laRegione
07.06.21 - 18:32

Sarà sempre più difficile contestare l’affitto iniziale

Il Tribunale federale chiarisce la giurisprudenza in materia di pigioni abusive. I proprietari potranno contestare in vari modi una presunzione di abuso.

sara-sempre-piu-difficile-contestare-l-affitto-iniziale
Keystone
L’Associazione inquilini critica la sentenza losannese

Losanna – Il Tribunale federale (Tf) ha precisato la giurisprudenza in materia di contestazione della pigione iniziale quando si tratta di un vecchio edificio. Un forte aumento degli affitti potrebbe far pensare a un abuso, ma il proprietario può opporsi a questa presunzione in vari modi.

In una sentenza pubblicata oggi, la prima Corte di diritto civile del Tf ricorda che la pigione iniziale è considerata abusiva quando è stata fortemente aumentata, ossia più del 10%, rispetto a quella precedente. Alcuni indizi possono però indebolire questa presunzione.

Il locatore può infatti presentare statistiche non ufficiali o fondarsi su abitazioni analoghe ma non totalmente comparabili. Oppure esibire una perizia privata.

Affitto di lunga durata

Un affitto precedente durato a lungo, dai 15 ai 20 anni, senza aumento regolare della pigione costituisce un indizio a favore della presunzione di abuso. In tutti questi casi, sta al locatario presentare la prova dell'abuso, basandosi sui criteri abituali quali le statistiche ufficiali o gli affitti di cinque alloggi comparabili.

Nella fattispecie, il Tf ha parzialmente accolto il ricorso di un locatore che nel 2017 aveva fissato a 1030 franchi netti il nuovo affitto di un 2 locali situato a Zurigo, in un edificio del 1933. Il locatario aveva contestato questo importo, argomentando che il suo predecessore pagava 738 franchi. Il Tribunale cantonale zurighese aveva giudicato il nuovo affitto abusivo e lo aveva ristabilito a 855 franchi.

‘Direzione sbagliata’

L'Associazione svizzera degli inquilini (Asi) ha criticato aspramente la sentenza. La prima Corte – scrive l’Asi in un comunicato odierno – fa così pesare l'onere della prova maggiormente sulle spalle dei locatari. Tuttavia, gli inquilini non hanno accesso ai prezzi di affitto di altri appartamenti nel quartiere, e quindi è molto più difficile per loro dimostrare se una pigione è abusiva.

L'Asi afferma inoltre che la decisione va nella "direzione completamente sbagliata". Nonostante il calo del costo della vita e i tassi d'interesse sui mutui in costante diminuzione, gli affitti continuano ad aumentare invece di diminuire. Con questa sentenza, il Tf rafforza l'orientamento al mercato nel diritto di locazione.

Anche l'Associazione svizzera dei proprietari fondiari è insoddisfatta della sentenza. I requisiti per il confronto degli affitti in una località e in un quartiere rimangono molto alti e difficili da soddisfare.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
20 ore
Sergio Mattarella in visita di Stato nella Confederazione
All’ordine del giorno le relazioni bilaterali, la situazione della guerra in Ucraina, la politica europea e il Consiglio di sicurezza dell’Onu
Svizzera
22 ore
Dopo Sommaruga: Baume-Schneider e Herzog su ticket femminile
Lo ha deciso il gruppo parlamentare del Partito socialista. La consigliera agli Stati e la senatrice basilese in corsa per il Consiglio federale.
Svizzera
23 ore
Dai frontalieri alla black list: faccia a faccia a Varese
Colloquio per i dossier aperti fra il consigliere federale Ueli Maurer e il ministro italiano dell’economia e delle finanze Giancarlo Giorgetti
Svizzera
1 gior
La mafia nella Confederazione ha cellule in ‘luoghi noti’
La riflessione del procuratore generale della Confederazione Stefan Blättler che lancia un monito: ‘Bisogna fare un passo avanti’
Svizzera
1 gior
Aviazione: crescono i passeggeri, ma non a livelli pre-Covid
L’evoluzione mensile dei viaggiatori ha mostrato ritmi di recupero superiori in luglio, rispetto ad agosto e settembre
Svizzera
1 gior
Il ‘giallo’ di Zermatt: non si trova più il segretario comunale
Nessun avviso formale di scomparsa, ma l’uomo, già comandante delle Guardie Svizzere in Vaticano, sembra sparito senza lasciare traccia
Svizzera
2 gior
Troppo poche le vaccinazioni anti-Covid fra le persone a rischio
È l’allarme lanciato dai direttori cantonali della sanità: ad oggi solo poco più del 20% degli over 65 ha ricevuto il richiamo
Svizzera
2 gior
Metà delle adolescenti in Svizzera è vittima di molestie sul web
Nel 2014 la percentuale era ancora del 19%. Ancora bassa la consapevolezza sulla sicurezza dei dati su internet e l’uso delle impostazioni sulla privacy
Svizzera
2 gior
Droni, così cambia la normativa (e si adatta all’Ue)
Le nuove norme saranno valide dal primo gennaio prossimo e comprendono standard di sicurezza per la produzione, la certificazione e l’esercizio
Svizzera
2 gior
Il boss di Chanel nuovo numero uno dei più ricchi in Svizzera
Gérard Wertheimer, 71enne imprenditore francese, ha un patrimonio familiare stimato di 38-39 miliardi di franchi
© Regiopress, All rights reserved