laRegione
05.10.22 - 13:41
Aggiornamento: 22:17

La Città di Zurigo ‘congela’ la cannabis legale

Decisione inevitabile in attesa dell’approvazione definitiva del progetto da parte di Berna. Il tutto slitta alla prima metà del 2023

Ats, a cura di Red.Web
la-citta-di-zurigo-congela-la-cannabis-legale
Keystone
‘Timeout’ inevitabile per la città sulla Limmat

Dopo Basilea Città, anche Zurigo ha dovuto rinviare il lancio del suo progetto pilota per la vendita controllata di cannabis. Il progetto doveva iniziare quest’autunno, ma non partirà prima del 2023 perché la Confederazione non ha ancora dato il via libera.

La Città di Zurigo e la Clinica psichiatrica dell’Università di Zurigo hanno annunciato oggi che l’Ufficio federale della sanità pubblica (Ufsp) non ha ancora dato l’approvazione definitiva al progetto. Finché non sarà così, la cannabis destinata al progetto, denominato ‘Züri Can – Cannabis mit Verantwortung’ (Züri Can – Cannabis con responsabilità) non potrà essere coltivata.

L’attesa dell’autorizzazione è dovuta alla complessità del progetto, legata alle diverse tipologie di punti vendita, scrivono i promotori. Visto che la cannabis dovrà essere prodotta biologicamente in Svizzera e non è possibile coltivarla in inverno, il lancio è rimandato alla prima metà del 2023.

Tre tipi di punti vendita

L’obiettivo di "Züri Can’ è studiare i modelli di vendita regolamentata della cannabis, il loro effetto sulla salute e il consumo delle persone che partecipano allo studio. La vendita di cannabis è prevista in dieci farmacie, in cosiddetti ‘social club’ e in dieci centri di informazione sulle droghe di Zurigo.

Circa 1’700 persone hanno già chiesto di poter partecipare come consumatori al progetto pilota. Le iscrizioni si sono aperte lo scorso mese di giugno e gli organizzatori prevedono in tutto 2’100 partecipanti.

Basilea aspetta cannabis ‘migliore’

A Basilea, il primo progetto pilota di questo tipo in Svizzera sarebbe dovuto partire a metà settembre. Ma nonostante il via libera dell’Ufsp, è stato a sua volta rinviato fino a nuovo avviso perché la cannabis a esso destinata conteneva residui di prodotti fitosanitari e non soddisfaceva i criteri di qualità.

Secondo il calendario, la Città di Losanna sarà la terza nel Paese a lanciare un progetto pilota di questo tipo. Ulteriori progetti di questo tipo sono previsti anche a Ginevra, Berna, Bienne (Be), Olten (So) e San Gallo.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
5 ore
‘Brilla’ un bancomat a Füllinsdorf, malviventi in fuga
Altro botto nella notte in Svizzera. Stavolta è toccato a un impianto di erogazione di contante di Basilea Campagna
Svizzera
5 ore
Sì del Nazionale all’imposta minima delle grandi multinazionali
Restano solo da appianare alcune divergenze relative alla ripartizione tra Confederazione e Cantoni del gettito supplementare
Svizzera
5 ore
‘L’affitto pesa in modo sproporzionato sul reddito’
Grido d’allarme dell’Associazione Svizzera Inquilini. Sommaruga: ‘Per le famiglie a basso reddito raggiunti i limiti della sopportazione’
Svizzera
6 ore
In dogana con un ghepardo imbalsamato
Benché debitamente dichiarato, l’animale è stato sequestrato in quanto mancava l’autorizzazione basata sulla convenzione di Washington
Svizzera
6 ore
Duecentomila voci per la responsabilità delle multinazionali
A due anni dalla bocciatura alle urne dell’iniziativa, depositata alla Cancelleria federale una petizione che chiede una legge efficace
Svizzera
6 ore
Dodici milioni di... anelli per la Catena della solidarietà
È l’importo delle donazioni raccolte a favore delle vittime della carestia nell’Africa orientale
Svizzera
8 ore
Operaio travolto dal treno nella notte a Rickenbach
Nonostante i tentativi di rianimazione, l’uomo, un 34enne serbo, è deceduto sul posto. Ancora da chiarire le cause esatte dell’incidente
Svizzera
8 ore
Cure ambulatoriali e ospedaliere finanziate su base unitaria
Il Consiglio degli Stati approva la riforma di legge sull’assicurazione malattie. Sulla quale ora dovrà esprimersi il Nazionale
Svizzera
9 ore
I rapporti con l’Unione europea vanno rilanciati
È l’appello sottoscritto da duecento personalità svizzere. Che chiedono al Consiglio federale di chiarire quanto prima le sue intenzioni
Svizzera
9 ore
Si schianta contro un albero: morto un 21enne
Grave incidente della circolazione ieri sera a Uster. A seguito della violenza dell’impatto, il giovane è deceduto sul posto
© Regiopress, All rights reserved