laRegione
04.01.22 - 19:48
Aggiornamento: 22:46

La stagione sciistica finora è migliore della precedente

Al 31 dicembre gli impianti di risalita hanno registrato un aumento di presenze del 30% rispetto allo stesso periodo della stagione 2020-21

Ats, a cura de laRegione
la-stagione-sciistica-finora-e-migliore-della-precedente
Ti-Press
In aumento anche il fatturato (+19%)

L’inizio della stagione invernale 2021/22 per gli impianti di risalita elvetici è sensibilmente migliore di quello di dodici mesi prima, e ciò malgrado un contesto epidemiologico analogo. L’associazione di categoria fino al 31 dicembre ha registrato un aumento delle prime presenze di oltre il 30%. Il dato è buono anche nel raffronto per un intero quinquennio.

Cresce anche il fatturato

Rispetto alla media su cinque anni, le funivie e seggiovie svizzere hanno registrato un aumento del 31% delle prime presenze e una progressione del 19% del fatturato, indica un comunicato diramato questa sera. Dal paragone con lo stesso periodo della scorsa stagione, la prima confrontata con le restrizioni per il Covid-19, si evince che la crescita è ancora maggiore: le prime presenze sono cresciute del 33% e le vendite del 31%.

Grazie al freddo, molti hanno aperto prima

L’associazione attribuisce questo sviluppo positivo alle esperienze acquisite nella scorsa stagione. Le stazioni sciistiche hanno dimostrato che lo svago sicuro in inverno è possibile nonostante il coronavirus. Molte destinazioni turistiche in questa stagione sono state in grado di iniziare le attività molto prima grazie alle basse temperature e alle buone condizioni di innevamento. Un anno fa, invece, le piste in varie regioni del Paese hanno dovuto rimanere chiuse a dicembre per le esigenze sanitarie.

Nonostante il buon inizio dell’inverno, l’associazione degli impianti a fune è cauta: “La situazione epidemiologica rimane tesa”. La priorità assoluta, indica nella nota, è la garanzia di sicurezza per i clienti. A metà dicembre 2021, gli impianti di risalita hanno deciso misure su base volontaria, come le restrizioni di capacità per le funivie con cabine di grande capienza.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
10 ore
Sempre più problemi per l’approvvigionamento di farmaci
Le carenze, come precisa l’Ufsp, erano già preesistenti e non dipendono dalla guerra in Ucraina. Mancano anche centinaia di prodotti salvavita
Svizzera
11 ore
Fino a oltre un’ora di coda alle biglietterie Ffs
K-Tipp traccia una mappa della Svizzera in base ai tempi di attesa agli sportelli delle principali stazioni. A Zurigo fino 71 minuti di fila
Svizzera
11 ore
‘Finora tante promesse, ma troppi pochi soldi’
Il Fondo di risarcimento per le vittime dell’amianto sta ancora attendendo i 30 milioni preannunciati da imprese e organizzazioni economiche
Svizzera
11 ore
Abbattuta una giovane lupa in Val Lumnezia
L’esemplare faceva parte del branco di Wannaspitz. L’autorizzazione a cacciarla era stata emessa a inizio settembre
Svizzera
13 ore
Non ci sarà recessione, ma una crescita del Pil più lenta
Lo indicano le previsioni del Kof, che rivede al ribasso la progressione del Prodotto interno lordo
Svizzera
14 ore
La Città di Zurigo ‘congela’ la cannabis legale
Decisione inevitabile in attesa dell’approvazione definitiva del progetto da parte di Berna. Il tutto slitta alla prima metà del 2023
Svizzera
14 ore
La distribuzione di eroina in forma agevolata proseguirà
Le persone stabili dal punto di vista sociosanitario potranno continuare a portare le dosi in compresse a casa anziché recarsi giornalmente nei centri
Svizzera
15 ore
Grigioni, passo avanti per il centro Sup
La commissione preparatoria del Gran Consiglio retico avalla il progetto per la costruzione della nuova Scuola universitaria professionale
Svizzera
15 ore
I funzionari pubblici ginevrini incrociano le braccia
Dal malcontento per il budget 2023 allo sciopero: mercoledì prossimo una giornata di astensione dal lavoro. Baud: ‘È la prima tappa’
Svizzera
15 ore
‘Pronti a ritirare l’Iniziativa per i ghiacciai’
Soddisfatto dal controprogetto, a determinate condizioni il comitato promotore potrebbe fare retromarcia
© Regiopress, All rights reserved