laRegione
30.06.21 - 16:40
Aggiornamento: 17:36

Distribuzioni Bns per ridurre debito Covid: due varianti

Il Consiglio federale deciderà all'inizio del prossimo anno quale sottoporre al Parlamento

Ats, a cura de laRegione
distribuzioni-bns-per-ridurre-debito-covid-due-varianti
Keystone

Le future distribuzioni supplementari della Banca nazionale svizzera (Bns) saranno contabilizzate come entrate straordinarie da quest'anno e serviranno a ridurre il debito causato dalla pandemia di coronavirus. Per raggiungere questo obbiettivo, il Consiglio federale intende porre in consultazione due varianti. All'inizio del prossimo anno deciderà quale sottoporre al Parlamento.

Le misure decise dal Consiglio federale e dal Parlamento per attenuare le conseguenze della pandemia comporteranno uscite straordinarie per circa 30 miliardi di franchi. Queste uscite devono essere compensate, come previsto dal freno. A fine agosto il governo intende avviare una procedura di consultazione proponendo due metodi, che possono essere attuati senza programmi di risparmio.

A partire dall'esercizio 2021 le distribuzioni supplementari della Bns - per un massimo di 1,3 miliardi - saranno contabilizzate come entrate straordinarie e accreditate al conto di ammortamento. Questa decisione non richiede alcuna modifica di legge e non sarà quindi inclusa nel progetto, precisa il Consiglio federale. Saranno poste in consultazione solo le due varianti per attuare questo obbiettivo.

La prima prevede la riduzione del debito entro il 2035. Con questa opzione il termine di ammortamento di sei anni dovrà essere raddoppiato e il debito azzerato nelle prossime tre legislature, tra il 2023 e il 2035. Se il disavanzo ammonta effettivamente di 30 miliardi, il debito dovrà essere ridotto di 2,3 miliardi di franchi all'anno. Oltre alle distribuzioni supplementari della Bns, sarà necessario quindi un miliardo supplementare, che potrà essere attinto dai crediti a preventivo inutilizzati (residui di credito). Ogni anno infatti nel consuntivo le uscite risultano inferiori di circa un miliardo rispetto ai valori di preventivo, precisa la nota.

La seconda variante prevede che parte del disavanzo sia compensata con eccedenze di finanziamento passate. Negli scorsi anni è stato possibile ridurre il debito nel bilancio ordinario e quindi l'obiettivo del freno all'indebitamento è stato superato. La metà del debito straordinario causato dal coronavirus potrà quindi essere compensata con la riduzione del debito effettuata in passato. Il restante disavanzo sul conto di ammortamento dovrà essere ridotto sempre tramite i residui di credito e le distribuzioni supplementari della Bns. In questo modo il termine di ammortamento sarà nettamente più breve.

All'inizio del 2022, quando le conseguenze finanziarie effettive sul bilancio saranno più chiare, il Consiglio federale deciderà quale variante proporre al Parlamento.

Il principio del freno all'indebitamento prevede che le uscite possono essere aumentate solo se il loro finanziamento è assicurato da entrate più elevate o da rinunce sul fronte delle uscite. Negli anni passati questo strumento ha permesso di ridurre considerevolmente il debito, afferma il governo precisando che è strutturato in modo flessibile permettendo uscite supplementari proprio per far fronte a situazioni straordinarie.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
4 ore
Ottanta soccorritori svizzeri partiti verso Turchia e Siria
In serata sono decollati da Zurigo anche otto cani da ricerca e 18 tonnellate di materiale con destinazione le aree disastrate dal potentissimo sisma
Svizzera
9 ore
L’uomo è ancora visto come responsabile del reddito familiare
Secondo un sondaggio, uomini e donne concordano sul fatto che un padre dovrebbe lavorare a una percentuale maggiore rispetto a una madre
Svizzera
11 ore
In Svizzera un sisma come quello in Turchia sarebbe catastrofico
Le norme antisismiche elvetiche sono basate su terremoti di magnitudo massima inferiore alle scosse in Turchia: ma la probabilità è estremamente bassa
Svizzera
13 ore
Jelmoli si ristruttura, centinaia di dipendenti interessati
Nessun operatore interessato a gestire la struttura, e Swiss Prime Site, l’attuale proprietario, ne annuncia una profonda ristrutturazione
Svizzera
13 ore
Terremoto in Turchia, echi anche nel nostro Paese
Le prime onde sismiche sono state registrate anche dalla stazione di misurazione di Zurigo, circa 6 minuti dopo la scossa principale
Svizzera
14 ore
Berna accoglie l’appello lanciato dalle autorità turche
La Catena svizzera di salvataggio (composta da un’ottantina di persone) è pronta a partire alla volta delle zone colpite dal violento terremoto
Svizzera
15 ore
La migrazione degli anfibi minacciata dal cambiamento climatico
Non bastava il pericolo di essere investiti durante gli spostamenti verso il luogo di deposizione: il riscaldamento globale ne sconvolge la riproduzione
Svizzera
15 ore
Sostegno e aiuti dalla Svizzera alle vittime del terremoto
Mano tesa del nostro Paese verso Turchia e Siria. Lo indica il presidente della Confederazione Alain Berset con un ‘cinguettio’
Svizzera
16 ore
Dopo il passaporto, è la carta d’identità a rifarsi il look
Il nuovo documento sarà disponibile a partire dal 3 marzo. Quelli emessi prima avranno comunque validità fino alla loro scadenza
Svizzera
1 gior
‘La penuria di farmaci è un problema internazionale’
Secondo Yvonne Gilli, presidente della Federazione dei medici svizzeri, urge una ‘soluzione globale ai massimi livelli’
© Regiopress, All rights reserved