laRegione
yvan-perrin-per-l-alta-corte-non-fu-discriminazione-razziale
Keystone
Yvan Perrin
13.05.22 - 15:02
Aggiornamento: 19:37
Ats, a cura de laRegione

Yvan Perrin, per l’Alta Corte non fu discriminazione razziale

Assoluzione confermata per l’ex consigliere nazionale Udc. Sul suo profilo Facebook erano stati postati commenti di terzi che incitavano all’odio

Il Tribunale federale (Tf) ha confermato l’assoluzione dell’ex consigliere nazionale UDC Yvan Perrin dall’accusa di discriminazione razziale. Il Ministero pubblico neocastellano gli rimproverava di non aver cancellato commenti di terzi che incitavano all’odio sulla sua bacheca Facebook.

"La mancanza di conoscenza, da parte del detentore del profilo in questione, dei commenti litigiosi esclude la sua responsabilità penale, in assenza di una base legale specifica", ha spiegato il Tf in un comunicato. Il diritto svizzero non prevede attualmente una norma specifica che disciplini la responsabilità penale dei fornitori e degli utenti di social network. Il Ministero pubblico neocastellano sosteneva però che si potesse dedurre la responsabilità penale del detentore del profilo Facebook dai principi generali esistenti nel diritto penale svizzero.

Per l’Alta Corte, Perrin usava la propria pagina Facebook come forum di discussione. Rendendola accessibile al pubblico e trattando temi di natura politica sensibili "ha creato il rischio che dei contenuti illegali fossero postati", si legge nella nota. L’interessato però ignorava la presenza di commenti che incitavano all’odio e alla violenza sul suo profilo prima dell’apertura della procedura penale.

Secondo i giudici federali inoltre non è possibile far dipendere un obbligo di sorveglianza e di moderazione dei commenti, da circostanze quali la sensibilità dei temi trattati, la cerchia dei potenziali destinatari o ancora il numero o il carattere scioccante, come sosteneva la procura. Questo potrebbe comportare "un obbligo di vigilanza molto pesante, in quanto permanente ed esaustivo, mentre nessuna norma lo prevede espressamente".

La vicenda riguarda una polemica nei confronti dei musulmani lanciata tra il 4 e il 6 aprile 2019 su Facebook. Perrin, che è stato anche consigliere di Stato a Neuchâtel e vicepresidente dell’Udc, aveva commentato un articolo di giornale sui Qatar Papers definendolo "edificante sul finanziamento dell’islam a tendenza Fratelli musulmani, in Svizzera in generale e a La Chaux-de-Fonds in particolare". L’associazione musulmana "De la lumière à l’excellence", con sede a Martigny (Vs), aveva sporto denuncia. Diversi commentatori sono stati identificati e sanzionati per discriminazione razziale (articolo 261bis del Codice penale).

Perrin invece è stato prosciolto dal Tribunale di polizia del distretto del Littoral e della Val-de-Travers. L’assoluzione è stata poi confermata dalla Corte penale del Tribunale cantonale di Neuchâtel nel 2021.

L’ex consigliere nazionale si è detto soddisfatto della sentenza del Tf: "è una vittoria per la libertà di espressione (...). La denuncia era legata a un’associazione musulmana che mirava a mettere a tacere gli oppositori di questa politica di islamizzazione", ha dichiarato all’emittente radiofonica Rtf.

Per Bertil Cottier, specialista in diritto dei media, intervistato dalla stessa radio, questa sentenza crea una situazione "spiacevole" perché il titolare di un account Facebook non è obbligato a controllare e monitorare ciò che viene scritto sul suo account. "Sarebbe bene che il Parlamento affrontasse la questione e legiferasse", ha aggiunto.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
discriminazione razziale tribunale federale yvan perrin
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
4 ore
Paura di un inverno al freddo, occhio alle truffe
In Vallese segnalati annunci online fasulli di legna da ardere e pellet a basso costo. Si chiede di pagare in anticipo, ma la merce non viene consegnata.
Svizzera
6 ore
Incidente mortale ieri sera a Schlatt
Forse un malore all’origine del sinistro costato la vita a un novantenne, andato a cozzare contro una scalinata e il muro di un cimitero
Svizzera
7 ore
Ventisettenne annega nel lago di Zurigo
È accaduto attorno alle 13.30, mentre nella città iniziava la Streetparade: ancora da chiarire se il fatto sia collegato all’evento
Svizzera
8 ore
HotellerieSuisse, competitività intatta malgrado il franco forte
Lo sosteniene il presidente Andreas Züllig, secondo cui la competitività della Svizzera ‘è cresciuta globalmente’
Svizzera
9 ore
Un morto e tre feriti in un incidente sulla A9
A seguito del sinistro, avvenuto ieri attorno alle 17.30 nel tunnel di Chauderon, l’autostrada è rimasta chiusa per una decina di ore
Svizzera
10 ore
Riflessione e tolleranza. È l’inno della 29esima Streetparade
Iniziato nel pomeriggio sulle rive della Limmat il mega raduno a ritmo di musica elettronica dalle ‘love mobile’
Svizzera
12 ore
Derubato di telefono e portafoglio da ignoti
Aggressione a scopo di furto ieri sera a nel canton Basilea. La polizia è alla ricerca di quattro uomini calvi
Svizzera
13 ore
Smart contro un camion: una 22enne ferita in modo grave
L’incidente stradale si è verificato ieri pomeriggio a Hunzenschwil (Ag). I due veicoli si sono scontrati frontalmente
Svizzera
14 ore
Crisi energetica: la legna per riscaldarsi non è la soluzione
Lo afferma il meteorologo Jörg Kachelmann, secondo cui il pellet è dannoso per il clima tanto quanto il carbone, il gas o il petrolio
Svizzera
15 ore
Ritrovato il corpo dell’87enne sparito nelle acque del Lemano
L’uomo, un tedesco, era scomparso martedì pomeriggio nei pressi di Montreux. È stato rinvenuto a 100 m di profondità
© Regiopress, All rights reserved