laRegione
07.06.22 - 11:14
Aggiornamento: 14:17

Maltempo, l’anno scorso i danni più ingenti dal 2007

Fra le cause principali l’estate particolarmente piovosa. In Ticino il picco lo si è avuto tra fine luglio e inizio agosto

maltempo-l-anno-scorso-i-danni-piu-ingenti-dal-2007
Keystone
L’esondazione del torrente Pfaffnern, nel Canton Argovia

Nel 2021 inondazioni, frane, colate detritiche e cadute di massi hanno provocato in Svizzera danni per circa 450 milioni di franchi. È la più alta somma registrata dal 2007. La maggior parte dei costi è stata causata dalle inondazioni verificatesi nei mesi di giugno e luglio, caratterizzati da abbondanti precipitazioni e temporali. Sono questi i dati che emergono dall’analisi annuale dei danni da maltempo realizzata dall’Istituto federale di ricerca Wsl, che dal 1972 raccoglie sistematicamente tutti i dati e le informazioni sui danni causati dal maltempo.

L’estate del 2021, caratterizzata da abbondanti precipitazioni e temporali, ha avuto forti ripercussioni sui costi dei danni provocati dal maltempo, che per la prima volta dal 2007 hanno nettamente superato la media al netto del rincaro dal 1972 al 2020, pari a circa 300 milioni di franchi, e vanno a occupare il nono posto nella classifica dei 50 anni oggetto di monitoraggio. La quota di gran lunga preponderante dei costi (97%) è stata causata da inondazioni dovute a straripamenti e ruscellamento superficiale nei mesi di giugno e luglio. Nel cantone di Basilea Campagna le inondazioni hanno causato una vittima.

Numerose inondazioni provocate da temporali e piogge persistenti

Nell’estate 2021 si è registrata una straordinaria sequenza di temporali in rapida successione. Tra il lago Lemano e il lago di Costanza, ben poche località sono state risparmiate da uno dei numerosi temporali di giugno e luglio. I costi decisamente ingenti sono stati quindi causati in primo luogo dal numero elevato di eventi dannosi di ampia portata e non – come in altri anni in cui si sono verificati molti danni – da singoli eventi gravi e circoscritti.

I danni più elevati si sono riscontrati in seguito alle inondazioni provocate dai temporali il 22 giugno 2021 a Cressier (Ne), il 23 giugno nel Giura bernese e nei distretti di Waldenburg e Sissach, nel cantone di Basilea Campagna, il 24 giugno a Vordemwald (Argovia) e il 25 giugno nel distretto di March, nel Canton Svitto.

Dalla metà di luglio, date le precipitazioni continue, il livello di molti laghi e fiumi ha superato la soglia di piena, con danni considerevoli in particolare nei comuni sulle rive dei laghi ai piedi del Giura.

In Ticino, in particolare alla fine di luglio e all’inizio di agosto temporali e piogge persistenti hanno provocato inondazioni dovute allo straripamento di torrenti. I cantoni di montagna Vallese e Grigioni sono stati perlopiù risparmiati. Le valutazioni del Wsl non tengono conto dei danni provocati da grandine e tempeste, che nel 2021 sono stati molto ingenti su scala regionale.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
10 ore
Le Ffs vogliono 60% di merci in più su rotaia entro il 2050
Presentato il concetto ‘Suisse Cargo Logistics’. Promesse più flessibilità, velocità e digitalizzazione, con un occhio di riguardo ai trasporti ecologici
Svizzera
10 ore
Il parlamento apre il paracadute per Axpo
Anche il Consiglio degli Stati ha approvato a passo di carica la linea di credito di 4 miliardi per far fronte a problemi di liquidità
Svizzera
11 ore
Primo sì in Parlamento all’imposta minima sulle multinazionali
Il Consiglio degli Stati quasi all’unanimità sposa la linea governativa: lasciare la maggior parte degli introiti supplementari ai Cantoni interessati
Svizzera
11 ore
Maudet studia il ritorno e si candida al Consiglio di Stato
Caduto in disgrazia, di nuovo in pista: l’ex enfant prodige del Plr vuole difendere i ‘valori di una nuova lista’
Svizzera
14 ore
Energia, il governo al parlamento: ‘Le misure attuali bastano’
Dibattito al Nazionale sul tema. Il Consiglio federale criticato per la poca anticipazione rispetto a carenze ed emergenze prevedibili
Svizzera
15 ore
La crisi energetica fa tornare di moda il telelavoro
Alcune aziende, fra cui la Posta, stanno riconsiderando l’idea di rispedire a casa i dipendenti per risparmiare sul riscaldamento dei luoghi di lavoro
Svizzera
17 ore
Il prezzo del carburante è in calo. Ma per quanto ancora?
A incidere su altri possibili ribassi diversi fattori: oltre al costo del petrolio, anche i costi di navigazione sul Reno e il tasso di cambio del dollaro
Svizzera
19 ore
Il burro non basta mai: altre 1’000 tonnellate da importare
Quinto aumento nel giro di un anno della quantità extra necessaria per soddisfare la domanda interna
Svizzera
21 ore
‘Shock prevedibile, poteva essere evitato’
L’esperto di Comparis Felix Schneuwly sul pesante aumento dei premi di cassa malati per il 2023
Svizzera
1 gior
In autostrada al massimo a 100 all’ora
È la proposta lanciata dall’Associazione traffico e ambiente per diminuire i consumi energetici
© Regiopress, All rights reserved