laRegione
covid-i-cantoni-chiedono-regole-piu-semplici
Ruolo centrale (Ti-Press)
22.06.21 - 08:53
Ats, a cura de laRegione

Covid, i Cantoni chiedono regole più semplici

Domani il Consiglio federale annuncerà come intende procedere con gli allentamenti. Il certificato Covid avrà un ruolo centrale

Domani, mercoledì 23 giugno, il Consiglio federale deciderà come intende procedere negli allentamenti delle misure sanitarie contro il coronavirus. Un ruolo centrale dovrebbe svolgerlo il certificato Covid. Cantoni e associazioni accolgono positivamente questo passo, ma non risparmiano qualche critica.

Dal 1° luglio i grandi eventi dovrebbero essere limitati ai titolari del pass sanitario, ossia le persone vaccinate, guarite o risultate negative a un test, così come ai minori di 16 anni. Dovrebbero poter ospitare un massimo di 3000 persone all'interno e 5000 all'esterno.

Secondo Basilea Campagna questo creerà un ulteriore onere amministrativo per le aziende e le organizzazioni interessate, che non dovrebbero essere incaricate di svolgere altri compiti.

Il Governo prevede anche di permettere alle discoteche e ai club di riaprire da fine giugno, chiedendo un certificato. A opporsi in questo caso è la Commissione svizzera dei bar e dei club (CSBC), per la quale dovrebbe essere possibile organizzare feste con mascherine, capacità limitata, tracciamento dei contatti e obbligo di consumare seduti, ma senza dover presentare un pass.

Alcuni cantoni, come per esempio Argovia, vorrebbero invece estendere l'obbligo di certificato alle piscine coperte e ai parchi acquatici. Il motivo è che il rispetto delle regole di distanziamento e la superficie adibita a una persona viene considerato assai teorico.

Diversi cantoni chiedono anche al Consiglio federale di semplificare le norme e di rinunciare alle numerose regolamentazioni sulle dimensioni dei gruppi, sui metri quadrati, sui limiti di capacità e sulle misure di protezione vigenti per le manifestazioni. I cantoni della Svizzera orientale (San Gallo, Appenzello Interno, Appenzello Esterno, Turgovia) temono che questa confusione renda impossibile il rispetto delle regole.

Critiche vengono mosse anche alla limitazione del numero di ospiti all'interno dei ristoranti, malgrado il fatto che si dovrebbe passare da quattro a sei persone per tavolo. Gastrosuisse considera l'aumento troppo timido. L'associazione è sostenuta tra gli altri da Svitto, che chiede di togliere le limitazioni negli spazi chiusi, come il Governo intende fare per le terrazze. Vaud raccomanda invece che otto persone siano ammesse a un tavolo all'interno e che le restrizioni siano eliminate se tutte le persone di un gruppo hanno un certificato Covid.

Diversi cantoni chiedono la soppressione incondizionata dell'obbligo di telelavoro. I datori di lavoro possono definire le misure necessarie con i loro dipendenti, secondo San Gallo. L'11 giugno, il Consiglio federale ha deciso che era troppo presto per abolire questa disposizione, prevedendo un possibile allentamento solo quando tutti coloro che lo desiderano saranno stati vaccinati.

Alcuni cantoni si spingono oltre e chiedono che tutte le misure siano revocate al più presto. Berna, per esempio, ritiene che tutte le misure di lotta contro il coronavirus dovrebbero essere abolite entro la fine di settembre.

L'Unione svizzera delle arti e mestieri (Usam) chiede che la “situazione speciale” sia revocata il 1° luglio. Il comitato direttivo della Conferenza dei direttori cantonali della sanità (Cds) intende esaminare con il Governo come un ritorno alla normalità possa essere integrato al modello a tre fasi.

L'abolizione della mascherina negli spazi esterni delle strutture accessibili al pubblico, come marciapiedi delle stazioni ferroviarie, fermate degli autobus, è benvenuta. Alcuni cantoni vogliono però agire più velocemente, senza aspettare la fine di giugno.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
allentamenti certificato consiglio federale coronavirus
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
20 min
Livia Leu a Bruxelles per colloqui esplorativi
Durante la visita ufficiale della Segretaria di Stato è prevista la firma di un accordo di principio sul secondo contributo di coesione
Svizzera
51 min
Processo ai biker: pene detentive (anche lunghe) per tre persone
Otto anni di carcere al principale imputato, per altri due 8 e 42 mesi. E fori dall’aula la tensione resta alta
Svizzera
1 ora
Guardia alta a Berna in attesa della sentenza sui bikers
Vasto dispositivo di polizia nella capitale per l’ultimo atto del processo che vede imputati alcuni membri di Bandidos, Hells Angels e Broncos
Svizzera
16 ore
Covid, 3 svizzeri su 5 soddisfatti delle comunicazioni ufficiali
Secondo uno studio, in Ticino le persone che immaginano ci sia ‘un piano più grande dietro gli avvenimenti mondiali’ sono presenti in minor misura
Svizzera
16 ore
Fa sapere di aver donato un ovulo a una coppia, condannata
L’accordo scritto fra le parti prevedeva la non divulgazione della questione. Confermata la sentenza della giustizia zurighese.
Svizzera
17 ore
Crisi energetica, abbassare il termostato per risparmiare
La Confederazione potrebbe raccomandare alle famiglie che dipendono da questa energia di diminuire la temperatura in casa durante la stagione fredda.
Svizzera
17 ore
Giovane elefante muore allo zoo di Zurigo
L’animale era affetto da un herpes virus molto diffuso tra i pachidermi e particolarmente pericoloso per gli esemplari più piccoli
Svizzera
17 ore
Travolto e ucciso da un’auto mentre si trovava sul marciapiede
È successo a Baar, nel canton Zugo. Una donna avrebbe perso il controllo della vettura uscendo di strada e schiantandosi contro una fermata del bus.
Svizzera
18 ore
La Svizzera riprende il sesto pacchetto di sanzioni
Le nuove misure contro la Russia prevedono in particolare un embargo sul petrolio greggio e su alcuni prodotti petroliferi provenienti dal Paese
Svizzera
18 ore
La Confederazione si prepara a una penuria di gas
Si sta pure studiando un piano per un eventuale razionamento. Negli ultimi mesi i flussi di gas dalla Russia all’Ue sono diminuiti costantemente
© Regiopress, All rights reserved