laRegione
03.09.22 - 18:00

Glättli: ‘Compromessi a rischio a causa della crisi energetica’

Per il presiedente dei Verdi svizzeri non è accettabile che la situazione venga utilizzata per far passare ‘soluzioni unilaterali’

Ats, a cura di Red.Web
glattli-compromessi-a-rischio-a-causa-della-crisi-energetica
Keystone
Il presidente dei Verdi svizzeri

Non è accettabile che la crisi energetica venga utilizzata per far passare ‘soluzioni unilaterali’, afferma il presidente dei Verdi svizzeri Balthasar Glättli, che vede a rischio i compromessi già negoziati tra le differenti forze politiche.

Alla trasmissione ‘Samstagsrundschau’ della radio svizzero tedesca Srf, Glättli ha fatto riferimento, tra l’altro, alla questione dell’acqua residua che le centrali idroelettriche devono lasciare passare inutilizzata nei corsi d’acqua e nei fiumi.

Per poter produrre più elettricità, la parte borghese vuole ora, per dirlo in modo esagerato, prosciugare i fiumi, ha detto il cinquantenne. Ciò metterebbe in pericolo la biodiversità e distruggerebbe gli habitat. Non è accettabile che di fronte alla crisi alcune condizioni vengano ‘semplicemente smantellate’.

I Verdi non bloccano i progetti di espansione, ha dichiarato Glättli respingendo le critiche spesso espresse da Udc e Plr. Il gruppo parlamentare dei Verdi, per esempio, sostiene la dichiarazione congiunta della tavola rotonda lanciata dalla consigliera federale Simonetta Sommaruga, che auspica la costruzione o l’ampliamento di 15 centrali idroelettriche.

Glättli difende il compromesso sull’energia

Si tratta tuttavia di un compromesso, ha affermato Glättli. Da un lato, include la necessaria espansione energetica e, dall’altro, tiene conto della protezione del paesaggio e della natura. Un compromesso comprende vari elementi. La destra attacca unilateralmente singole parti, come la questione dell’acqua residua, ha criticato Glättli.

Il presidente dei Verdi ha respinto l’accusa secondo cui la politica energetica della sinistra e dei Verdi avrebbe contribuito alla crisi attuale. "Senza la Strategia energetica 2050 non saremmo dove siamo oggi, saremmo in una situazione ben peggiore", ha dichiarato Glättli. Egli ha attribuito il problema alla dipendenza dai combustibili fossili.

Glättli ha anche mostrato poca comprensione per la richiesta secondo la quale la Svizzera dovrebbe ora affidarsi all’energia nucleare. La possibile carenza di elettricità in inverno è dovuta anche al malfunzionamento delle centrali francesi. Questo dimostra che una centrale nucleare rappresenta "un enorme rischio di accumulazione". "Preferisco un approvvigionamento energetico decentralizzato", ha detto Glättli.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
alle urne
9 min
Clima, tasse e giustizia: si è votato in otto Cantoni
Riforma giudiziaria nei Grigioni. A Basilea Città, zero emissioni di gas serra dal 2037. Deduzioni fiscali aumentate per la cassa malati nel Canton Zurigo
Svizzera
1 gior
Sergio Mattarella in visita di Stato nella Confederazione
All’ordine del giorno le relazioni bilaterali, la situazione della guerra in Ucraina, la politica europea e il Consiglio di sicurezza dell’Onu
Svizzera
1 gior
Dopo Sommaruga: Baume-Schneider e Herzog su ticket femminile
Lo ha deciso il gruppo parlamentare del Partito socialista. La consigliera agli Stati e la senatrice basilese in corsa per il Consiglio federale.
Svizzera
1 gior
Dai frontalieri alla black list: faccia a faccia a Varese
Colloquio per i dossier aperti fra il consigliere federale Ueli Maurer e il ministro italiano dell’economia e delle finanze Giancarlo Giorgetti
Svizzera
1 gior
La mafia nella Confederazione ha cellule in ‘luoghi noti’
La riflessione del procuratore generale della Confederazione Stefan Blättler che lancia un monito: ‘Bisogna fare un passo avanti’
Svizzera
2 gior
Aviazione: crescono i passeggeri, ma non a livelli pre-Covid
L’evoluzione mensile dei viaggiatori ha mostrato ritmi di recupero superiori in luglio, rispetto ad agosto e settembre
Svizzera
2 gior
Il ‘giallo’ di Zermatt: non si trova più il segretario comunale
Nessun avviso formale di scomparsa, ma l’uomo, già comandante delle Guardie Svizzere in Vaticano, sembra sparito senza lasciare traccia
Svizzera
2 gior
Troppo poche le vaccinazioni anti-Covid fra le persone a rischio
È l’allarme lanciato dai direttori cantonali della sanità: ad oggi solo poco più del 20% degli over 65 ha ricevuto il richiamo
Svizzera
2 gior
Metà delle adolescenti in Svizzera è vittima di molestie sul web
Nel 2014 la percentuale era ancora del 19%. Ancora bassa la consapevolezza sulla sicurezza dei dati su internet e l’uso delle impostazioni sulla privacy
Svizzera
2 gior
Droni, così cambia la normativa (e si adatta all’Ue)
Le nuove norme saranno valide dal primo gennaio prossimo e comprendono standard di sicurezza per la produzione, la certificazione e l’esercizio
© Regiopress, All rights reserved