laRegione
04.03.22 - 15:30

La parità progredisce nelle grandi imprese svizzere

A livello di consiglio di amministrazione, entro fine anno nelle 20 società dello Swiss Market Index la quota di donne toccherà il 30%

la-parita-progredisce-nelle-grandi-imprese-svizzere
Depositphotos
Donne sempre più in carriera

Il numero di donne in posizioni dirigenziali nelle principali aziende svizzere è in costante aumento, secondo l’ultimo studio condotto dalla società di reclutamento di quadri Guido Schilling. Le 20 società del principale indice della borsa svizzera, lo Swiss Market Index (Smi), avranno il 19% di manager donne nel 2022, contro il 14% dell’anno scorso e solo il 3% nel 2006, anno in cui Guido Schilling ha lanciato lo studio annuale.

A livello di consiglio di amministrazione, la quota di donne salirà al 30% nel 2022, in linea con le nuove norme sulla parità di genere. Questa percentuale era ancora del 27% nel 2021 e solo dell’11% nel 2010. «Tutte le 20 aziende dell’Smi hanno donne nei loro consigli di amministrazione. Solo quattro aziende non hanno ancora nessuna donna nelle rispettive direzioni, ma una ha già annunciato l’arrivo di una donna», sottolineano gli autori dello studio.

Dal 1° gennaio, le aziende quotate in borsa con più di 250 dipendenti devono raggiungere una quota del 30% di donne nei consigli di amministrazione e del 20% nel management. Queste quote non sono vincolanti: se si discostano da questa regola, le aziende interessate – tra le 200 e le 250 – dovranno spiegare nel rapporto sulle retribuzioni perché non hanno raggiunto l’obiettivo.

Fra i 100 più grandi datori di lavoro svizzeri intervistati, nove hanno una Ceo donna, rispetto a cinque nel 2021 e tre nel 2012, secondo lo studio. Lo stesso vale per le direttrici finanziarie, che ora sono nove contro le sette dell’anno precedente e una nel 2012.

A livello di consiglio di amministrazione, ci sono sei presidenti donne a Logitech, Galenica, Swatch Group, la federazione delle cooperative Migros, le Ffs e Helvetia. «Le aziende dell’Smi stanno già puntando ad aumentare la percentuale di donne nei loro consigli di amministrazione dal 40% al 60%», secondo Guido Schilling.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
4 ore
Il ‘dopo Maurer’ non vedrà scendere in campo Martullo-Blocher
La consigliera nazionale e vicepresidente dell’Udc svizzera ha fatto sapere di non essere interessata a candidarsi per il Consiglio federale
Svizzera
6 ore
Uno Stato maggiore ad hoc gestirà l’eventuale penuria energetica
Verrà attivato non appena il mercato non sarà più in grado di funzionare da solo e saranno necessari divieti e limitazioni d’utilizzo
Svizzera
7 ore
Maurer, 14 anni fra collegialità e fedeltà di partito
Ritratto del consigliere federale Udc al passo d’addio a fine anno. Bene alle Finanze interne, non eccelso sulla scena internazionale
Svizzera
9 ore
Ueli Maurer si dimette dal Consiglio federale
Il capo del Dipartimento delle finanze ed ex presidente Udc lascia il governo dopo 14 anni
Svizzera
10 ore
Il Nazionale vuole una tassa sul ‘Pronto soccorso facile’
La Camera del popolo ha respinto l’archiviazione della proposta di una tassa di 50 franchi per chi si reca al Ps per problemi di salute lievi
Svizzera
11 ore
Pietra tombale sull’autonomia del governo sulle sanzioni
Il Nazionale boccia la revisione della legge sugli embarghi. Insolita saldatura fra l’Udc contraria in toto e la sinistra che voleva una portata più ampia
Svizzera
1 gior
Lukas Reimann ha un malore, interviene Marina Carobbio
Il consigliere nazionale dell’Udc si è sentito male durante il dibattito sulle sanzioni. La ‘senatrice’ e medico ticinese ha prestato i primi soccorsi
Svizzera
1 gior
Si incaglia al Nazionale l’abolizione del valore locativo
Il dossier torna in commissione. La maggioranza della Camera del popolo vuole coinvolgere maggiormente i Cantoni
Svizzera
1 gior
Ue: oggi soltanto il 6,5% dei giovani svizzeri è favorevole
Solo nel 2007 questa fascia di età (18-34 anni) risultava essere la più propensa all’ingresso della Confederazione elvetica
Svizzera
1 gior
I servizi pubblici svizzeri digitali stanno perdendo colpi
In testa alla graduatoria in materia di digitalizzazione si piazza la Danimarca. Per le città, Zurigo davanti a Roma
© Regiopress, All rights reserved