laRegione
11.08.21 - 14:27

Deficit record di 17,4 miliardi per la Confederazione

Il Consiglio Federale annuncia la prima proiezione per l'anno in scorso; pesano le uscite straordinarie in gran parte legate alla pandemia

Ats, a cura de laRegione
deficit-record-di-17-4-miliardi-per-la-confederazione
(Ti-Press)

La crisi legata al coronavirus sta ancora una volta mettendo a dura prova il bilancio federale. Un deficit di 17,4 miliardi di franchi si profila per l'anno 2021, ha annunciato oggi il Consiglio federale.

Secondo la prima proiezione per l'anno in corso, le uscite straordinarie per arginare la pandemia ammonteranno a 16,4 miliardi e si prevede un deficit di finanziamento record di 17,4 miliardi. In base alle stime, nel bilancio ordinario il deficit sarà di 2,4 miliardi a fronte dei 2 miliardi preventivati. Il Consiglio federale precisa che anche per quest'anno la proiezione è estremamente incerta perché l'andamento della pandemia e l'ammontare effettivo delle uscite straordinarie sono difficilmente stimabili.

Le entrate ordinarie dovrebbero essere di 1,3 miliardi inferiori a quanto preventivato (-1,7%), in particolare per i minori introiti dell'imposta preventiva (-1,9 miliardi). Per l'imposta federale diretta si prevede invece un aumento del gettito di circa 1,4 miliardi (+5,6%) visto che "i grandi contribuenti dell'imposta sull'utile sono meno colpiti dalla crisi rispetto a quanto temuto", afferma un comunicato. Anche le uscite ordinarie saranno inferiori al previsto di circa 0,9 miliardi (-1,2%).

Le entrate straordinarie di 1,4 miliardi sono dovute quasi esclusivamente alle distribuzioni supplementari della Banca nazionale svizzera (1,3 miliardi), contabilizzate in modo straordinario a seguito di una decisione del Consiglio federale.

Per quanto riguarda le uscite straordinarie, per quest'anno il parlamento ha stanziato 21 miliardi di franchi per contenere le ripercussioni della pandemia. In alcuni settori le uscite effettive saranno probabilmente inferiori al previsto e quindi l'aggravio reale ammonterà a 16,4 miliardi, in base alle informazioni attuali.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
4 ore
Il ‘dopo Maurer’ non vedrà scendere in campo Martullo-Blocher
La consigliera nazionale e vicepresidente dell’Udc svizzera ha fatto sapere di non essere interessata a candidarsi per il Consiglio federale
Svizzera
5 ore
Uno Stato maggiore ad hoc gestirà l’eventuale penuria energetica
Verrà attivato non appena il mercato non sarà più in grado di funzionare da solo e saranno necessari divieti e limitazioni d’utilizzo
Svizzera
7 ore
Maurer, 14 anni fra collegialità e fedeltà di partito
Ritratto del consigliere federale Udc al passo d’addio a fine anno. Bene alle Finanze interne, non eccelso sulla scena internazionale
Svizzera
8 ore
Ueli Maurer si dimette dal Consiglio federale
Il capo del Dipartimento delle finanze ed ex presidente Udc lascia il governo dopo 14 anni
Svizzera
9 ore
Il Nazionale vuole una tassa sul ‘Pronto soccorso facile’
La Camera del popolo ha respinto l’archiviazione della proposta di una tassa di 50 franchi per chi si reca al Ps per problemi di salute lievi
Svizzera
11 ore
Pietra tombale sull’autonomia del governo sulle sanzioni
Il Nazionale boccia la revisione della legge sugli embarghi. Insolita saldatura fra l’Udc contraria in toto e la sinistra che voleva una portata più ampia
Svizzera
1 gior
Lukas Reimann ha un malore, interviene Marina Carobbio
Il consigliere nazionale dell’Udc si è sentito male durante il dibattito sulle sanzioni. La ‘senatrice’ e medico ticinese ha prestato i primi soccorsi
Svizzera
1 gior
Si incaglia al Nazionale l’abolizione del valore locativo
Il dossier torna in commissione. La maggioranza della Camera del popolo vuole coinvolgere maggiormente i Cantoni
Svizzera
1 gior
Ue: oggi soltanto il 6,5% dei giovani svizzeri è favorevole
Solo nel 2007 questa fascia di età (18-34 anni) risultava essere la più propensa all’ingresso della Confederazione elvetica
Svizzera
1 gior
I servizi pubblici svizzeri digitali stanno perdendo colpi
In testa alla graduatoria in materia di digitalizzazione si piazza la Danimarca. Per le città, Zurigo davanti a Roma
© Regiopress, All rights reserved