laRegione
03.03.22 - 11:07
Aggiornamento: 19:41

Altri 3,4 miliardi per le ripercussioni della pandemia

Il Consiglio degli Stati si allinea al Nazionale e approva un creduto supplementare. Anche se l’importo potrebbe non essere interamente utilizzato

ATS, a cura de laRegione
altri-3-4-miliardi-per-le-ripercussioni-della-pandemia
Ti-Press
Aiuti supplementari

Anche gli Stati, come il Nazionale, hanno approvato stamane un credito supplementare di 3,4 miliardi di franchi per contrastare le ripercussioni negative della pandemia quale prima aggiunta al preventivo 2022. Il dossier ritorna alla Camera del popolo.

Tale supplemento, incluso nel messaggio del Consiglio federale alle Camere, prevede tre crediti che riguardano rispettivamente l’indennità di perdita di guadagno per il coronavirus (1,7 miliardi), la partecipazione della Confederazione agli aiuti per i cosiddetti casi di rigore (900 milioni) e il contributo federale all’assicurazione contro la disoccupazione per le indennità per lavoro ridotto (800 milioni). Tutti gli aumenti vengono chiesti come fabbisogno finanziario eccezionale.

Il plenum ha approvato la richiesta del governo anche se, fondandosi sulle ultime decisioni governative circa l’odierna situazione pandemica e le conoscenze attuali, tale importo potrebbe non essere interamente utilizzato.

Rispetto al Nazione, i ‘senatori’ hanno deciso di mettere a disposizione 100 milioni supplementari destinati a riservare e ad acquistare medicamenti contro il Covid-19 per le persone immunodepresse. Qualora anche la Camera del popolo accetti la proposta, i fondi potranno essere sbloccati soltanto se sussistono le basi legali pertinenti, indicano ancora i servizi del Parlamento.

Sempre nel corso della discussione, i ‘senatori’ hanno anche accettato l’idea di innalzare di 5,7 milioni il contributo destinato a lottare contro i danni causati dal lupo. Infine, come il Nazionale, anche gli Stati hanno approvato un’ulteriore aggiunta di 11 milioni al credito iniziale accordato per ultimare la costruzione di un edificio al Politecnico federale di Zurigo.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
7 ore
Ottanta soccorritori svizzeri partiti verso Turchia e Siria
In serata sono decollati da Zurigo anche otto cani da ricerca e 18 tonnellate di materiale con destinazione le aree disastrate dal potentissimo sisma
Svizzera
13 ore
L’uomo è ancora visto come responsabile del reddito familiare
Secondo un sondaggio, uomini e donne concordano sul fatto che un padre dovrebbe lavorare a una percentuale maggiore rispetto a una madre
Svizzera
14 ore
In Svizzera un sisma come quello in Turchia sarebbe catastrofico
Le norme antisismiche elvetiche sono basate su terremoti di magnitudo massima inferiore alle scosse in Turchia: ma la probabilità è estremamente bassa
Svizzera
16 ore
Jelmoli si ristruttura, centinaia di dipendenti interessati
Nessun operatore interessato a gestire la struttura, e Swiss Prime Site, l’attuale proprietario, ne annuncia una profonda ristrutturazione
Svizzera
16 ore
Terremoto in Turchia, echi anche nel nostro Paese
Le prime onde sismiche sono state registrate anche dalla stazione di misurazione di Zurigo, circa 6 minuti dopo la scossa principale
Svizzera
17 ore
Berna accoglie l’appello lanciato dalle autorità turche
La Catena svizzera di salvataggio (composta da un’ottantina di persone) è pronta a partire alla volta delle zone colpite dal violento terremoto
Svizzera
18 ore
La migrazione degli anfibi minacciata dal cambiamento climatico
Non bastava il pericolo di essere investiti durante gli spostamenti verso il luogo di deposizione: il riscaldamento globale ne sconvolge la riproduzione
Svizzera
19 ore
Sostegno e aiuti dalla Svizzera alle vittime del terremoto
Mano tesa del nostro Paese verso Turchia e Siria. Lo indica il presidente della Confederazione Alain Berset con un ‘cinguettio’
Svizzera
19 ore
Dopo il passaporto, è la carta d’identità a rifarsi il look
Il nuovo documento sarà disponibile a partire dal 3 marzo. Quelli emessi prima avranno comunque validità fino alla loro scadenza
Svizzera
1 gior
‘La penuria di farmaci è un problema internazionale’
Secondo Yvonne Gilli, presidente della Federazione dei medici svizzeri, urge una ‘soluzione globale ai massimi livelli’
© Regiopress, All rights reserved