laRegione
01.04.22 - 21:21

Più soldi all’esercito, l’idea si fa strada in Parlamento

Ad ampia maggioranza la commissione competente del Consiglio degli Stati vara una mozione per chiedere di aumentare progressivamente le spese militari

Ats, a cura de laRegione
piu-soldi-all-esercito-l-idea-si-fa-strada-in-parlamento
Keystone

Berna – Il "Rapporto sulla politica di sicurezza" è una solida base concettuale su cui costruire in futuro. È l’opinione della Commissione della politica di sicurezza del Consiglio degli Stati (CPS-S), che invita la sua camera a prenderne atto. Tuttavia, vista la situazione geopolitica attuale, ritiene necessarie misure di accompagnamento concrete, in particolare l’aumento delle spese dell’esercito.

Nel rapporto, pubblicato lo scorso mese di novembre per la prima volta dal 2016, il Consiglio federale analizza gli sviluppi a livello mondiale in materia di sicurezza e illustra l’approccio con cui intende affrontare un contesto internazionale divenuto più aspro e teso. Inoltre, l’esecutivo stabilisce nove obiettivi per la Confederazione nei prossimi anni.

Basi concettuali solide

In una nota odierna dei Servizi del Parlamento, la CPS-S sottolinea come il documento costituisca una delle basi concettuali solide sulle quali la Svizzera può costruire la sua politica di sicurezza futura. La Commissione accoglie positivamente il supplemento annunciato dalla consigliera federale Viola Amherd, capo del Dipartimento federale della difesa, della protezione della popolazione e dello sport (DDPS), in particolare la parte concernente le lezioni apprese dalla guerra in Ucraina.

La maggioranza della CPS-S ritiene che alla luce della situazione di minaccia attuale e della guerra in corso, l’esercito sia di fronte a un numero crescente di sfide che rendono necessario un aumento della spesa. Per anni essa è stata costantemente ridotta - sottolinea la Commissione - "e questo ha condotto a un ritardo nella modernizzazione dell’esercito e a un equipaggiamento non sufficiente delle formazioni".

La mozione

Con 10 voti contro 2 la CPS-S ha quindi presentato una mozione che chiede un aumento progressivo delle spese per l’esercito a partire dal 2023, in modo da raggiungere almeno l’1% del PIL al più tardi nel 2030, corrispondente a un budget militare di circa 7 miliardi di franchi.

Una minoranza della Commissione ha sottolineato che un eventuale aumento della spesa dell’esercito dovrebbe essere discusso in un quadro più ampio per potere avere una visione di insieme. Per questa ragione ritiene che si debba procedere prima di tutto a un’analisi approfondita dell’attuale situazione di conflitto. In questa maniera, si potranno definire necessità e bisogni delle forze armate che andranno accompagnati con misure.

Il rapporto sulla politica di sicurezza sarà esaminato dal Consiglio degli Stati durante la sessione estiva.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
energia
8 ore
Gas: anche la Svizzera vuole impianti di stoccaggio
La richiesta è dell’Associazione svizzera dell’industria del gas (Asig). Il tema verrà trattato dal Consiglio federale
Svizzera
15 ore
Migros: in arrivo ‘Teo’, il negozio senza personale
Vi si potrà accedere mediante carta di credito oppure un codice QR Cumulus. La casse automatiche accetteranno anche il pagamento con twint
Svizzera
18 ore
Impressum chiede aumenti salariali nei media
Sollecitato l’adeguamento delle retribuzioni in funzione dell’inflazione. ‘Non concederlo equivarrebbe a una riduzione dello stipendio’
Svizzera
18 ore
‘Io, adolescente e con la fedina penale già macchiata’
Fra i reati più commessi dai giovanissimi ci sono il taccheggio e il porto abusivo di armi, lo indica un’indagine internazionale
Svizzera
19 ore
Crescono i pernottamenti in Svizzera. Ma non in Ticino
In controtendenza rispetto a quella nazionale, nel nostro cantone in agosto la flessione è stata del 16%. Ma nel 2021 cifre ‘dopate’
Svizzera
20 ore
Covid, da lunedì quarta dose in tutta la Svizzera
Come a livello cantonale, la vaccinazione è consigliata soprattutto alle persone a rischio sopra i 65 anni e al personale sanitario
Svizzera
20 ore
Addio ai ‘gioielli di famiglia’ per Credit Suisse
L’istituto di credito ha avviato il processo di vendita dell’albergo di lusso Savoy, ultimo grande immobile ancora di proprietà della banca
Svizzera
21 ore
Sedicenne gravemente ustionato da un arco elettrico
Il giovane, che si trovava accanto a un treno merci fermo alla stazione di Rafz, nel canton Zurigo, è stato elitrasportato all’ospedale
Svizzera
23 ore
Successione di Maurer, anche Rickli e Stamm Hurter si defilano
L’ex consigliera nazionale di Winterthur, tra i favoriti per il posto vacante in governo, non sarà della corsa. Così come l’ex vicepresidente dell’Udc
Svizzera
1 gior
Sempre più problemi per l’approvvigionamento di farmaci
Le carenze, come precisa l’Ufsp, erano già preesistenti e non dipendono dalla guerra in Ucraina. Mancano anche centinaia di prodotti salvavita
© Regiopress, All rights reserved