laRegione
08.12.21 - 11:14
Aggiornamento: 17:16

Legge Covid, sì ai tamponi gratuiti ma non per tutti

Le autorità non si prenderanno a carico i test Pcr per le persone asintomatiche che desiderano viaggiare all’estero oppure andare in discoteca

Ats, a cura de laRegione
legge-covid-si-ai-tamponi-gratuiti-ma-non-per-tutti
Ti-Press

Test Covid gratuiti, ma con eccezioni. Lo ha stabilito stamane il Consiglio nazionale adeguandosi agli Stati su questo punto della Legge Covid-19. Tale cambiamento costerà alla Confederazione circa 41 milioni di franchi alla settimana invece dei 61 milioni stimati qualora la gratuità fosse stata estesa a tutti i test.

Eliminata questa divergenza importante sulla Legge Covid-19, i deputati hanno mantenuto ancora due differenze con la Camera dei cantoni riguardanti i contratti con le case farmaceutiche per procurarsi vaccini e farmaci anticoronavirus, e il ruolo della Confederazione nella pianificazione ospedaliera.

Per quanto attiene ai test, la decisione odierna del Nazionale dovrebbe evitare che le autorità si prendano a carico test Pcr per le persone asintomatiche che desiderano viaggiare all’estero oppure andare a divertirsi in discoteca.

Circa i contratti, il Nazionale ha sconfessato la propria commissione preparatoria, che chiedeva di adeguarsi agli Stati su questo punto, optando per una proposta di minoranza di Flavia Wasserfallen (PS/BE) che chiede la pubblicazione dei contratti nel rispetto del segreto professionale, di affari e di fabbricazione (una formulazione annacquata rispetto alla prima versione di questo articolo votata dal Nazionale, ndr).

A nulla è valso l’appello del consigliere federale Alain Berset, e dei due relatori della commissione preparatoria, di rinunciare a una simile pubblicità, proprio mentre la Confederazione sta negoziando con i fabbricanti nuove forniture. Il Consiglio federale teme che una simile condizione iscritta nella legge possa spaventare i produttori. Il ministro della sanità ha rammentato, inoltre, che il Parlamento, per il tramite delle sue commissioni di controllo (leggi: Commissione della gestione), ha già la possibilità di esaminare i contratti. Insomma, la trasparenza in questo campo è data.

Un ultimo aspetto controverso della legge riguarda il ruolo della Confederazione nella pandemia. Per 136 voti a 57 il plenum ha ribadito di volere che Berna sostenga il rafforzamento dei servizi sanitari, ossia delle cure intense, nei momenti di forte incremento dei ricoveri.

Si tratta, secondo la maggioranza del plenum, di incitare la Confederazione ad assumere un ruolo più attivo, specie nei confronti di quei Cantoni che nicchiano, ossia si dimostrano restii a potenziare i rispettivi sistemi sanitari. Si tratta anche di fare un gesto nei confronti del personale, messo a dura prova dalla pandemia e sottoposto a turni massacranti.

Nel suo intervento, Alain Berset ha ricordato che la Confederazione è già intervenuta più volte presso i Cantoni per incoraggiarli a fare di più, ma quanto chiede il Parlamento al Consiglio federale va oltre le sue competenze, poiché gli si chiede di definire, assieme ai Cantoni, le capacità necessarie nei nosocomi. Stando al ministro della sanità, si tratta di una pesante ingerenza nelle competenze dei Cantoni per la quale la Confederazione non dispone né di dati né di mezzi per intervenire.

Si rischia insomma il caos, secondo il consigliere federale socialista, il quale ha tuttavia affermato che nulla toglie, una volta superata la crisi, che la Confederazione e i Cantoni si siedano attorno a un tavolo per ragionare su quanto successo e, magari, elaborare delle soluzioni per il futuro.

Nonostante l’appello del ministro della sanità, che ha chiesto al plenum di seguire su questo punto della legge la posizione dei “senatori”, il plenum ha deciso altrimenti confermando la sua posizione iniziale.

Il dossier ritorna quindi alla Camera dei cantoni che dovrà trovare una soluzione di compromesso su questi due aspetti della legge. I due rami del Parlamento sono già d’accordo nel prolungare gli aiuti – sotto forma di lavoro ridotto e indennità per perdita di guadagno – a quei settori colpiti dalla crisi fino al 31 dicembre 2022. Il Parlamento ha anche deciso, contrariamente al Consiglio federale, che la Confederazione dovrà inoltre intervenire per aiutare i Cantoni alle prese con i casi di rigore.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
10 ore
Più soldi nel portamonete dei pensionati in Svizzera
Il Parlamento chiede un adeguamento integrale delle rendite Avs all’inflazione. Niente da fare per l’aumento dei sussidi di cassa malati.
Svizzera
10 ore
Offensiva solare, obbligo pannelli solo per edifici grandi
La Camera del popolo ha deciso di limitare tale vincolo alle strutture che occupano una superficie al suolo superiore a 300 metri quadrati
Ecuador
12 ore
Affonda barca alle Galapagos, svizzeri a bordo: vi sono morti
Secondo le autorità, quattro persone sono decedute e altre quattro risultano disperse: nessuna indicazione per ora sulla sorte dei cittadini elvetici
Svizzera
13 ore
Piano salvataggio aziende elettriche, eliminate divergenze
Il Consiglio federale ha redatto un progetto di legge così da equipaggiarsi precauzionalmente contro un eventuale collasso del sistema
Svizzera
13 ore
Allarme per le piccole medie imprese: ‘Bollette sestuplicate’
Preoccupazione per l’associazione di categoria attiva nell’industria delle macchine, elettrotecnica e metallurgica
Svizzera
13 ore
Sei indebitato? Avrai (forse) una seconda chance
Chiesti miglioramenti sul progetto di legge del Consiglio federale che mira a sostenere le persone in difficoltà finanziarie
Svizzera
15 ore
Ecco come hanno votato gli italiani in Svizzera
Il Partito democratico perde la leadership dei voti di lista, ma il risultato a livello di coalizione presenta alcune sorprese rispetto al voto in Italia
Svizzera
1 gior
‘Altri modelli da discutere in vista della prossima riforma’
A colloquio con Jerôme Cosandey di Avenir Suisse sulle prospettive future del primo pilastro dopo il risicato sì popolare ad Avs 21
Svizzera
1 gior
Domenica di bocciature a livello cantonale
La bocciatura più sonora, col 71,5% dei no, va al credito che il Canton Lucerna voleva dare alla Guardia Pontificia in Vaticano
Svizzera
1 gior
Allevamento intensivo: il no è netto
La bocciatura dell’iniziativa va oltre le previsioni: il 62,86% dei votanti ha infatti detto no
© Regiopress, All rights reserved