laRegione
31.05.22 - 16:01
Aggiornamento: 18:29

Le e-cig, da ausilio per smettere a ‘trappola’ per i giovani

L’aggiornamento della legge sanitaria cantonale introdurrà il divieto di vendita ai minori. Il Dss: ‘Il tabagismo è un’epidemia silenziosa e costosa’

di Generoso Chiaradonna
le-e-cig-da-ausilio-per-smettere-a-trappola-per-i-giovani
Ti-Press
Gadget ‘attira’ giovani

Divieto di vendita di sigarette elettroniche e prodotti affini ai minori e divieto di ‘svapo’ negli spazi chiusi accessibili al pubblico. Di fatto le e-cig e affini verranno parificate alle sigarette tradizionali. Sono questi i due punti principali della proposta di modifica della Legge sanitaria cantonale adottata dal Consiglio di Stato e suggerita dal Dipartimento della sanità e della socialità (Dss). Modifiche presentate non a caso in occasione della giornata mondiale contro il tabagismo che cade il 31 maggio di ogni anno. In questo modo il Ticino si allinea ad altri cantoni e anticipa l’entrata in vigore della Legge federale sul tabacco.

Il tabagismo, ha ricordato il consigliere di Stato e direttore del Dss, uccide ogni anno 9’500 persone in Svizzera e causa ogni anno costi, diretti e indiretti, per oltre 3,9 miliardi di franchi l’anno. Una epidemia silenziosa e costosa in termini umani e finanziari.

Nel mirino delle autorità sanitarie rientrano ora anche le sigarette elettroniche, sia quelle che ‘bruciano’ liquidi, sia quelle che scaldano tabacco. Prodotti che trovano sempre più consenso soprattutto tra i più giovani. Un consenso che preoccupa anche perché – spiega la dottoressa Martine Bouvier Gallacchi, medico capo del servizio di promozione e valutazione sanitaria del Dss – «i giovani, ma non solo, non riescono a percepire queste abitudini come pericolose e questo anche grazie alle campagne mirate dell’industria che tendono a far passare come meno rischiose le sigarette elettroniche a tabacco riscaldato». Da qui l’iniziativa di aggiornare il quadro legislativo attuale che «ignora la sigaretta elettronica e i prodotti affini, come quelli a tabacco riscaldato», afferma Raffaele De Rosa. «Si impone un adeguamento legislativo per aumentare la consapevolezza sui rischi, rafforzare la prevenzione della salute ed evitare la banalizzazione del consumo».

E il binomio giovani e fumo, contrariamente a quanto avvenuto nella fascia più adulta della popolazione, si sta imponendo sempre di più. Mentre la quota di fumatori nella società in generale è di circa il 32% (più uomini, 34,7%; un po’ meno le donne, 29,1%), nella fascia tra i 15 e i 24 anni è in aumento negli ultimi 15 anni fissandosi a quasi il 44%. Più di quattro giovani su dieci è un fumatore. «Dati che sorprendono e preoccupano», afferma la dottoressa Bouvier Gallacchi.

"Benché sia dimostrato da numerosi studi, il pericolo dei prodotti del tabacco per la propria salute e quella altrui (tabagismo passivo, ndr) continua a essere sottovalutato da una parte della popolazione e spesso gli vengono anteposti le libertà individuali e gli interessi economici pure sul piano politico, anche a seguito dell’intensa attività di lobbying promossa dall’industria del tabacco", si legge nel messaggio approvato dal Consiglio di Stato la scorsa settimana e reso noto oggi. Per questo motivo e malgrado i notevoli progressi ottenuti a favore della protezione dei non fumatori, la prevenzione delle malattie direttamente associate al tabagismo rimane una sfida per la salute pubblica. A questo si aggiunge la continua immissione sul mercato di nuovi prodotti che rischia di compromettere le misure di prevenzione finora attuate, in particolare per quanto riguarda i più giovani che costituiscono il gruppo di popolazione più vulnerabile.

Da ausilio per smettere di fumare, a oggetti di culto per i giovani

Le e-cig, spiega la dottoressa Bouvier Gallacchi, sono nate come strumento per combattere la dipendenza. Nel corso degli anni sono diventate però gadget per inalare forti quantità di nicotina e altre sostanze che hanno comunque dei rischi per la salute oltre a creare una forte dipendenza. I giovani sono di fatto il target di questa industria. Da un paio di anni alle ‘vecchie’ e-cig con i liquidi, con o senza nicotina, si sono aggiunte le cosiddette Puff Bar, strumenti simili a chiavette Usb ma più economiche e usa e getta. Gadget che hanno una forte attrattiva nei confronti dei giovani non fumatori con il rischio di trasformarli in consumatori di tabacco.

I dati dell’indagine sulla salute in Svizzera del 2017 mostravano un utilizzo ancora marginale in Ticino di questi strumenti alternativi alla classica sigaretta: solo il 3%. Le autorità sanitarie sono però caute nell’interpretazione di questi dati. Basta osservare le abitudini dei fumatori per strada o fuori dai locali pubblici per fare ritenere che questa percentuale sia più significativa di quanto appaia. Inoltre, continua la Bouvier Gallacchi, la prevalenza maggiore di utilizzatori di questi prodotti è concentrata nella fascia di età tra i 15-24 anni. Inoltre in Ticino, tra i 14 e i 15 anni, circa quattro ragazzi su dieci hanno già sperimentato l’uso della sigaretta elettronica. «L’industria del tabacco tende a far passare il messaggio che con la riduzione del rischio (tabacco riscaldato) siano dei partner della salute pubblica. Non è così», commenta la dottoressa.

‘Serve la prevenzione, non i divieti’

Rocco Cattaneo, consigliere nazionale Plr, già nel comitato dell’iniziativa ‘no al divieto di pubblicità del tabacco’, è favorevole a tutto ciò che può prevenire il tabagismo tra i giovani e non solo. «I divieti però mi lasciano perplesso. Non credo che sia la strada giusta anche perché l’accesso ai prodotti del tabacco - pur se limitato ai maggiori di diciotto anni - non è impossibile da parte dei più giovani», commenta a laRegione. «A livello nazionale vedo anche tanta incoerenza, visto che si cerca di liberalizzare il consumo di canapa e dei suoi derivati. Mi sembra un controsenso». Come fare, allora? «Sensibilizzare i ragazzi fin da giovanissimi ai danni del tabagismo, coinvolgendoli sempre di più in attività sportive e culturali. Le famiglie hanno un compito fondamentale in questo. Non possiamo lasciare tutto ai divieti», conclude.

Leggi anche:

Sigarette elettroniche, verso il divieto di vendita ai minorenni

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Locarnese
16 min
Gambarogno, i ritocchi ai conti possono attendere
Le finanze del Comune destano preoccupazione, ma le contromisure non saranno per il 2023. Probabile un futuro aumento del moltiplicatore
Mendrisiotto
16 min
Mendrisiotto, la qualità dell’aria resta osservata speciale
Dopo una settimana pesante è arrivata la pioggia. Nel 2020 registrate quattromila morti premature nelle province pedemontane lombarde
Luganese
16 min
Lugano, la replica a Lombardi: ‘Coinvolgeteci, ma davvero’
La Commissione di quartiere di Sonvico mette i puntini sulle i, dopo che il municipale si era detto deluso dal presunto inattivismo delle commissioni
Ticino
7 ore
E per la fine dell’anno c’è anche Nez Rouge
Ritorna il servizio che riaccompagna a casa in sicurezza chi non se la sente di mettersi alla guida
Luganese
8 ore
Fiamme in un appartamento di Caslano, danni ingenti
Non si registrano feriti: quando l’incendio è scoppiato i locali erano vuoti. Sul posto pompieri di Caslano e Polizia
Luganese
10 ore
Protezione civile Lugano Città, un altro anno in prima linea
Anche nel 2022 i giorni di servizio sono stati largamente di più di quelli del triennio 2018-20, seppur un po’ meno rispetto al 2021
Grigioni
12 ore
Frana in Val Calanca: ‘Non si può continuare a sfidare la sorte’
Per la vicesindaca di Buseno Rosanna Spagnolatti è necessario individuare una soluzione per una zona già toccata in passato da scoscendimenti
Mendrisiotto
12 ore
Breggia cambia il progetto per l’ex Osteria del sole
Il Municipio ha presentato una nuova domanda di costruzione, che al contrario della precedente, prevede la demolizione integrale della struttura
Gallery
Ticino
12 ore
Nel weekend la Svizzera italiana s’è messa il suo abito bianco
Trenta centimetri a San Bernardino, venti a 1’400 metri di quota: la neve ha fatto capolino anche a Sud del San Gottardo. Disagi contenuti sulle strade
Ticino
14 ore
Il 25 dicembre Gas stacca definitivamente la spina
La testata web indipendente di controinformazione, nata in scia al cartaceo Diavolo, annuncia la sua prossima chiusura
© Regiopress, All rights reserved