laRegione
10.08.22 - 12:18
Aggiornamento: 15:08

Il lupo che doveva essere abbattuto a Uri si è dato alla macchia

Per l’animale era stato autorizzato l’abbattimento dopo oltre dieci predazioni. Verosimilmente non è più nel territorio del cantone

Ats, a cura di Red.Web
il-lupo-che-doveva-essere-abbattuto-a-uri-si-e-dato-alla-macchia
Keystone

Il lupo, per il quale le autorità urane il 31 maggio avevano concesso l’uccisione, è riuscito a salvare la pelliccia: verosimilmente se l’è svignata e ora non si trova più nel territorio del cantone.

Il lupo in questione fra il 14 e il 23 maggio ha attaccato cinque capre e tredici pecore a Wassen, superando quindi il limite di dieci uccisioni dopo il quale il Cantone concede il permesso per l’abbattimento di un predatore. L’autorizzazione era valida solo per l’area in cui il lupo aveva causato danno ed era limitata a 60 giorni.

La scadenza è passata senza che i guardacaccia potessero abbattere il lupo, che non è mai tornato nei luoghi di predazione anche se ci sono state ripetute segnalazioni della sua presenza, ha spiegato all’agenzia di stampa Keystone-ATS Josef Walker, responsabile per la gestione della caccia.

Recentemente, tre pecore sono state scannate sul territorio del comune di Göschenen, solo pochi chilometri a sud di Wassen. Secondo Walker, però, non è certo che si tratti dello stesso lupo per il quale era stato concesso l’abbattimento, perché sono oramai passati due mesi e i lupi solitamente coprono lunghe distanze in tale arco di tempo.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
4 ore
Le Ffs vogliono 60% di merci in più su rotaia entro il 2050
Presentato il concetto ‘Suisse Cargo Logistics’. Promesse più flessibilità, velocità e digitalizzazione, con un occhio di riguardo ai trasporti ecologici
Svizzera
5 ore
Il parlamento apre il paracadute per Axpo
Anche il Consiglio degli Stati ha approvato a passo di carica la linea di credito di 4 miliardi per far fronte a problemi di liquidità
Svizzera
5 ore
Primo sì in Parlamento all’imposta minima sulle multinazionali
Il Consiglio degli Stati quasi all’unanimità sposa la linea governativa: lasciare la maggior parte degli introiti supplementari ai Cantoni interessati
Svizzera
5 ore
Maudet studia il ritorno e si candida al Consiglio di Stato
Caduto in disgrazia, di nuovo in pista: l’ex enfant prodige del Plr vuole difendere i ‘valori di una nuova lista’
Svizzera
8 ore
Energia, il governo al parlamento: ‘Le misure attuali bastano’
Dibattito al Nazionale sul tema. Il Consiglio federale criticato per la poca anticipazione rispetto a carenze ed emergenze prevedibili
Svizzera
9 ore
La crisi energetica fa tornare di moda il telelavoro
Alcune aziende, fra cui la Posta, stanno riconsiderando l’idea di rispedire a casa i dipendenti per risparmiare sul riscaldamento dei luoghi di lavoro
Svizzera
11 ore
Il prezzo del carburante è in calo. Ma per quanto ancora?
A incidere su altri possibili ribassi diversi fattori: oltre al costo del petrolio, anche i costi di navigazione sul Reno e il tasso di cambio del dollaro
Svizzera
14 ore
Il burro non basta mai: altre 1’000 tonnellate da importare
Quinto aumento nel giro di un anno della quantità extra necessaria per soddisfare la domanda interna
Svizzera
15 ore
‘Shock prevedibile, poteva essere evitato’
L’esperto di Comparis Felix Schneuwly sul pesante aumento dei premi di cassa malati per il 2023
Svizzera
1 gior
In autostrada al massimo a 100 all’ora
È la proposta lanciata dall’Associazione traffico e ambiente per diminuire i consumi energetici
© Regiopress, All rights reserved