laRegione
27.08.22 - 14:45
Aggiornamento: 15:04

‘La crisi energetica non può essere evitata’

Secondo Werner Luginbühl, presidente della Commissione federale dell‘energia elettrica ’tutta l’Europa è impreparata, non solo la Svizzera’

Ats, a cura di Red.Web
la-crisi-energetica-non-puo-essere-evitata
TiPress

La crisi energetica non può essere evitata. "L’aumento esorbitante dei prezzi dell’elettricità" sta causando problemi esistenziali ad alcune aziende, afferma Werner Luginbühl, presidente della Commissione federale dell’energia elettrica (Elcom).

La situazione non si è attenuata nelle ultime settimane, ha precisato Luginbühl alla rubrica "Samstagsrundschau" della radio svizzero tedesca Srf. "Il rischio di avere problemi in inverno non è diminuito".

Impossibile fare previsioni

Attualmente, ha detto Luginbühl, si stanno pianificando, preparando o implementando tutte le misure che sono ancora possibili a breve termine prima dell’inverno. "Stiamo facendo tutto il possibile per garantire che non ci siano carenze di energia elettrica in inverno".

Nessuno può tuttavia dire se tutto ciò sarà sufficiente: ad oggi non è infatti chiaro come sarà la situazione in inverno - ci sono troppe incertezze.

Il rischio sarà naturalmente minore se l’inverno non sarà troppo freddo. Molto dipenderà inoltre dalla situazione reale delle forniture di gas. E resta anche da vedere se la Francia riuscirà a rimettere in funzione un numero di centrali nucleari fuori servizio superiore al previsto.

Tutta l’Europa impreparata

L’ex consigliere agli Stati (BE/PBD) non ritiene che la possibile carenza di elettricità sia dovuta ad errori della politica o a una strategia energetica sbagliata.

"La situazione attuale ha a che fare in primo luogo con la guerra in Ucraina", ha detto Luginbühl alla "Samstagsrundschau". Nessuno in Europa era pronto a una simile situazione, non solo in Svizzera. "Tutti i Paesi hanno problemi e stanno intensificando gli sforzi per far fronte alla crisi".

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
cyberpornografia
6 ore
Pedofilia: maxiretata nel Canton Vaud con 96 persone fermate
Centoventi casi analizzati. Due persone in carcere, tra coloro che hanno scaricato i file il 15% sono minorenni
Svizzera
8 ore
‘Solo Sì vuol dire sì’, al Nazionale passa la modifica di legge
Approvato l’inserimento nel Codice penale del principio che qualifica come aggressione sessuale il rapporto senza il consenso esplicito
Svizzera
8 ore
Preventivo 2023, gli Stati più generosi con l’Ucraina
Aumentati i mezzi per la ricostruzione. Più soldi anche per proteggere le greggi dai lupi e per la ricerca scientifica, meno per test Covid e vaccini
Svizzera
9 ore
Credit Suisse: Bin Salman valuta un investimento da 500 milioni
La banca elvetica corre alla Borsa di Zurigo sulle ipotesi che il principe ereditario dell’Arabia Saudita possa prendere parte al progetto di rilancio
Svizzera
12 ore
‘Non ubbidisco ciecamente alla dottrina del partito’
Hans-Ueli Vogt è il candidato outsider alla poltrona di Ueli Maurer. Dice di avere ‘molteplici sfaccettature’ e di aderire appieno ai valori dell’Udc.
Svizzera
13 ore
Sedici scodinzolanti neonati per la Fondazione Barry
Doppio lieto evento a fine novembre a Martigny. E a gennaio è prevista un’altra cucciolata di cani San Bernardo
Svizzera
16 ore
Vasta operazione contro la ciberpedocriminalità
Quasi un centinaio le persone fermate dalla Polizia cantonale vodese. Due quelle poste in detenzione preventiva
Svizzera
1 gior
Pericolo marcato di valanghe in molte regioni meridionali
L’allerta riguarda la parte altovallesana delle Alpi, il versante sudalpino centrale, la cresta principale delle Alpi e la zona del Bernina
Svizzera
1 gior
È Zurigo l’El Dorado dei cittadini stranieri
Il 2022 potrebbe essere l’anno record per gli arrivi in riva alla Limmat. Tornano, in particolare, gli italiani
Svizzera
1 gior
Nuotata di San Nicolao da record nella Limmat
Ben 380 persone si sono date appuntamento a Zurigo per la 22esima edizione della tradizionale manifestazione benefica
© Regiopress, All rights reserved