laRegione
cyberpornografia
05.12.22 - 21:21
Aggiornamento: 22:20

Pedofilia: maxiretata nel Canton Vaud con 96 persone fermate

Centoventi casi analizzati. Due persone in carcere, tra coloro che hanno scaricato i file il 15% sono minorenni

Ats, a cura di Red.Svizzera
pedofilia-maxiretata-nel-canton-vaud-con-96-persone-fermate
Aumentano i casi di cyberpornografia (Keystone)

Al termine di una vasta operazione, la polizia cantonale vodese ha fermato 96 persone che avevano scaricato dal web contenuti a carattere pedofilo. Due sono poi stati posti in detenzione preventiva.

L’operazione, condotta tra gli altri dall’unità di cyberpedofilia, si è svolta tra il primo settembre e il 31 ottobre. Mirava a lottare contro la pedopornografia su Internet, ha indicato oggi in una nota la polizia cantonale vodese.

In questo ambito, 27 agenti hanno dedicato un totale di 153 giorni di lavoro ed effettuato 42 perquisizioni, che hanno portato al sequestro di 311 computer, supporti di memorizzazione e altri mezzi di comunicazione.

120 vicende

Domiciliate nel canton Vaud, le 96 persone fermate e poi interrogate, sono accusate di aver scaricato o messo a disposizione immagini o video a carattere pedopornografico. Tra queste, il 15% sono minorenni.

Complessivamente sono state trattate 120 vicende, di cui una dozzina concerneva individui risiedenti nel capoluogo cantonale. Questi casi sono stati trasmessi alla polizia comunale di Losanna per il prosieguo delle investigazioni.

Delle 96 persone denunciate al Ministero pubblico e al tribunale dei minori, due sono poi state poste in detenzione preventiva. Una di loro è pure accusata di aver commesso abusi sessuali su una minorenne.

Collaborazione internazionale

Questa operazione di lotta contro la cyberpedofilia ha potuto essere condotta grazie in particolare a denunce effettuate dal National center for missing and exploited children (Ncmec) con sede negli Stati Uniti. Quest’ultimo ha sviluppato un procedimento per individuare tali contenuti e denunciarli ai Paesi interessati.

In Svizzera, l’Ufficio federale di polizia (Fedpol) ha ricevuto queste segnalazioni dagli Usa, le ha analizzate ed ha effettuato le prime ricerche sugli utenti allo scopo di denunciarli a sua volta ai cantoni dove sono domiciliati. Parallelamente il Centro di competenza Cyber della polizia cantonale ginevrina ha monitorato le reti di scambio "peer to peer" e segnalato i contenuti illeciti ai cantoni romandi per il prosieguo delle indagini.

Ogni diffusione equivale a un reato

Se in taluni casi gli utenti dei file illeciti sono consapevoli dei loro atti, gli inquirenti constatano che una parte delle denunce concerne internauti che condividono o trasmettono tali file a scopo informativo o "umoristico". Ricordano che ogni diffusione di pedopornografia, qualunque sia il suo scopo, costituisce una violazione dell’articolo 197 del Codice penale svizzero.

Qualora si ricevessero file illeciti (con rappresentazione di atti sessuali con fanciulli, animali o atti di violenza tra adulti, anche se si trattasse di immagini di sintesi o disegni) la polizia cantonale raccomanda di non ritrasmetterli.

I file in questione devono essere segnalati come inappropriato sul sito o sull’applicazione. Infine, le forze dell’ordine prevedono di notificare il caso al Centro nazionale per la cybersicurezza tramite il formulario di annuncio all’indirizzo seguente: https://www.report.ncsc.admin.ch/fr/

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
3 ore
Addio carta: il Canton Berna si dà al digitale
Dal primo marzo le autorità comunicheranno, salvo rare eccezioni, unicamente attraverso i mezzi elettronici
Svizzera
7 ore
Ringier istituisce gruppo di lavoro su missione giornalistica
Alla ‘task force’ il compito di sviluppare una dichiarazione che i caporedattori saranno chiamati a dover rispettare
Svizzera
7 ore
Marco Chiesa sollecita la congiunzione delle liste con il Plr
Per il presidente dll’Udc è l’unico modo per evitare l’avanzata della sinistra. Che non risparmia di critiche
Svizzera
9 ore
I Verdi puntano a diventare la terza forza politica del Paese
Dall’assemblea di Ginevra, il presidente Balthasar Glättli non lesina critiche all’indirizzo dell’Udc e della sua posizione in materia energetica
Svizzera
10 ore
Sale la tensione con la Cina? Le Pmi svizzere delocalizzano
A causa della delicata situazione, le aziende battenti bandiera rossocrociata si orientano su piazze produttive in Vietnam, Thailandia e India
Svizzera
11 ore
L’Udc pronta a dar battaglia a ‘cultura woke’ e immigrazione
Adunata dei delegati a Bülach per lanciare l’anno elettorale 2023. Piatto forte dell’assemblea discussioni sul genere e approvvigionamento energetico
Svizzera
1 gior
Sarebbe riuscita l’iniziativa per la responsabilità ambientale
I Giovani Verdi annunciano di aver raccolto oltre 100mila firme. Il concetto di ‘limite naturale’ al centro della proposta di modifica costituzionale.
Svizzera
1 gior
Giornalista scopre monumento nazista nel cimitero di Coira
Ha fatto parte del culto dell’eroe con cui Hitler ha giustificato la guerra, scrive la Srf. Le autorità non ne erano a conoscenza.
Svizzera
1 gior
Nel programma Udc la lotta agli uffici per la parità di genere
Anticipate le linee guida per le Federali: ‘Preoccupazione’ per gli asterischi nei testi, niente soldi alle istituzioni che sostengono ‘ideologie’
Svizzera
1 gior
Prodotti bio troppo cari: bocciata la proposta di Mister prezzi
Stefan Meierhans ha proposto ai rivenditori una ‘soluzione amichevole’, subito però rispedita al mittente
© Regiopress, All rights reserved