laRegione
tra-le-vittime-del-lupo-anche-l-attuale-strategia-del-cantone
Protesta e richieste (Ti-Press)
05.08.22 - 21:51

‘Tra le vittime del lupo anche l’attuale strategia del Cantone’

L’Unione contadini ticinesi: i tiri di abbattimento sono necessari., ecco per quali motivi

"Tra le diverse vittime della realtà predatoria si può ormai annoverare gran parte della strategia del Cantone e della sua applicazione, ritrovatosi impreparato a fronteggiare gli effetti della continua crescita della popolazione di predatori, sia sul territorio elvetico che estero. Una crescita più volte denunciata dall’Uct e da altre associazioni. La saga del lupo di Cerentino è l’esempio lampante di tali carenze". Non usa giri di parole l’Unione contadini ticinesi nel criticare la gestione della questione lupo da parte del Cantone. "Quel che è certo – sostiene l’Uct in una nota – è che diversi allevatori, psicologicamente ed emotivamente logorati, sono intenzionati a cessare l’attività. Per molti sarà dunque l’ultima stagione, una conseguenza diretta del lupo e non del mercato giacché in questo periodo, per esempio, i prezzi al produttore per gli agnelli non sono mai stati così alti".

L’Unione contadini precisa di non essere contraria alle misure di protezione "quando e dove la loro implementazione è fattibile". Tuttavia "se anche tutti i pascoli del cantone fossero proteggibili", queste misure "non garantirebbero una protezione perfetta e richiederebbero comunque azioni più dirette per il contenimento dei lupi". E per essere chiari aggiunge: "A chi afferma che i tiri di abbattimento non sono una soluzione sul medio-lungo termine, rispondiamo che sono invece necessari". Necessari, afferma l’Uct, per tre motivi: "Per l’eliminazione di esemplari che si abituano a predare greggi custoditi e non, perché non si è intervenuti per influenzarne il comportamento in presenza di attività umane a scopo dissuasivo, perché dimostrano la capacità e la volontà del Cantone di applicare integralmente e celermente quanto previsto dalle disposizioni federali".

‘Frustrante il confronto con i Cantoni vicini’

La "frustrazione per le carenze" nella gestione della problematica del lupo "è anche dovuta al confronto con quanto avviene nei Cantoni a noi vicini, che soggiacciono alle medesime leggi". Dall’inizio dell’anno il Vallese ha abbattuto cinque lupi: "L’ultimo abbattimento è avvenuto il 25 luglio. L’ordine era stato rilasciato il 14 luglio, 11 giorni prima. I dati in merito alle predazioni sono costantemente aggiornati ed esaustivi; qui da noi non è così".

L’Unione contadini ticinesi rinnova quindi la richiesta al Consiglio di Stato di agire "su tutti i livelli per risolvere i molteplici problemi emersi: stabilire una linea prioritaria e accelerata per l’analisi del Dna in presenza di predazioni importanti; rafforzare la collaborazione transfrontaliera e intercantonale inerente al monitoraggio, allo scambio di informazioni ed eventuali azioni; garantire una rapida emissione e applicazione dei decreti di abbattimento; cessare di negare la problematica degli ibridi e sviluppare protocolli di intervento efficaci e tempestivi; rafforzare l’organico degli Uffici preposti per garantire trasparenza e completezza nell’informazione dell’opinione pubblica ticinese; riconoscere lo stress psicologico degli allevatori e introdurre strumenti ad hoc per gestirlo".

I Gct al governo: servono risposte concrete

Sul tema intervengono anche i Giovani contadini ticinesi. Lo fanno con una lettera aperta ai Consiglio di Stato. "L’aggressività e la sfrontatezza delle predazioni – scrivono fra l’altro i Gct – sono in rapido aumento, la situazione si aggrava di settimana in settimana e molte famiglie contadine non vedono ormai più via d’uscita. I disagi psicologici e finanziari aumenteranno ulteriormente. Auspichiamo maggiore serietà, prontezza e sensibilità nel trattare la problematica e consapevolezza della realtà. Chiediamo delle risposte concrete ed esaustive dai due uffici preposti (Ucp e Uca), che purtroppo giocano a passarsi la patata bollente, per rassicurarci che la nostra agricoltura e la nostra alpicoltura possano avere una continuità e che i nostri investimenti in tempo, le nostre fatiche e il nostro denaro non siano vani".

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
abbattimento contadini ticinesi lupo
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
1 ora
L’eredità del padre sparita: ‘Lui col fucile voleva spaventarlo’
Tentato assassinio di Agno: il 22enne giovedì avrebbe sottratto la somma alla nonna ed è scomparso. La disperata ricerca da parte del padre e gli spari
Ticino
2 ore
L’impresa sostenibile, tra marketing e realtà
A colloquio con l’economista Marialuisa Parodi sulla cosiddetta ‘finanza Esg’, basata cioè su rating di adeguatezza ambientale e sociale
Luganese
5 ore
Flp, lunghe attese e ritardi coi bus sostitutivi
Alcune persone questa mattina non sono riuscite a salire sui mezzi troppo pieni
Mendrisiotto
7 ore
Age e Aim, la rete idrica è sempre sottopressione
Rimangono in vigore le raccomandazioni all’uso parsimonioso dell’acqua e i divieti. La situazione è critica, ma alcuni Comuni riescono a cavarsela
Locarnese
10 ore
Tegna, ‘no alla variante che finirà per cancellarci’
L’Associazione sportiva preoccupata per le mire pianificatorie del Municipio per la zona dei Saleggi, con il sacrificio del campo da calcio (e del club)
Ticino
19 ore
Ipct, Pronzini si rivolge alla Commissione di mediazione
Il deputato dell’Mps ha chiesto alla cassa pensioni la decisione sulla riduzione del tasso di conversione. Accesso differito. Il parlamentare non ci sta
Luganese
21 ore
Soprusi, schiaffi e ustioni ai figli per 4 anni, il caso in aula
Genitori alle Correzionali, la pubblica accusa chiede pene parzialmente da espiare. Una perizia ha accertato la loro incapacità genitoriale
Luganese
22 ore
Rovio, il movente sarebbe il furto del figlio alla nonna paterna
Il padre avrebbe sparato alla schiena del 22enne forse a causa degli 80’000 franchi spariti dalla casa di Gravesano della parente
Mendrisiotto
22 ore
Chiasso, due campi esterni da padel all’ex Boffalorino
La domanda di costruzione per il progetto sarà presentata entro fine mese. L’area nel frattempo è stata sistemata
Bellinzonese
23 ore
Progetto Ritom a tetto: così cambia l’idroelettrico leventinese
Ffs e Aet presentano l’avanzamento del cantiere. Poi toccherà alla centrale del Piottino. Valutazioni in corso per Lucendro e alcune riversioni
© Regiopress, All rights reserved