laRegione
06.04.22 - 16:48
Aggiornamento: 17:25

Sanzioni, il Ps denuncia il dipartimento di Guy Parmelin

I socialisti chiedono che il Consiglio federale incarichi il Defr di applicare le misure di ritorsione contro la Russia ‘completamente e rapidamente’

Ats, a cura de laRegione
sanzioni-il-ps-denuncia-il-dipartimento-di-guy-parmelin
Keystone
Il ministro dell’Economia Guy Parmelin

Berna – Le sanzioni nei confronti della Russia non sono applicate in maniera coerente in Svizzera. È la critica mossa dal Partito socialista, che ha duramente attaccato il Dipartimento federale dell’economia, della formazione e della ricerca (Defr).

Il Ps ha deciso di ricorrere anche per via giudiziaria, presentando una denuncia contro il Defr al Consiglio federale sulla base dell’articolo 71 della Legge federale sulla procedura amministrativa, secondo cui "chiunque può denunziare, in ogni tempo, all’autorità di vigilanza i fatti che richiedono, nell’interesse pubblico, un intervento d’ufficio contro un’autorità".

Il Consiglio federale deve incaricare il Dipartimento di Guy Parmelin di applicare le sanzioni "completamente e rapidamente", scrive il partito in una presa di posizione trasmessa ai giornali del gruppo Tamedia e all’agenzia Keystone-ATS, criticando la passività da parte del Defr.

Secondo il Partito socialista, è necessario applicare le sanzioni il più rapidamente possibile. Senza di esse, gli oligarchi russi potrebbero continuare a ritirare i loro beni dalla Svizzera. Per il Ps l’attuale pressione sul regime del presidente russo Vladimir Putin non è sufficiente, il che riduce la probabilità che il leader del Cremlino si sieda al tavolo dei negoziati.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
43 min
Il Vallese sui casinò si ritiene svantaggiato rispetto al Ticino
Il Consiglio federale intende concedere la concessione per una sola casa da gioco: protesta il Consigliere di Stato Darbellay
Svizzera
1 ora
Raccolte le firme per l’iniziativa sul mantenimento del contante
Già certificate oltre 111‘000 firme a favore del ’Sì a una valuta svizzera libera e indipendente sotto forma di monete o banconote’
Svizzera
19 ore
Due morti a Disentis per una valanga
La slavina ha travolto un gruppo di tre sciatori fuori pista, una sola delle quali è rimasta illesa
Svizzera
19 ore
La meteo fa i capricci: in Ticino quasi 20°C, neve in montagna
Il favonio da nord ha alzato eccezionalmente la colonnina di mercurio nel sud della Svizzera: 19,5°C a Locarno. Rischio valanghe nei Grigi
Svizzera
21 ore
La Brévine festeggia il freddo, pronta una brioche da record
Nella ‘Siberia della Svizzera’ inizia il festival locale: fornai pronti a sfornare una brioche da 4,18 metri, in onore dei -41,8°C toccati nel 1987
Svizzera
23 ore
Il parto anonimo è sempre più possibile in Svizzera
Sempre più ospedali danno alle donne la possibilità di partorire in modo confidenziale, come alternativa alle “baby finestre”
Svizzera
1 gior
Secondo il Ceo, i prezzi dei prodotti Nestlé saliranno ancora
Secondo Mark Schneider, però, la multinazionale non è responsabile del rincaro essendo essa stessa vittima dell’aumento dei prezzi
Svizzera
1 gior
L’urto e poi le fiamme: incidente sull’A2, una donna è grave
Il sinistro è avvenuto questa notte fra il tunnel del Seelisberg e Altdorf. La conducente è uscita dal veicolo incendiato con l’aiuto di altre persone
la guerra in ucraina/1
1 gior
Sulla riesportazione delle armi svizzere il vento è cambiato
Commissione degli Stati vuole allentare la legge. Anche per sostenere l’industria bellica svizzera. Le risposte alle principali domande.
Svizzera
1 gior
Riesportazione di armi: ‘La legge va allentata’
La commissione della politica di sicurezza degli Stati ha chiesto con 6 voti contro 4 e 2 astensioni di modificare la legge federale sul materiale bellico
© Regiopress, All rights reserved