laRegione
18.05.22 - 14:30
Aggiornamento: 17:44

Società elettriche, ecco il piano di salvataggio

Consiglio federale pronto a mettere sul piatto fino a dieci miliardi di franchi per evitare il collasso del sistema

Ats, a cura de laRegione
societa-elettriche-ecco-il-piano-di-salvataggio
Ti-Press
C’è una strategia

Garantire la continuità dell’approvvigionamento elettrico in Svizzera anche nel caso in cui ulteriori forti aumenti dei prezzi nel commercio internazionale di energia dovessero provocare una reazione a catena nel settore che potrebbe portare a un collasso del sistema. Il Consiglio federale ha trasmesso oggi al Parlamento il messaggio concernente una legge urgente per il salvataggio delle aziende elettriche di rilevanza sistemica in caso di crisi. Sul piatto, il Governo è pronto a mettere 10 miliardi di franchi.

Le società elettriche svizzere di rilevanza sistemica devono poter essere in grado di ottenere mutui dalla Confederazione per colmare eventuali carenze di liquidità in caso di sviluppi eccezionali del mercato. Con l’adozione odierna del messaggio, il disegno di legge dovrà essere discusso dal Parlamento nella sessione estiva e posto in vigore con urgenza. Con questo modus operandi, il Governo vuole garantire che le Camere federali siano coinvolte per tempo e che si possa così evitare il ricorso al diritto di necessità.

A medio termine, la legge – la cui validità è fissata in 4 anni, ossia fino al 2026 – dovrà essere sostituita da altre misure per salvaguardare la sicurezza dell’approvvigionamento.

Critiche tenute in debita considerazione

Negli ultimi mesi i mercati energetici europei hanno registrato forti aumenti dei prezzi, che si sono ulteriormente acuiti con la guerra in Ucraina. Sebbene le aziende elettriche svizzere siano solide, l’esecutivo vuole evitare le conseguenze di un blackout prolungato, che sarebbero devastanti.

Dai risultati della consultazione emerge che la maggioranza dei partecipanti vede la necessità di intervenire, ma auspica varie modifiche del progetto di legge. Il Consiglio federale ha in particolare tenuto conto di diverse critiche e ha adattato il progetto di conseguenza.

Il ruolo della Confederazione, ad ogni buon conto, è sussidiario: in prima battuta sono chiamate in causa le aziende stesse. Queste ultime, insieme con i loro finanziatori (banche, obbligazionisti, ecc.) e ai loro proprietari (Cantoni, Comuni, privati), devono adottare con continuità tutti i provvedimenti atti a prevenire situazioni di crisi. In particolare, esse sono tenute a prendere misure per preservare la liquidità.

Fino a 10 miliardi di franchi

Tenuto conto delle forti oscillazioni del prezzo dell’energia e delle incertezze legate alla guerra in Ucraina, il Governo, come annunciato nelle scorse settimane, è pronto a mettere sul piatto fino a 10 miliardi di franchi per garantire temporaneamente la liquidità delle società alle prese con prezzi estremi o inadempienze su larga scala delle controparti.

Dal canto loro, le imprese assoggettate pagano un importo forfettario annuale a copertura perlomeno parziale dei costi per la messa a disposizione temporanea della liquidità.

I mutui fruttano inoltre interessi in linea con il mercato. La Confederazione riscuote un supplemento di rischio compreso tra il 4 e il 10% a seconda del rischio. Questo considerevole supplemento ha lo scopo di evitare che si creino disincentivi e di stimolare le aziende a fare tutto il possibile per ottenere finanziamenti dai loro proprietari e dalle banche, in modo da ricorrere a mutui della Confederazione solo in casi di estrema emergenza.

Oltre a ciò, i Cantoni dovranno rimborsare alla Confederazione la metà delle eventuali perdite sui mutui. In cambio, i Cantoni ricevono il 50% per cento delle entrate generate dal supplemento di rischio.

Una stampella, ma solo per le imprese a rilevanza sistemica

Il Consiglio federale non può invece accogliere la richiesta di rendere il piano di salvataggio accessibile a tutte le imprese. In questo modo si creerebbe di fatto un istituto statale di credito agevolato per il settore energetico. La responsabilità del sostegno alle imprese non di rilevanza sistemica continua a essere dei rispettivi proprietari, precisa ancora la nota.

Inoltre, il Consiglio federale non crede che un assoggettamento puramente volontario delle imprese di rilevanza sistemica sia un’opzione praticabile, perché potrebbero verificarsi situazioni in cui tali imprese non sono più in grado di raccogliere da sole in tempo utile la liquidità necessaria e il loro fallimento potrebbe portare a reazioni a catena e persino a un collasso del sistema che metterebbe in pericolo l’approvvigionamento elettrico in Svizzera.

Il Governo propone tuttavia che un’impresa di rilevanza sistemica possa in larga misura essere esclusa dal campo di applicazione della legge se può contare, in termini di liquidità, su un sostegno cantonale equivalente a quello previsto dalla norma federale

Come detto, la legge ha validità fino al 2026. In seguito dovranno essere adottati provvedimenti in grado di rendere il settore elettrico più resiliente in caso di crisi e il piano di salvataggio superfluo. Essi includeranno prescrizioni per garantire in ogni momento la continuità di funzioni importanti come la produzione di elettricità (‘Business Continuity Management’), una legge sull’integrità e la trasparenza del commercio all’ingrosso di elettricità e gas, così come eventuali requisiti sulla liquidità e la capitalizzazione delle aziende.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
6 ore
Suisse Secret, il Ministero pubblico della Confederazione indaga
Credit Suisse sporge denuncia per la fuga di notizie. I reati prospettati sono spionaggio economico, violazione dei segreti commerciale e bancario
Svizzera
10 ore
Moutier, no di Plr e Udc alla mediazione di Baume-Schneider
Per le sezioni del Giura bernese, la passata militanza della consigliera federale non le permetterebbe un responso imparziale sul contenzioso
Svizzera
10 ore
In un comune su due installare pannelli solari non conviene
I proprietari rischiano addirittura di andare in perdita, indica uno studio. Notevoli le differenze da un cantone e un comune all’altro
Svizzera
10 ore
Il Consiglio federale in difesa della libertà di stampa
Scoop con i dati bancari? Il governo sostiene una mozione che chiede di rinunciare alle sanzioni penali previste attualmente
Svizzera
12 ore
Expo 2025, la Svizzera punta su innovazione e padiglione ‘light’
Berna intende presentare la struttura più leggera ed ecologica di tutta la manifestazione che si svolgerà a Osaka
Svizzera
12 ore
La Confederazione deve impegnarsi sulla penuria di farmaci
Secondo Enea Martinelli, farmacista ospedaliero di vari nosocomi bernesi, occorre elaborare misure a lungo termine
Svizzera
12 ore
Un gruppo di esperti vuole vietare le promozioni sulla carne
Le misure proposte, fra cui anche una tassa sul CO2 prelevata sulle derrate, sono finalizzate a preservare la sicurezza alimentare della Svizzera
Svizzera
13 ore
Migros ha scelto: il nuovo numero uno sarà Mario Irminger
Precedentemente alla testa di Denner (che ora cerca un nuovo timoniere), prenderà le redini dei ‘gigante arancione’ fra due mesi
Svizzera
13 ore
Le prestazioni complementari non compromettono il permesso C
Lo ha statuito il Tribunale federale, accogliendo il ricorso di uno spagnolo a cui in prima istanza le autorità avevano revocato lo statuto
Svizzera
16 ore
Per la Rega nel 2022 un numero da record di pazienti soccorsi
Le oltre 14’000 persone aiutate lo scorso anno sono la cifra più alta nei 70 anni di storia della Guardia aerea svizzera di soccorso
© Regiopress, All rights reserved