laRegione
sulle-mascherine-la-svizzera-non-ha-raggiunto-l-indipendenza
Ti-Press
11.01.22 - 11:41
Aggiornamento : 15:09

Sulle mascherine la Svizzera non ha raggiunto l’indipendenza

A due anni dallo scoppio della pandemia, la maggior parte arriva ancora dall’estero. Determinante il minor costo rispetto alla produzione locale

Ats, a cura de laRegione

La Svizzera voleva essere indipendente in materia di produzione di mascherine protettive, ma a due anni dallo scoppio della crisi del coronavirus la stragrande maggioranza di quelle vendute nei negozi continua a provenire dall’estero. Lo rivela un articolo della Neue Zürcher Zeitung (Nzz), che al tema dedica oggi una lunga inchiesta.

All’inizio della pandemia era subito emerso chiaramente quanto il paese dipendesse dalle importazioni di mascherine: vi furono restrizioni da parte dell’Ue e i prezzi delle mascherine cinesi salirono alle stelle. Erano i tempi in cui l’Ufficio federale della sanità pubblica (Ufsp) sosteneva peraltro che le mascherine non fornivano una protezione efficace alla popolazione.

Vista la situazione non mancarono quindi gli appelli per un impianto nazionale di produzione. Già nel marzo 2020 la consigliera di stato zurighese Natalie Rickli aveva annunciato che il suo cantone e il governo federale avevano acquistato due macchine per la fabbricazione di mascherine. Gli impianti sono stati affidati all’azienda Flawa di Flawil (Sg), che nel giugno dello stesso anno ha cominciato la produzione.

Ormai quasi nel terzo anno della pandemia, tuttavia, è chiaro che ancora oggi la grandissima maggioranza delle maschere protettive proviene dalla Cina e il futuro della produzione svizzera è incerto, afferma la Nzz. Oggi Flawa produce 75’000 FFP2 al giorno: la domanda è cresciuta per via di Omicron, ma la progressione attuale non può nascondere il fatto che la produzione è redditizia solo in misura limitata. L’anno scorso le macchine dell’impresa sangallese sono state utilizzate in media solo al 25-30% della capacità. “Avremmo potuto produrre molto di più, ma la domanda non c’era”, afferma il Ceo Claude Rieser in dichiarazioni riportate dal quotidiano zurighese.

Stando alla Nzz questo non sorprende, perché le differenze di prezzo sono enormi. Nel negozio online di Flawa una FFP2 costa 1,40 franchi, presso Coop è acquistabile a 80 centesimi. Il prezzo medio di importazione di una corrispondente mascherina era di più di 60 centesimi nel 2020, mentre nel 2021 si è quasi dimezzato, pur rimanendo superiore a quello di quasi 20 centesimi del 2019.

Questo spiega perché i grandi distributori si approvvigionano all’estero. Lidl e Aldi esclusivamente in Cina, Coop per la gran parte, Migros pure quasi interamente: solo le protezioni per i bambini sono di fabbricazione elvetica. Unicamente il ramo sanitario rimane un fedele cliente della produzione svizzera.

Secondo gli operatori del settore quindi servirebbe una garanzia da parte dello Stato, con acquisti obbligatori da parte di Confederazione e cantoni. All’orizzonte non si vede però nulla del genere. I produttori cercano quindi di specializzarsi in articoli di nicchia, per esempio in mascherine trasparenti che permettano a chi ha problemi di udito di leggere i movimenti delle labbra.

La Svizzera non ha quindi superato il suo problema di dipendenza dall’estero. Ma considerati i prezzi in calo e l’aumento della domanda in un anno, il 2021, caratterizzato da interruzioni senza precedenti delle catene di approvvigionamento “non è nemmeno necessario”, conclude la Nzz.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
flawa mascherine svizzera
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
19 min
Losanna, una petizione per revocare il dottorato a Mussolini
Più che a chiedere di cancellare la decisione dell’ateneo, i firmatari vogliono che essa venga riconsiderata
Svizzera
1 ora
Cinquantenne rinvenuto morto nel suo appartamento
Scomparso dal Canton Basilea il 16 maggio, l’uomo è stato trovato privo di vita, intossicato, nel Canton Grigioni
Svizzera
2 ore
Tanta Ucraina nella prima giornata del Forum di Davos
A inaugurarlo è stato il presidente della Confederazione Ignazio Cassis, che a margine si è incontrato anche con lo statunitense John Kerry
Svizzera
2 ore
Imminente la visita di Maros Sefcovic in Svizzera
Il commissario europeo per le relazioni con la Confederazione potrebbe arrivare a giugno. Per discutere delle relazioni Berna-Bruxelles
Svizzera
2 ore
Covid, ecco la quarta dose di vaccino per persone a rischio
Secondo richiamo raccomandato per le persone con un sistema immunitario fortemente indebolito, ma solo dopo la valutazione di uno specialista
Svizzera
3 ore
Gli svizzeri tornano a viaggiare all’estero, anche più di prima
Il dato emerge dalla rilevazione delle spese senza contanti fatte al di fuori della Confederazione. Il flusso è maggiore anche del periodo pre-pandemia
Svizzera
4 ore
La pandemia ha acuito le diseguaglianze di genere
Le misure per contrastare il Covid-19, adottate in un contesto di squilibri già esistenti, hanno amplificato il problema. Lo indica uno studio
Svizzera
4 ore
Tocca la linea elettrica con la canna: pescatore folgorato
Tragica fatalità per un 55enne impegnato con amo e lenza in compagnia del figlio sul torrente della Val Pednal
Svizzera
7 ore
Ai nastri di partenza la stagione delle fragole in Svizzera
Nelle prossime tre settimane ne saranno raccolte in Svizzera oltre 1’000 tonnellate, sufficienti per approvvigionare completamente il mercato
Svizzera
8 ore
Autorizzato l’abbattimento di una lince nell’Oberland bernese
Il felino, identificato dalle trappole fotografiche e dal tipo di ferite, in 12 mesi ha ucciso 15 animali da reddito nonostante le misure di protezione
© Regiopress, All rights reserved