laRegione
grigioni-il-fatturato-degli-impianti-di-risalita-sorride
Archivio Ti-Press
02.01.22 - 18:07
Ats, a cura de laRegione

Grigioni, il fatturato degli impianti di risalita ‘sorride’

Stando al monitoraggio effettuato dall’associazione Bergbahnen Graubünden, si è registrato un aumento del 28,6% rispetto allo scorso anno

GR: fatturato degli impianti di risalita quasi al livello del 2019


COIRA (Ats) – Il fatturato degli impianti di risalita grigionesi dall’inizio della stagione al 31 dicembre è quasi tornato al livello del 2019, dopo il calo del 22,8% registrato l’anno scorso. Per l’associazione Bergbahnen Graubünden (BBGR) questo dimostra che la strategia di aperture controllate funziona.

Nonostante il Covid e le condizioni climatiche non sempre ideali, soprattutto gli ospiti svizzeri sono rimasti fedeli ai Grigioni, afferma un comunicato odierno. Stando al monitoraggio effettuato dall’associazione, si è registrato un aumento del 28,6% rispetto allo scorso anno (+23,2% rispetto alla media su cinque anni) di ospiti che praticano sport sulla neve. Il fatturato degli impianti è aumentato del 27,8% (media di 5 anni 18,3%).

Anche le vendite nel settore della gastronomia hanno registrato uno sviluppo positivo. Lo scorso anno i ristoranti sulle piste erano chiusi e gli ospiti si sono dovuti accontentare di soluzioni da asporto, non sempre gradevoli quando fa molto freddo, sottolinea la nota.

L’incremento è stato registrato soprattutto nel periodo prenatalizio grazie alle eccellenti condizioni della neve, all’anticipo delle vacanze scolastiche in alcuni cantoni e alla possibilità di telelavoro nelle abitazioni di vacanza. La stagione festiva vera e propria invece è stata nella media.

Secondo Martin Hug, presidente di Bergbahnen Graubünden, l’aumento degli ospiti dimostra quanto sia importante fare movimento all’aperto, soprattutto durante la pandemia, e i concetti di protezione hanno permesso loro di praticare sport sulla neve in maniera ordinata e controllata. Gli sport invernali si svolgono all’aperto, dove i rischi di contagio sono inferiori.

Per il settore è importante che le autorità pubbliche, in caso di adozione di nuove misure, tengano conto non solo del numero di nuovi casi, ma si basino soprattutto sull’occupazione dei reparti di terapia intensiva. “Gli impianti di risalita grigionesi sono il motore del turismo invernale e sono naturalmente pronti a reagire in modo flessibile alla situazione epidemiologica e a dare il loro contributo per superare la crisi”, conclude Martin Hug.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
bergbahnen graubünden fatturato grigioni impianti risalita
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
diplomazia
2 ore
Sette princìpi e una promessa: Ucraina in pace e democratica
La Dichiarazione di Lugano convince i partecipanti e Kiev, ma il premier ucraino esagera e chiede per il suo Paese i soldi congelati degli oligarchi
Svizzera
3 ore
‘L’addio ai Tiger è prematuro’
È il parere della Commissione della politica di sicurezza del Nazionale. Per esprimersi definitivamente, invece, sugli F-35A attende ancora due rapporti
Svizzera
4 ore
Abitazioni di proprietà, prezzi salgono nonostante aumento tassi
La causa è l’offerta estremamente limitata. Aumenti soprattutto nei comuni rurali e nei centri
Svizzera
6 ore
Un dipendente su tre non vuole più andare in ufficio
Il sondaggio del portale finews.ch riguarda gli impiegati del settore finanziario
gallery
Svizzera
7 ore
A Zurigo una nuvola artificiale contro la canicola
Un grande anello in alluminio diffonde goccioline talmente piccole da non bagnare i passanti, ma che permettono di far calare la temperatura di vari gradi
Svizzera
7 ore
Salgono i casi di coronavirus, 46’025 nell’ultima settimana
Nell’arco di sette giorni il numero di nuove infezioni è salito del 39%, quello delle ospedalizzazioni del 51,7%
Svizzera
8 ore
Nuovamente percorribile la strada del Susten
Riaperto il valico tra i cantoni Uri e Berna, dopo che ieri una frana ne aveva provocato la momentanea chiusura
Svizzera
9 ore
Secondo richiamo raccomandabile, ma non prima dell’autunno
Covid, secondo booster per ora consigliato solo agli ultraottantenni e immunocompromessi. Passata l’estate, lo sarà per le persone ‘a rischio’
Svizzera
11 ore
Ha un nome il corpo ritrovato nell’Aare, a Rubigen
Formalmente identificata la salma rinvenuta il 29 giugno: si tratta di un 76enne bernese dato per disperso dopo che si era tuffato più a monte
Svizzera
11 ore
Donna salvata dalla Rega nelle gole dell’Areuse
La giovane era scivolata finendo in acqua in un luogo molto incassato. Soccorsa con l’ausilio del verricello
© Regiopress, All rights reserved