laRegione
01.09.21 - 12:40
Aggiornamento: 16:21

Berna non decide ancora sull'estensione del certificato Covid

Come già trapelato, il Consiglio federale ha deciso di attendere e monitorare la situazione prima di mettere in atto nuove misure

Ats, a cura de laRegione
berna-non-decide-ancora-sull-estensione-del-certificato-covid
(Keystone)

Il Consiglio federale non ha ancora deciso in merito a un'eventuale estensione dell'obbligo del certificato Covid a ristoranti, cinema e altri spazi interni. La dinamica della pandemia si è lievemente affievolita, rileva oggi. Ma se l'evoluzione epidemiologica lo richiederà, adotterà in qualsiasi momento i provvedimenti necessari.

È stato fatto un esame della situazione epidemiologica e il governo è dell'opinione che non è ancora il momento per introdurre queste misure, ha precisato il conferenza stampa il portavoce dell'esecutivo, André Simonazzi.

Nei prossimi giorni la dinamica della pandemia sarà attentamente seguita e, se necessario, il Consiglio federale si terrà pronto a prendere le misure necessarie in caso di peggioramento della situazione, appoggiandosi su un esame globale dell'evoluzione della situazione, ha aggiunto.

Probabilmente l'esecutivo informerà nuovamente in merito la settimana prossima. Alla domanda di un giornalista, Patrick Mathys, dell'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP), ha da parte sua spiegato che i cantoni non possono estendere per conto loro l'obbligo di certificato, serve una base legale.

L'occupazione dei letti nei reparti di terapia intensiva resta molto elevata, tanto che alcuni ospedali hanno iniziato a rimandare interventi non urgenti, ammette il Consiglio federale in una nota, sottolineando però che l'evoluzione della pandemia è incerta.

La circolazione del virus potrebbe nuovamente aumentare se con l'abbassamento delle temperature le persone trascorreranno più tempo al chiuso. È però anche possibile che l'attuale situazione si stabilizzi. Ciò dipende anche da quante persone si fanno vaccinare, annota il governo, ricordando che negli ultimi giorni il numero delle somministrazioni è di nuovo aumentato.

L'estensione dell'obbligo di certificato in caso di sovraccarico degli ospedali, posta in consultazione la settimana scorsa, è stata accolta favorevolmente dai Cantoni, precisa il Consiglio federale, rallegrandosi che anche la maggioranza delle parti sociali e delle organizzazioni sportive, culturali e degli organizzatori di fiere consultate sostenga i suoi piani.

Alcuni partecipanti hanno respinto le proposte, altri sono critici sull'impiego del certificato, specialmente sulla sua inclusione nei piani di protezione sul posto di lavoro. Diverse organizzazioni hanno inoltre chiesto che la Confederazione continui a pagare i test necessari per ottenere il certificato.

Visti questi risultati, tutto sommato positivi, in caso di necessità il Consiglio federale potrà reagire rapidamente, dopo un'attenta valutazione sia del numero dei ricoveri e dei nuovi casi che dell'evoluzione della situazione epidemiologica. Gli effetti dei provvedimenti sul numero dei ricoveri si vedono soltanto dopo due o tre settimane, per cui è importante una buona pianificazione delle capacità ospedaliere da parte dei Cantoni.

Con l'estensione dell'obbligo del certificato si vogliono evitare chiusure e limitare il meno possibile la vita sociale ed economica, ricorda il governo. La proposta riguarda tutti gli spazi interni di ristoranti e bar, gli eventi al chiuso (p. es. concerti, teatro, cinema, eventi sportivi, matrimoni), gli spazi interni delle strutture culturali e per il tempo libero (p. es. musei, zoo, centri fitness, piscine coperte) e le attività sportive e culturali al chiuso. Come finora, non è invece prevista l'introduzione dell'obbligo di certificato all'aperto.

Il certificato, viene infine sottolineato nel comunicato, attesta l'avvenuta vaccinazione, la guarigione dalla malattia o il risultato negativo di un test. Per i bambini e i giovani al di sotto dei 16 anni non è obbligatorio.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
4 ore
Lukas Reimann ha un malore, interviene Marina Carobbio
Il consigliere nazionale dell’Udc si è sentito male durante il dibattito sulle sanzioni. La ‘senatrice’ e medico ticinese ha prestato i primi soccorsi
Svizzera
5 ore
Si incaglia al Nazionale l’abolizione del valore locativo
Il dossier torna in commissione. La maggioranza della Camera del popolo vuole coinvolgere maggiormente i Cantoni
Svizzera
6 ore
Ue: oggi soltanto il 6,5% dei giovani svizzeri è favorevole
Solo nel 2007 questa fascia di età (18-34 anni) risultava essere la più propensa all’ingresso della Confederazione elvetica
Svizzera
7 ore
I servizi pubblici svizzeri digitali stanno perdendo colpi
In testa alla graduatoria in materia di digitalizzazione si piazza la Danimarca. Per le città, Zurigo davanti a Roma
Svizzera
21 ore
Le Ffs vogliono 60% di merci in più su rotaia entro il 2050
Presentato il concetto ‘Suisse Cargo Logistics’. Promesse più flessibilità, velocità e digitalizzazione, con un occhio di riguardo ai trasporti ecologici
Svizzera
22 ore
Il parlamento apre il paracadute per Axpo
Anche il Consiglio degli Stati ha approvato a passo di carica la linea di credito di 4 miliardi per far fronte a problemi di liquidità
Svizzera
22 ore
Primo sì in Parlamento all’imposta minima sulle multinazionali
Il Consiglio degli Stati quasi all’unanimità sposa la linea governativa: lasciare la maggior parte degli introiti supplementari ai Cantoni interessati
Svizzera
22 ore
Maudet studia il ritorno e si candida al Consiglio di Stato
Caduto in disgrazia, di nuovo in pista: l’ex enfant prodige del Plr vuole difendere i ‘valori di una nuova lista’
Svizzera
1 gior
Energia, il governo al parlamento: ‘Le misure attuali bastano’
Dibattito al Nazionale sul tema. Il Consiglio federale criticato per la poca anticipazione rispetto a carenze ed emergenze prevedibili
Svizzera
1 gior
La crisi energetica fa tornare di moda il telelavoro
Alcune aziende, fra cui la Posta, stanno riconsiderando l’idea di rispedire a casa i dipendenti per risparmiare sul riscaldamento dei luoghi di lavoro
© Regiopress, All rights reserved