laRegione
05.05.22 - 16:06

Alle società elettriche non piace il ‘paracadute’ governativo

Pareri negativi sul piano di salvataggio del Consiglio federale. L’associazione del settore: condizioni troppo severe, prestiti non solo alle ‘grandi’

Ats, a cura de laRegione
alle-societa-elettriche-non-piace-il-paracadute-governativo
Keystone
Parecchie critiche dalle ‘big’ del settore al piano di salvataggio del Consiglio federale

Zurigo – Il piano del Consiglio federale per il salvataggio delle aziende elettriche di rilevanza sistemica in caso di crisi non piace alla maggioranza di partiti e associazioni interessate. Il settore energetico non si oppone al progetto in sé, ma alla sua concezione. Per i partiti borghesi invece le liquidità competono alle imprese. Solo il Ps sostiene il disegno di legge in toto.

Il Governo, che ha posto in consultazione il progetto sino a ieri, è pronto a mettere sul piatto fino a 10 miliardi di franchi per garantire la liquidità delle società alle prese con prezzi estremi o con la volatilità del mercato legata alle incertezze della guerra in Ucraina.

Il Parlamento dovrà affrontare il dossier durante la sessione estiva. La nuova legge, che ha una validità di 4 anni ossia fino al 2026, dovrebbe entrare in vigore il prima possibile.

AES contraria

L’Associazione delle aziende elettriche svizzere (Aes) accoglie il principio di una misura d’emergenza sussidiaria e facoltativa. Ma ritiene troppo severe, "sproporzionate e di una portata senza precedenti" le condizioni poste dal Governo.

Stando all’Aes, le imprese elettriche sono già protette dai rischi e stanno andando bene a livello finanziario. Anziché essere destinati esclusivamente alle tre imprese di rilevanza sistemica (Alpiq, Axpo e Bkw), i prestiti della Confederazione dovrebbero essere accessibili a tutte le aziende del settore.

Alpiq più sfumata

Il gruppo energetico losannese Alpiq è favorevole alle misure per garantire la sicurezza dell’approvvigionamento del Paese. Tuttavia la società con sede a Losanna ritiene diversi aspetti controproducenti e pericolosi per le imprese e suggerisce adeguamenti.

Secondo Alpiq, il fatto che il piano preveda la copertura obbligatoria e numerosi obblighi per le aziende minaccerebbe la libertà economica ed è quindi pregiudizievole e sproporzionato. A suo avviso, tali misure non devono aprire la strada a una nazionalizzazione rampante delle imprese elettriche.

Il gruppo ritiene inoltre che la Svizzera dovrebbe collaborare con altri Stati europei per l’adeguamento delle condizioni quadro delle borse elettriche onde evitare che la volatilità dei mercati generi un’immobilizzazione eccessiva delle liquidità.

Nelle loro prese di posizione gli altri due gruppi di rilevanza sistemica, l’argoviese Axpo e il bernese Bkw, respingono invece il piano governativo. Axpo definisce le misure sproporzionate, arbitrarie e poco conformi alla Costituzione. Per Bkw, il progetto va ben al di là dell’obiettivo prefissato.

Partiti borghesi scettici

Anche i partiti borghesi si dicono scettici di fronte al disegno di legge. L’Udc lo respinge, poiché a suo avviso spetta ai gestori dotare le imprese dei mezzi sufficienti.

Per il Plr, la Confederazione deve intervenire soltanto in caso di estrema emergenza. Secondo i liberali-radicali, il piano crea un pericoloso precedente dalle conseguenze imprevedibili. Il Centro accoglie piuttosto favorevolmente il progetto, ma chiede direttive chiare e severe per sostenerlo.

Il Ps, invece, ritiene opportuno il piano governativo e l’adesione obbligatoria per le aziende di rilevanza sistemica. Secondo i socialisti, occorre ora esaminare se il progetto non debba essere accessibile ad altre imprese elettriche.

I Verdi, dal canto loro, ritengono che la sicurezza dell’approvvigionamento del Paese debba essere al centro delle preoccupazioni e non il salvataggio delle aziende. I Verdi liberali, infine, ricordano come "questo paracadute d’emergenza" debba essere usato soltanto come ultima risorsa.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
10 min
Migros ha scelto: il nuovo numero uno sarà Mario Irminger
Precedentemente alla testa di Denner (che ora cerca un nuovo timoniere), prenderà le redini dei ‘gigante arancione’ fra due mesi
Svizzera
21 min
Le prestazioni complementari non compromettono il permesso C
Lo ha statuito il Tribunale federale, accogliendo il ricorso di uno spagnolo a cui in prima istanza le autorità avevano revocato lo statuto
Svizzera
3 ore
Per la Rega nel 2022 un numero di pazienti soccorsi da record
Le oltre 14’000 persone aiutate lo scorso anno sono la cifra più alta nei 70 anni di storia della Guardia aerea svizzera di soccorso
Svizzera
18 ore
Soldato impiegato al Wef indagato per un reato sessuale
Un portavoce della giustizia militare ha confermato un’informazione della ‘Weltwoche’. Avviata un’inchiesta.
Svizzera
22 ore
USS annuncia un referendum contro la riforma del 2º pilastro
I sindacati interrompono contestualmente la raccolta firma per l’iniziativa ‘Utili della Banca nazionale per un’AVS forte’
Svizzera
22 ore
Ginevra, Uber può continuare a operare
L’azienda ha ottenuto misure superprovvisionali. Lo Stato di recente aveva vietato le sue attività.
Svizzera
1 gior
Maurizio Dattrino al comando della Divisione territoriale 3
Il brigadiere ticinese, attinente di Arbedo, sostituirà il divisionario Lucas Caduff che va in pensione
Svizzera
1 gior
Penuria di farmaci, al lavoro una task force
Su incarico del Consiglio federale, avrà il compito di valutare le misure a breve termine per far fronte a questo fenomeno ‘problematico’
Svizzera
1 gior
Indonesiani contro Holcim, fallita la trattativa di risarcimento
Si tratta del secondo capitolo a livello giudiziario della vertenza, dopo che una conciliazione per stabilire un risarcimento è fallita lo scorso ottobre
Svizzera
1 gior
1° febbraio: è il giorno della prova sirene
Le sirene suoneranno in tutta la Svizzera. In Ticino alle 13.30, 13.35, 13.45 e 13.55 sarà diffuso un suono continuo e modulato, della durata di un minuto
© Regiopress, All rights reserved