laRegione
temporali-estivi-costi-miliardari-per-il-settore-assicurativo
Ti-Press
Danni causati in particolare da grandine, inondazioni o venti tempestosi
28.10.21 - 18:15
Aggiornamento: 18:34
Ats, a cura de laRegione

Temporali estivi, costi miliardari per il settore assicurativo

Quest’anno i danni naturali coperti dalle assicurazioni sono stati dell’ordine di circa 2 miliardi di franchi. Solo nel 2005 erano stati più elevati

La scorsa estate in Svizzera è stata caratterizzata da forti temporali: in particolare le grandinate di giugno e le inondazioni di luglio sono costate miliardi al settore assicurativo. Tuttavia le misure adottate negli ultimi anni, soprattutto contro le piene, hanno evitato danni ancor maggiori, ha indicato l’Associazione svizzera d’assicurazioni (Asa). Complessivamente, stando all’Asa, la grandine e le inondazioni, ma anche i venti tempestosi, hanno provocato danni naturali coperti dalle assicurazioni dell’ordine di circa 2 miliardi di franchi. Circa la metà di questi costi è stata a carico delle 19 assicurazioni immobiliari cantonali, l’altra metà è stata assunta dalle assicurazioni private. In un raffronto storico, solo l’anno catastrofico del 2005, con danni assicurati per circa 2,2 miliardi di franchi, ha provocato più spese alle assicurazioni. Allora erano state soprattutto le piene e le inondazioni, e meno le grandinate, a provocare i danni maggiori.

Misure di protezione efficaci

Il fatto che le inondazioni di quest’estate siano state meno care è da ricondurre, secondo l’Asa, a un motivo in particolare: le numerose misure protettive realizzate negli anni 2000, che si sono dimostrate efficaci. Attorno ai laghi e ai fiumi sono stati infatti costruiti dispositivi di protezione permanenti contro le piene. Inoltre, in quegli anni le autorità hanno approntato un sistema di regolazione delle acque e migliorato la comunicazione e i sistemi di allerta, ha precisato la nota. E da ultimo, ma non meno importante, vi sono misure di protezione mobili, quali dispositivi gonfiabili e sacchi di sabbia, che possono essere utilizzati in modo mirato dai servizi di emergenza, in casi di calamità maggiore.

Vantaggioso rispetto all’estero, in Svizzera è stato ritenuto il sistema duale di copertura dei danni naturali, ha indicato l’Asa. Da un lato nella maggior parte dei cantoni le assicurazioni immobiliari obbligatorie coprono i danni agli edifici causati da tempeste e inondazioni. Dall’altra parte, le assicurazioni private tutelano da danni e da perdite a oggetti domestici o veicoli.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
assicurazioni danni estate maltempo svizzera
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
Economia
3 gior
Fallimenti aziendali in forte aumento in Svizzera
Il Ticino è fra i cantoni con meno casi di insolvenza. Lo rileva la Dun & Bradstreet
Economia
5 gior
Gli esperti dell’Ubs escludono un rapido calo dell’inflazione
Il rialzo dei prezzi proseguirà anche nel secondo semestre: il tasso annuale dovrebbe attestarsi al 3,1%. Raiffeisen rivede al ribasso le previsioni 2022
Economia
1 sett
Smartphone: crollano le spedizioni in Europa
‘Molti Paesi si stano avvicinando alla recessione, con maggiori tensioni politiche’, scrive Counterpoint Research che si attende una ripresa lunga e lenta
Economia
1 sett
Migliaia di impieghi a rischio a Credit Suisse
L’agenzia Bloomberg riferisce di un piano per attuare una drastica cura dimagrante nei prossimi anni. La banca non commenta
Economia
1 sett
Swiss torna in attivo nel primo semestre
Il fatturato è più che raddoppiato e il numero di passeggeri è quintuplicato. Nel 2020 e 2021 aveva registrato grandi perdite a causa della pandemia
Economia
1 sett
Boom di Airbnb: oltre 100 milioni di notti prenotate in 3 mesi
La piattaforma segna il record di prenotazioni per l’estate, che sarà la più redditizia di sempre. Ricavi in crescita del 58%
Economia
1 sett
Catastrofi naturali, danni per 75 miliardi nel primo semestre
Secondo la stima di Swiss Re, la cifra è inferiore sia a quella del 2021, sia alla media degli ultimi dieci anni
Economia
2 sett
Commercio al dettaglio, aumentato il fatturato a giugno
L’incremento è del 3,2% rispetto all’anno precedente. Lo ha rilevato l’Ufficio federale di statistica.
Economia
2 sett
Fatturato stagnante nel secondo trimestre per Sunrise
Buone notizie dal settore della telefonia mobile, con un aumento netto di 47mila abbonamenti
Economia
2 sett
Profondo rosso per Renault nel primo semestre dell’anno
L’uscita dal mercato russo dopo l’invasione dell’Ucraina pesa sulle casse della casa automobilistica: perdite per 1,6 miliardi di euro
© Regiopress, All rights reserved