laRegione
piero-marchesi-e-il-vallo-della-decenza
(Ti-Press)
02.10.21 - 05:30

Piero Marchesi e il vallo della decenza

Il consigliere nazionale Udc paragona il miliardo di coesione all’Ue al pizzo estorto dalla mafia. Alla faccia del rispetto di vittime e Parlamento

“In Sicilia i commercianti, per evitare di vedersi incendiato il negozio, pagano il pizzo alle organizzazioni mafiose”. Con il versamento del cosiddetto ‘miliardo di coesione’ all’Unione europea “stiamo addirittura mettendoci in condizioni peggiori di quei poveri commercianti siciliani”. Si può pensare quel che si vuole dell’Europa e delle relazioni che con essa dovrebbe avere la Svizzera. Si può perfino coltivare il puerile feticcio dei ‘liberi e svizzeri’ che se ne fregano del continente in mezzo al quale sono piantati, e al quale devono gran parte della loro sicurezza e prosperità. Ma queste parole del consigliere nazionale Udc Piero Marchesi, giovedì in Parlamento, superano il vallo della decenza. Oltre a strumentalizzare biecamente le vittime di mafia e a paragonare Bruxelles a Cosa Nostra, rivelano tutto lo squallore d’una sesquipedale ignoranza politica e diplomatica. E contribuiscono allo stereotipo dei ticinesi bifolchi che a Berna ci vanno solo per piangere miseria e spararla grossa, confondendo il legislativo federale con una qualsiasi bettola di Monteggio dopo l’ennesimo bianchino. Ci meritiamo di meglio.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
mafia piero marchesi unione europea
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
5 ore
Putin e l’effetto boomerang
Cremlino rassegnato all’allargamento dell’Alleanza atlantica a Svezia e Finlandia. E l’Ucraina ora è dotata di armi pesanti occidentali
sguardo a nord
1 gior
I bastian contrari
Commento
1 gior
È tornato il Wef di lotta e di governo
Dalle tematiche care ai ‘no-global’ fino alle proposte per riformare un sistema economico che ha mostrato tutti i suoi limiti
il commento
2 gior
Putin e l’arma della grande fame
Bloccare il grano e le navi che lo trasportano, affamando l’Ucraina e le nazioni sottosviluppate. Così Mosca prova a far svoltare la guerra in suo favore
Commento
4 gior
Viaggio nell’arena (flatulente) della Rai
La decisione del direttore generale della tv di Stato italiana di separare i talk show dall’informazione ha sollevato una mezza rivolta
L’ANALISI
4 gior
Non è la panacea, ma proviamoci
La Sfl ha approvato il nuovo format della Super League: 12 squadre e playoff
Commento
5 gior
Il disagio psichico e il circo Barnum dei social
Un tempo erano donne barbute e nani ad attrarre la gente nei circhi, oggi il disagio psichico esposto impietosamente attira i click degli utenti del web
Commento
5 gior
Schröder, poltrone come matrioske
I tedeschi gli chiedono di mollare i suoi incarichi russi e lui ne fa spuntare altri. Il vizio tropical-mediterraneo della sedia incollata non ha confini
Commento
6 gior
L’eterno declino degli Usa
La strage razzista di Buffalo è l’ennesimo, tragico sintomo di un Paese diviso, le cui fratture interne sono speculari alla potenza militare
Commento
6 gior
Il Vescovo di Lugano e il vasetto (vuoto) di marmellata
Il prete del Mendrisiotto, fermato ubriaco e con precedenti accuse di molestie, ci porta a riflettere sul binomio superato di misericordia e giustizia
© Regiopress, All rights reserved