laRegione
01.02.22 - 21:45

I direttori cantonali della sanità: ‘Il Covid pass deve restare’

Secondo il segretario generale bisogna limitare le nuove infezioni da coronavirus

Ats, a cura de laRegione
i-direttori-cantonali-della-sanita-il-covid-pass-deve-restare
Il Covid Pass (Keystone)

Il Segretariato generale della Conferenza svizzera dei direttori cantonali della sanità (Cds) ha delle riserve su una rapida abolizione dell’obbligo del certificato Covid. Innanzitutto, il numero di nuove infezioni da coronavirus deve diminuire in modo sostenibile.

Anche per quanto riguarda i ricoveri e il tasso di positività ai test si deve attendere prima un calo, ha detto il segretario generale della Cds al Tagesschau, il telegiornale della televisione svizzero tedesca Srf.

La settimana scorsa, un’alleanza costituita da esponenti dei partiti borghesi, come anche Unione svizzera delle arti e mestieri (Usam), Federazione dell’albergheria e della ristorazione svizzera GastroSuisse, l’associazione che riunisce i centri fitness e l’associazione nazionale di settore che rappresenta le preoccupazioni dell’industria delle comunicazioni in diretta avevano chiesto la revoca immediata di tutte le misure adottate per contrastare il coronavirus. L’Udc, in un comunicato, ha ribadito la richiesta di porre fine all’obbligo del certificato Covid.

Il pass Covid è stato anche un tema trattato nel corso della conferenza stampa odierna degli esperti di coronavirus della Confederazione. Patrick Mathys dell’Ufficio federale della sanità pubblica (Ufsp) ha dato una risposta dettagliata alla domanda sulla ragion d’essere del certificato Covid: secondo il capo della sezione Gestione delle crisi e collaborazione internazionale dell’Ufsp il certificato ha ancora senso quando si tratta di prevenire le infezioni gravi, ma non più quando si tratta di contenere il numero di casi.

Il Consiglio federale deciderà probabilmente domani su come proseguire nell’ambito della politica del coronavirus. Molti osservatori si aspettano che metta in consultazione l’abolizione dell’obbligo del certificato Covid.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
4 min
Verso il condono edilizio dopo 30 anni per i rustici fuori zona
La mozione approvata da entrambe le Camere riguarda, per il Ticino, circa 2’000 costruzioni illegali secondo i numeri forniti dal ‘senatore’ Marco Chiesa
Svizzera
5 min
Imposta minima Ocse, 75% del gettito va ai Cantoni
Alla Confederazione il restante 25%. Lo ha deciso oggi il Nazionale allineandosi così agli Stati.
Svizzera
6 ore
‘Una dinamica che si esaurisce? Io non sono ancora stanca!’
Governo a maggioranza latina, Giura, agricoltura, socialità: a colloquio con la ‘senatrice’ Elisabeth Baume-Schneider, candidata al Consiglio federale
cyberpornografia
14 ore
Pedofilia: maxiretata nel Canton Vaud con 96 persone fermate
Centoventi casi analizzati. Due persone in carcere, tra coloro che hanno scaricato i file il 15% sono minorenni
Svizzera
15 ore
‘Solo Sì vuol dire sì’, al Nazionale passa la modifica di legge
Approvato l’inserimento nel Codice penale del principio che qualifica come aggressione sessuale il rapporto senza il consenso esplicito
Svizzera
16 ore
Preventivo 2023, gli Stati più generosi con l’Ucraina
Aumentati i mezzi per la ricostruzione. Più soldi anche per proteggere le greggi dai lupi e per la ricerca scientifica, meno per test Covid e vaccini
Svizzera
17 ore
Credit Suisse: Bin Salman valuta un investimento da 500 milioni
La banca elvetica corre alla Borsa di Zurigo sulle ipotesi che il principe ereditario dell’Arabia Saudita possa prendere parte al progetto di rilancio
Svizzera
20 ore
‘Non ubbidisco ciecamente alla dottrina del partito’
Hans-Ueli Vogt è il candidato outsider alla poltrona di Ueli Maurer. Dice di avere ‘molteplici sfaccettature’ e di aderire appieno ai valori dell’Udc.
Svizzera
21 ore
Sedici scodinzolanti neonati per la Fondazione Barry
Doppio lieto evento a fine novembre a Martigny. E a gennaio è prevista un’altra cucciolata di cani San Bernardo
Svizzera
1 gior
Vasta operazione contro la ciberpedocriminalità
Quasi un centinaio le persone fermate dalla Polizia cantonale vodese. Due quelle poste in detenzione preventiva
© Regiopress, All rights reserved