laRegione
29.09.21 - 07:40
Aggiornamento: 10:14

Gli svizzeri sostengono l’estensione del certificato Covid

Oltre i due terzi degli intervistati approvano la decisione del Consiglio federale ma si dicono contrari alla vaccinazione obbligatoria

Ats, a cura de laRegione
gli-svizzeri-sostengono-l-estensione-del-certificato-covid
(Keystone)

La maggioranza delle persone in Svizzera è favorevole a test a pagamento per ottenere un certificato Covid, come proposto dal Consiglio federale. È quanto emerge da un sondaggio pubblicato oggi dai giornali del gruppo di Tamedia e da “20 Minuten”.

Il 63% degli intervistati è favorevole o piuttosto favorevole. Solo fra i simpatizzanti dell’UDC la maggioranza (53%) chiede che i tamponi siano gratuiti, mentre il 45% ritiene che debbano essere a carico degli interessati.

Il Consiglio federale deciderà venerdì se e da quando i test non saranno più rimborsati. La settimana scorsa, il governo ha proposto di abolire la gratuità a partire dal 10 ottobre. I costi saranno coperti fino alla fine di novembre solo per chi è in attesa della seconda dose di vaccino

Stando all’inchiesta, la maggioranza è anche favorevole all’obbligo del certificato Covid per entrare nei ristoranti, nelle strutture culturali e di svago: il 67% degli intervistati approva infatti la misura, in vigore dal 13 settembre. Tra i giovani però il sostegno è nettamente inferiore: solo il 53% dei 18-34enni è favorevole. Il più alto sostegno per l’estensione dell’obbligo del certificato si riscontra tra gli over 65 con l’81%.

L’obbligo del certificato Covid è ben accolto per il settore della ristorazione, per gli ospedali e le case di riposo e anche per le strutture per il tempo libero. Solo il 40% però è favorevole a che venga richiesto per l’ammissione negli atenei. Il Consiglio federale ha lasciato alle università e ai cantoni la possibilità di decidere se adottare questa misura. L’obbligo sul posto di lavoro è sostenuto solo dal 28% della popolazione.

Per il sondaggio, condotto in collaborazione con Leewas GmbH, sono state esaminate circa 12.700 risposte. Il margine di errore è più/meno 1,5 punti percentuali.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
14 ore
Anche gli svizzeri a rischio di inondazioni
I mutamenti climatici aggravano il problema di chi abita all’interno delle vie di sfogo delle acque in caso di tracimazione. A rischio 700mila persone
Svizzera
16 ore
Kutter dal centro paraplegici di Nottwil: ‘Ce la faremo!’
Il consigliere nazionale zurighese twitta un messaggio di ottimismo dopo l’incidente sugli sci costatogli la frattura di due vertebre cervicali
Svizzera
16 ore
I Cantoni potrebbero restare per anni senza i soldi della Bns
È quanto affermano gli economisti dell’Ubs. La probabilità di una distribuzione salirà di nuovo sopra il 50% soltanto nel 2026
Svizzera
17 ore
Nel 2022 il 66% in più di traffico aereo in Svizzera
Il dato si sta riavvicinando a quello del periodo pre-pandemico distaccandosi solo del 12% rispetto al 2019
Svizzera
18 ore
Syndicom: basta molestie e sessismo nelle redazioni
Sulla scia delle rivelazioni su casi di mobbing e sessismo presso una testata del gruppo Tamedia, il sindacato dei media reclama un cambio di cultura
Svizzera
18 ore
Niente da fare per l’iniziativa per pensioni eque
I promotori gettano la spugna: l’obiettivo delle 100mila firme entro il 7 marzo resta una chimera
Svizzera
19 ore
Grindelwald, fiamme in una stazione della seggiovia
L’incendio si è sviluppato nella struttura a valle dell’impianto di risalita ‘Schilt’. Chiusa per motivi di sicurezza anche la vicina ‘Grindel’
Svizzera
20 ore
Dipendenze Svizzera contro la vendita notturna di alcolici
La Fondazione rileva come nei cantoni in cui dalle 21 alle 6 non è in vendita l’alcol, a parte il vino, i ricoveri dei giovani sian diminuiti del 30%
Svizzera
21 ore
La disoccupazione ‘Seco’ sale al 2,2%, il Ticino al quinto posto
I dati della Segreteria di Stato per l’economia non includono chi ha esaurito il diritto a ricevere le prestazioni o si trova a beneficio dell’assistenza
Svizzera
1 gior
Ottanta soccorritori svizzeri partiti verso Turchia e Siria
In serata sono decollati da Zurigo anche otto cani da ricerca e 18 tonnellate di materiale con destinazione le aree disastrate dal potentissimo sisma
© Regiopress, All rights reserved