laRegione
29.11.22 - 09:44
Aggiornamento: 15:21

A Berna inizia il dibattito sul preventivo 2023

Pandemia e salvataggio del settore energetico pesano sul budget della Confederazione, previsto in deficit per 4,8 miliardi di franchi

Ats, a cura di Red.Web
a-berna-inizia-il-dibattito-sul-preventivo-2023
Keystone

È iniziato stamane al Consiglio nazionale il lungo dibattito concernente il preventivo 2023 della Confederazione, tema che – come da tradizione – sarà al centro della sessione invernale delle Camere federali. La Camera del popolo se ne occuperà fino a giovedì, mentre il Consiglio degli Stati si pronuncerà sul budget della Confederazione lunedì.

La pandemia e il piano di salvataggio per il settore dell’energia elettrica pesano sulle finanze federali, tanto che il governo stima un deficit pari a 4,8 miliardi di franchi per il prossimo anno. Il budget presentato dal Consiglio federale prevede infatti entrate per 81,3 miliardi e uscite per 86,2 miliardi.

La misura più consistente ammonta a 4 miliardi e riguarda il piano di salvataggio per il settore elettrico. In tal modo Axpo Holding SA, se necessario, potrà ricorrere a un prestito federale anche nel 2023, sempre nel rispetto delle scadenze definite. Questo importo viene iscritto nel bilancio straordinario. Altra uscita non indifferente: i 2,1 miliardi di franchi imputabili alla guerra in Ucraina.

Il Consiglio federale ha pure previsto spese per 325 milioni per sostenere i ricercatori che intendono partecipare a progetti nell’ambito del programma Orizzonte Europa. Questo importo consentirà di finanziare le misure transitorie fino all’associazione completa della Svizzera al programma di ricerca. Le due Commissioni delle finanze delle Camere hanno deciso di destinare 35 milioni previsti inizialmente per tale programma a Innosuisse.

Covid nel budget ordinario

A differenza degli anni precedenti, le spese legate al Covid-19 sono inserite nel bilancio ordinario. Il preventivo 2023 prevede 180 milioni per i test, ovvero 1,4 miliardi in meno rispetto al 2022, e 230 milioni per i vaccini (-320 mio rispetto al 2020). Inoltre, non viene rinnovato il sostegno alla cultura e allo sport duramente toccati dalla pandemia negli anni scorsi. La Confederazione risparmierà così 230 milioni di franchi. Contrariamente all’omologa del Nazionale, la Commissione delle finanze degli Stati ritiene che il numero delle dosi di vaccino sia troppo elevato. Vuole quindi ridurre tale spesa di 82 milioni di franchi.

Altri provvedimenti – pure nel bilancio ordinario – concernono l’aumento delle pigioni massime e dell’importo forfettario per le spese di riscaldamento e accessorie nell’ambito delle prestazioni complementari all’AVS e all’AI (32 milioni di franchi), nonché le spese supplementari in seguito all’incremento delle domande d’asilo (15 mio).

La soppressione di un contributo all’Ue nel settore della migrazione (-63 mio) e la riforma dell’imposta preventiva respinta in votazione popolare (maggiori entrate di 40 mio) comportano invece un miglioramento del preventivo.

Spese supplementari

Nonostante il futuro cupo per le finanze federali, le Commissioni delle finanze delle due Camere propongono infine di aumentare di 11,2 milioni di franchi le uscite per il 2023. Questo importo supplementare è in gran parte destinato alla promozione dello smercio del vino svizzero (+6,2 mio), alla protezione delle greggi (+4 mio) e al Campionato del mondo di staffetta in programma a Losanna nel 2024 (650’000 franchi).

Durante le discussioni il plenum dovrà pure pronunciarsi su diverse proposte di riduzione del budget (quali le spese per l’armamento, il personale federale o l’energia), tutte bocciate in sede commissionale.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
2 ore
‘La penuria di farmaci è un problema internazionale’
Secondo Yvonne Gilli, presidente della Federazione dei medici svizzeri, urge una ‘soluzione globale ai massimi livelli’
Svizzera
2 ore
Maggioranza favorevole a riesportazione armi in Ucraina
Secondo un sondaggio il 55% della popolazione ritiene che Paesi terzi dovrebbero essere in grado di fornire all’Ucraina armi di produzione elvetica
Svizzera
3 ore
Tamedia fa ammenda su accuse di mobbing e sessismo
Un’ex redattrice del settimanale ‘Das Magazin’ accusa l’ex responsabile della pubblicazione rimproverando al gruppo un atteggiamento attendista
Svizzera
7 ore
Il Vallese sui casinò si ritiene svantaggiato rispetto al Ticino
Il Consiglio federale intende accordare la concessione per una sola casa da gioco: protesta il consigliere di Stato Darbellay
Svizzera
8 ore
Raccolte le firme per l’iniziativa sul mantenimento del contante
Già certificate oltre 111‘000 firme a favore del ‘Sì a una valuta svizzera libera e indipendente sotto forma di monete o banconote’
Svizzera
1 gior
Due morti a Disentis per una valanga
La slavina ha travolto un gruppo di tre sciatori fuori pista, una sola delle quali è rimasta illesa
Svizzera
1 gior
La meteo fa i capricci: in Ticino quasi 20°C, neve in montagna
Il favonio da nord ha alzato eccezionalmente la colonnina di mercurio nel sud della Svizzera: 19,5°C a Locarno. Rischio valanghe nei Grigi
Svizzera
1 gior
La Brévine festeggia il freddo, pronta una brioche da record
Nella ‘Siberia della Svizzera’ inizia il festival locale: fornai pronti a sfornare una brioche da 4,18 metri, in onore dei -41,8°C toccati nel 1987
Svizzera
1 gior
Il parto anonimo è sempre più possibile in Svizzera
Sempre più ospedali danno alle donne la possibilità di partorire in modo confidenziale, come alternativa alle “baby finestre”
Svizzera
1 gior
Secondo il Ceo, i prezzi dei prodotti Nestlé saliranno ancora
Secondo Mark Schneider, però, la multinazionale non è responsabile del rincaro essendo essa stessa vittima dell’aumento dei prezzi
© Regiopress, All rights reserved