laRegione
poco-efficace-il-divieto-di-vendere-sigarette-a-minori
Ti-Press
Un divieto dalla scarsa efficacia
05.07.21 - 15:47

Poco efficace il divieto di vendere sigarette a minori

La misura è facilmente aggirabile, afferma uno studio svizzero. L’interrogativo: perché riduce la vendita di alcol ma non quella di prodotti del tabacco?

Basilea/Losanna – Vietare la vendita di sigarette ai minorenni è inutile o quasi. A portare a galla la scarsa efficacia del divieto ci pensa uno studio basilese e losannese, secondo cui verosimilmente i giovani riescono comunque a procurarsi il prodotto per vie traverse.

Dal 2006, tutti i Cantoni - eccetto Appenzello Interno e Svitto - hanno introdotto la proibizione di vendere sigarette ai minori di 16 e 18 anni. Ricercatori delle università di Basilea e Losanna, guidati dall'economista Armando Meier, hanno approfittato dello scaglionamento di queste misure per fare dei confronti tra il prima e il dopo.

Nessuna diminuzione del consumo

Tra il 2001 e il 2016, nell'ambito dello studio sono stati interrogati oltre 80'000 giovani di età inferiore ai 21 anni in tutta la Svizzera. Dal lavoro, pubblicato sul ‘Journal of Economic Behavior & Organization’, è saltato fuori che non è stata notata nessuna diminuzione statistica significativa del consumo di sigarette.

Solo una leggera riduzione, trascurabile, è emersa nei Cantoni dove il limite è stato fissato a 18 anni. Non vi sono differenze tra ragazzi e ragazze e i giovani, una volta diventati adulti, fumano come prima dell'esistenza dei divieti.

Sigarette dagli amici

Secondo gli autori, da un lato fumare viene considerato meno "forte" da quando ci sono le interdizioni. Tuttavia, ciò non ha avuto un impatto quantificabile sul consumo e non è nemmeno aumentata la presa di coscienza del rischio per la salute.

Stando ad Alois Stutzer, co-autore della ricerca citato in una nota odierna dell'università di Basilea, una spiegazione possibile è che i giovani riescono ad aggirare i divieti, procurandosi le sigarette tramite la loro cerchia di amici. Nelle loro conclusioni gli esperti suggeriscono di indagare per scoprire come mai questi provvedimenti hanno effetti sulla vendita di alcol ma non su quella di tabacco.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
alcol divieto giovani sigarette studio vendita
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
17 min
Detenuto evade dal carcere bernese di Witzwil
L’uomo, un cittadino algerino di 41 anni, non è considerato pericoloso. Stava scontando la pena in regime aperto
Svizzera
51 min
L’Altopiano svizzero si sta ‘toscanizzando’
Ciò è dovuto ai periodi sempre più lunghi di caldo e siccità. Lo segnala la Fondazione svizzera per la tutela del paesaggio
Svizzera
2 ore
Ginevra, trovato il corpo di un uomo nel lago
Stando ai primi accertamenti la causa della morte è l’annegamento
Svizzera
2 ore
‘Expat stanno scacciando il ceto medio-basso da Zurigo’
Lo afferma il quotidiano zurighese Tages-Anzeiger dopo aver analizzato un rapporto dell’Ufficio comunale delle imposte
Svizzera
3 ore
Istruzione: ‘Mancano insegnanti qualificati’
Il mondo scolastico della Svizzera tedesca e francese è confrontato con la penuria di personale qualificato e l’integrazione degli allievi ucraini
Svizzera
3 ore
Corpo recuperato nelle acque dell’Aare
Si tratta di un 44enne georgiano. La pista privilegiata dagli inquirenti è quella dell’incidente
Svizzera
4 ore
Travail.Suisse esige aumenti salariali fra il 3 e il 5%
L’organizzazione sindacale chiede l’incremento per compensare l’attuale forte aumento del costo della vita e gli incrementi di produttività delle aziende
Svizzera
4 ore
Il futuro sistema di voto online alla prova degli hacker etici
La Posta ha chiesto di effettuare dei test di intrusione pubblici per scovare falle sul sistema che dal 2023 dovrebbe essere a disposizione dei Cantoni
Svizzera
7 ore
‘Sulla cybersicurezza servono regole più forti’
Secondo lo specialista Stéphane Koch, le aziende andrebbero obbligate a garantire la propria sicurezza pena essere ritenute responsabili per gli attacchi
Svizzera
7 ore
Disoccupazione Seco immutata al 2% a luglio, in Ticino al 2,3%
Rispetto allo scorso anno il calo è però sensibile, con il 28,7% in meno di persone iscritte nelle liste degli Uffici regionali di collocamento (Urc)
© Regiopress, All rights reserved