laRegione
16.02.22 - 13:19
Aggiornamento: 20:21

Consuntivo federale 2021, deficit di 12,2 miliardi di franchi

I risultati provvisori parlano di un deficit superiore ai 6,1 miliardi di disavanzo preventivati. Pesano le uscite correlate al Covid

Ats, a cura de laRegione
consuntivo-federale-2021-deficit-di-12-2-miliardi-di-franchi
Ti-Press

La pandemia sta lasciando il segno sulle casse federali. I risultati provvisori del consuntivo 2021, di cui il governo è stato informato oggi, parlano di un deficit pari a 12,2 miliardi di franchi, a fronte dei 6,1 miliardi di disavanzo preventivati.

Per fronteggiare la pandemia, lo scorso anno la Confederazione ha speso complessivamente 14 miliardi di franchi. Di questi, 12,3 miliardi sono stati contabilizzati come uscite straordinarie, indica il Consiglio federale in un comunicato odierno.

Globalmente risulta un deficit di finanziamento di 12,2 miliardi, ossia il doppio di quanto iscritto a preventivo. Questo perché gran parte delle uscite correlate al Covid-19 hanno potuto essere chieste soltanto nel corso dell’anno con delle aggiunte.

Rispetto all’anno precedente, le entrate, che si sono attestate a 76,1 miliardi, presentano un aumento del 5,6%. L’incremento maggiore concerne l’imposta sul valore aggiunto (+1,4 mia.) e l’imposta federale diretta (+1,2 mia.). Anche l’utile distribuito dalla banca nazionale svizzera (BNS) è stato maggiore (+0,7 mia.).

Le distribuzioni supplementari di 1,3 miliardi del 2021 vengono contabilizzate per la prima volta come entrate straordinarie, contribuendo in tal modo alla riduzione del debito causato dalla pandemia. La flessione del gettito dell’imposta preventiva (-0,3 mia.) rispetto al 2020 conferma un’inversione di tendenza con minori ricavi.

Con un lieve incremento (+0,5%), le uscite (88,3 miliardi) sono rimaste elevate, restando fortemente legate alla gestione della pandemia. Le voci più consistenti riguardano l’indennità per lavoro ridotto (4,3 mia.), gli aiuti per i casi di rigore (4,2 mia.) e l’indennità di perdita di guadagno per Covid-19 (1,8 mia.).

Complessivamente, le uscite da ricondurre al coronavirus sono state leggermente più contenute rispetto al 2020 (-0,9 mia.) e una quota maggiore ha potuto essere finanziata tramite il bilancio ordinario(+1,4 mia.).

Il debito lordo, prosegue il governo nel suo resoconto, è aumentato di 5 miliardi e alla fine del 2021 si attestava a circa 109 miliardi di franchi. Questa progressione è nettamente inferiore al deficit di finanziamento, che ha potuto in parte essere coperto con le liquidità, disponibili perché, in alcuni casi, le imprese e i Cantoni hanno procrastinato le istanze di rimborso dell’imposta preventiva. Il rimborso degli importi produrrebbe un conseguente incremento del debito lordo.

Il disavanzo sul conto di ammortamento è la condizione per ridurre il debito correlato alla pandemia. Entro la fine del 2022 esso (uscite straordinarie al netto delle entrate straordinarie) crescerà a circa 25-30 miliardi e dovrà nuovamente essere eliminato conformemente alle disposizioni della Legge federale sulle finanze della Confederazione (LFC). Per evitare di ricorrere a programmi di risparmio o ad aumenti delle imposte, il Consiglio federale propone di modificare la LFC e verosimilmente licenzierà un messaggio in questo senso a marzo. Alla fine dello stesso mese sarà pubblicato il risultato dettagliato dell’esercizio 2021.

Le cifre relative al preventivo 2023 e il piano finanziario saranno invece pronti entro l’estate. A tal fine oggi l’esecutivo ha fissato il quadro finanziario per il processo di preventivazione. Per l’anno prossimo è atteso il ritorno alla normalità politico-finanziaria, senza ulteriori uscite straordinarie dettate dal Covid. Attualmente, il governo ipotizza un’eccedenza di finanziamento di 0,6 miliardi di franchi.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
4 ore
‘Altri modelli da discutere in vista della prossima riforma’
A colloquio con Jerôme Cosandey di Avenir Suisse sulle prospettive future del primo pilastro dopo il risicato sì popolare ad Avs 21
Svizzera
7 ore
Domenica di bocciature a livello cantonale
La bocciatura più sonora, col 71,5% dei no, va al credito che il Canton Lucerna voleva dare alla Guardia Pontificia in Vaticano
Svizzera
9 ore
Allevamento intensivo: il no è netto
La bocciatura dell’iniziativa va oltre le previsioni: il 62,86% dei votanti ha infatti detto no
Svizzera
9 ore
Imposta preventiva: respinta dal 52% dei voti
Malgrado il testa a testa, alla fine prevale il no
Svizzera
9 ore
Riforma AVS: le donne andranno in pensione a 65 anni
La modifica della legge federale sull’assicurazione per la vecchiaia e per i superstiti approvata per un soffio: sì al 50,6%
Svizzera
10 ore
Ambasciatore ucraino a Berna, no asilo per disertori russi
Preoccupano i migliaia di russi in fuga dal loro Paese per evitare il reclutamento, si teme che tra loro vi siano spie di Putin
Svizzera
14 ore
Una votazione che ha lasciato col fiato sospeso
Le urne sono chiuse, è iniziato lo spoglio delle schede. I risultati in tempo reale
Svizzera
17 ore
C’è tempo fino a mezzogiorno per votare
Svizzeri alle urne su Avs, imposta preventiva e allevamento intensivo
Svizzera
1 gior
Gli F-35 si comprano e gli oppositori si vestono da lutto
La manifestazione oggi a Berna per denunciare “la farsa democratica” riguardo alla decisione del Consiglio federale di acquistare i jet da combattimento
Svizzera
1 gior
Se il vaccino è ‘da buttare’
Sono oltre 10milioni le dosi di Moderna che la Confederazione ha acquistato per contrastare il Covid e che mercoledì... sono scadute
© Regiopress, All rights reserved