, come molte altre dell’arco alpino, sta facendo i conti con le bizze di un inverno senza neve.

Eppure nonostante la scarsità di materia prima, a Bosco Gurin è possibile divertirsi sugli sci, anche se in formato “ridotto”. «Abbiamo aperto una sola pista il cui fondo è assicurato dai cannoni della neve. Accanto possiamo comunque offrire discese adrenaliniche lungo la slittovia. Qualche turista arriva e si cimenta e questo permette di ravvivare una stagione che, in ogni caso, chiuderemo scordandoci delle copiose nevicate degli ultimi anni. Per fortuna che, al momento, le temperature in quota sono abbastanza basse. Ma se sballano è chiaro che anche l’innevamento artificiale ne potrà risentire. Mettiamoci il cuore in pace, gli esperti ripetono che la neve in futuro diventerà un’eccezione, con tutti gli annessi e connessi del caso. Penso ai problemi di approvvigionamento idrico che saranno la logica conseguenza di questi mutamenti. Si dovrà dunque presto anche intervenire sui serbatoi e le reti di alimentazione. L’unica carta che ai gestori degli impianti resta da giocare è la destagionalizzazione. La direzione verso la quale tutti noi dovremo andare».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
22 min
La Peonia del Generoso per lo stemma di Val Mara
Presentato il simbolo del nuovo Comune, nato dalla fusione di Maroggia, Melano e Rovio. Il Consiglio comunale approva i nuovi regolamenti comunali
Bellinzonese
6 ore
Camorino, auto in fiamme sullo svincolo della A2
Il fatto è avvenuto ieri sera poco prima delle 23. Non si registrano feriti o intossicati
Gallery
Locarnese
22 ore
La Rega decolla nei consensi e nella simpatia
Ben 14’000 visitatrici e visitatori hanno approfittato dell’opportunità di gettare uno sguardo dietro le quinte della base e dell’hangar
Luganese
1 gior
Inaugurato il nuovo Consorzio depurazione acque della Magliasina
Entrato in servizio a Purasca nel 1987 è stato oggetto di ampliamento e ottimizzazione generale fra il 2018 e il 2022
Luganese
1 gior
Precipita mongolfiera: fra curiosi e passanti... la sorpresa
Si è trattato di un’esercitazione congiunta fra la Società svizzera di salvataggio di Lugano e il Gruppo aerostatico Ticino
Mendrisiotto
1 gior
Case ‘Greenlife’, il Municipio nega la licenza edilizia
A Novazzano l‘esecutivo boccia il progetto del complesso abitativo in zona Torraccia. ’Non è in sintonia con il paesaggio’
Locarnese
1 gior
Delitto Emmenbrücke, il presunto colpevole resta in carcere
Richiesti altri tre mesi di carcerazione preventiva per l’uomo sospettato di aver assassinato la 29enne di Losone nel luglio 2021. C’è anche la perizia
Ticino
1 gior
‘Hanno distrutto la vita di mio padre 87enne. E la giustizia?’
Cede dei terreni a due figlie, ma per la terza ‘è un raggiro, non era in grado di capire’. Quando la fragilità della terza età è sfruttata dai famigliari
Mendrisiotto
1 gior
Tra l’Alabama e il Ticino
L’economista della Supsi Spartaco Greppi commenta la strategia economica prospettata da Ticino Manufacturing dopo l’adesione al salario minimo
Ticino
1 gior
Ancora alcuni posti liberi per la giornata sul servizio pubblico
Giovani a confronto. La manifestazione si svolgerà a Bellinzona l’8 ottobre
© Regiopress, All rights reserved