laRegione
22.09.21 - 18:25

Gioventù e fumo, a tetto la legge che limita la pubblicità

Eliminate le ultime divergenze: le sigarette potranno contenere mentolo. Si andrà a votare sull’iniziativa per un divieto generalizzato

gioventu-e-fumo-a-tetto-la-legge-che-limita-la-pubblicita
Keystone
Si andrà a votare verosimilmente nel 2022

Berna – La vendita di sigarette ai minori sarà vietata in tutta la Svizzera e la pubblicità del tabacco sarà ulteriormente regolata. Mercoledì il Parlamento ha eliminato le ultime divergenze rimaste nella nuova legge sui prodotti del tabacco. Le sigarette potranno contenere mentolo. Assecondando il Consiglio degli Stati, il Nazionale ha infine accettato con 99 voti contro 85, e 8 astensioni, di autorizzare gli ingredienti che aumentano il potenziale di dipendenza o facilitano l’inalazione nei prodotti del tabacco.

La modifica legislativa adottata oggi era stata inizialmente pensata per poter ratificare la Convenzione quadro dell’Organizzazione mondiale della sanità per la lotta al tabagismo, entrata in vigore nel 2005. La revisione risponde anche alle richieste incluse in un’iniziativa popolare che intende vietare la pubblicità del tabacco depositata nel 2019.

Divieto di pubblicità generalizzato o selettivo?

Questa proposta di modifica costituzionale - denominata “Fanciulli e adolescenti senza pubblicità per il tabacco” e sottoscritta da 109’969 persone - chiede di vietare ogni forma di pubblicità del tabacco che raggiunge bambini e giovani, sulla stampa, in internet, sui manifesti, nei cinema e nei punti vendita. Sarebbe vietata anche la sponsorizzazione di eventi e le sigarette elettroniche sarebbero regolamentate come quelle tradizionali. Rimarrebbe possibile la pubblicità rivolta unicamente agli adulti. Le due Camere l’hanno bocciata. Sarà quindi sottoposta al popolo con raccomandazione di respingerla.

Quanto alla nuova legge sul tabacco adottata oggi, questa non prevede un divieto generalizzato della pubblicità sulla stampa e in internet. La proibizione si applicherà solo alla stampa e ai portali destinati ai minori. Vietata anche la pubblicità nei cinema e negli spazi pubblici, compresi trasporti pubblici e impianti sportivi, nonché quella su manifesti visibili dal suolo pubblico. Continuerà a non essere ammessa in radio e alla televisione.

Circa la sponsorizzazione di prodotti contenenti tabacco, quest’ultima sarà vietata per gli eventi a carattere internazionale o se rivolti a un pubblico di minorenni. La legge regola ancora i prodotti del tabacco destinati a essere riscaldati e quelli a base di nicotina per uso orale. Ammette anche le sigarette elettroniche contenenti nicotina. Lo “svapare” sarà proibito laddove è vietato fumare.

Legge dalla portata ‘limitata’

La legge fissa anche un’età minima di 18 anni generalizzata a livello svizzero per la vendita di tabacco. Attualmente, ogni cantone ha una propria legislazione in materia: undici vietano la vendita ai minorenni e dodici hanno fissato l’età minima a 16 anni. Tre cantoni non prevedono alcun limite.

Durante le discussioni, il consigliere federale Alain Berset ha però detto che queste disposizioni non permetteranno di ratificare la convenzione in quanto la portata della legge è limitata. “Per esempio - aveva sostenuto il ministro della Sanità - già oggi non c’è pubblicità dei prodotti del tabacco nei media rivolti ai minori”. Per quanto riguarda il divieto di pubblicità tramite affissioni introdotto nel progetto, questo esiste già in 17 cantoni. E per quanto riguarda la reclame nei cinema: oggi c’è già poca o nessuna pubblicità per il tabacco.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
7 ore
Il ‘dopo Maurer’ non vedrà scendere in campo Martullo-Blocher
La consigliera nazionale e vicepresidente dell’Udc svizzera ha fatto sapere di non essere interessata a candidarsi per il Consiglio federale
Svizzera
9 ore
Uno Stato maggiore ad hoc gestirà l’eventuale penuria energetica
Verrà attivato non appena il mercato non sarà più in grado di funzionare da solo e saranno necessari divieti e limitazioni d’utilizzo
Svizzera
10 ore
Maurer, 14 anni fra collegialità e fedeltà di partito
Ritratto del consigliere federale Udc al passo d’addio a fine anno. Bene alle Finanze interne, non eccelso sulla scena internazionale
Svizzera
12 ore
Ueli Maurer si dimette dal Consiglio federale
Il capo del Dipartimento delle finanze ed ex presidente Udc lascia il governo dopo 14 anni
Svizzera
13 ore
Il Nazionale vuole una tassa sul ‘Pronto soccorso facile’
La Camera del popolo ha respinto l’archiviazione della proposta di una tassa di 50 franchi per chi si reca al Ps per problemi di salute lievi
Svizzera
14 ore
Pietra tombale sull’autonomia del governo sulle sanzioni
Il Nazionale boccia la revisione della legge sugli embarghi. Insolita saldatura fra l’Udc contraria in toto e la sinistra che voleva una portata più ampia
Svizzera
1 gior
Lukas Reimann ha un malore, interviene Marina Carobbio
Il consigliere nazionale dell’Udc si è sentito male durante il dibattito sulle sanzioni. La ‘senatrice’ e medico ticinese ha prestato i primi soccorsi
Svizzera
1 gior
Si incaglia al Nazionale l’abolizione del valore locativo
Il dossier torna in commissione. La maggioranza della Camera del popolo vuole coinvolgere maggiormente i Cantoni
Svizzera
1 gior
Ue: oggi soltanto il 6,5% dei giovani svizzeri è favorevole
Solo nel 2007 questa fascia di età (18-34 anni) risultava essere la più propensa all’ingresso della Confederazione elvetica
Svizzera
1 gior
I servizi pubblici svizzeri digitali stanno perdendo colpi
In testa alla graduatoria in materia di digitalizzazione si piazza la Danimarca. Per le città, Zurigo davanti a Roma
© Regiopress, All rights reserved